Vini, cantine e disciplinari dei vini italiani

Ti trovi in:   Home > Blog – Tavoliere delle Puglie o Tavoliere Doc

Loading

Blog

 

Tavoliere delle Puglie o Tavoliere Doc

15.11.2015

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE
CONTROLLATA  "TAVOLIERE DELLE PUGLIE" o "TAVOLIERE"


Approvato con DM 07.10.2011 GU n. 241 - 15.10.2011
Modificato con DM 30.11.2011 GU n. 295 - 20.12.2011
Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza - Vini DOP e IGP
Modificato con DM 07.03.2014 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza - Vini DOP e IGP


Articolo 1
Denominazione e Vini
La denominazione d'origine controllata DOC "Tavoliere delle Puglie" o "Tavoliere" è riservata ai
vini che rispondono alle condizioni e requisiti prescritti dal presente disciplinare di produzione per
le seguenti tipologie:
- "Rosso", anche Riserva e Rosato;
- "Nero di Troia", anche Riserva.


Articolo 2
Base ampelografica
I vini a denominazione di origine controllata "Tavoliere delle Puglie" o "Tavoliere" devono
essere ottenuti dalle uve provenienti dai vigneti aventi, nell'ambito aziendale, la seguente
composizione ampelografica:
"Tavoliere delle Puglie" o Tavoliere" Rosso anche Riserva e Rosato: Nero di Troia per almeno il
65%.
Possono concorrere alla produzione di detti vini, da sole o congiuntamente, nella misura massima
del 35%, anche le uve di altri vitigni a bacca nera non aromatici, idonei alla coltivazione nella
regione Puglia per la zona di produzione omogenea "Capitanata" e "Murgia Centrale" – iscritti nel
registro nazionale delle varietà di vite per uve da vino approvato con D.M. 7 maggio 2004 e
successivi aggiornamenti riportati nell'allegato 1 del presente disciplinare.
"Tavoliere delle Puglie" o Tavoliere" Nero di Troia anche Riserva: Nero di Troia per almeno il
90%.
Possono concorrere alla produzione di detto vino, da sole o congiuntamente, le uve di altri vitigni a
bacca nera, non aromatici, idonei alla coltivazione in Puglia per la zona di produzione omogenea
"Capitanata" e "Murgia Centrale" nella misura massima del 10% come sopra identificati.


Articolo 3
Zona di produzione delle uve
La zona di produzione delle uve atte alla produzione dei vini a denominazione di origine
controllata "Tavoliere delle Puglie" o "Tavoliere" comprende tutto il territorio amministrativo dei
seguenti comuni della provincia di Foggia: Lucera, Troia, Torremaggiore, San Severo, S. Paolo
Civitate, Apricena, Foggia, Orsara di Puglia, Bovino, Ascoli Satriano, Ortanova, Ordona,
Stornara, Stornarella, Cerignola, Manfredonia e dei seguenti comuni della provincia della BAT:
Trinitapoli, S. Ferdinando di Puglia e Barletta.


Articolo 4
Norme per la viticoltura
Le condizioni ambientali e di coltura dei vigneti destinati alla produzione dei vini a
denominazione di origine controllata "Tavoliere delle Puglie" o "Tavoliere" devono essere quelle
della zona di produzione e comunque atte a conferire alle uve e ai vini derivati le specifiche
caratteristiche di qualità.
Sono pertanto da considerarsi idonei i terreni bene esposti ad esclusione di quelli ad alta
dotazione idrica.
La densità di impianto per i nuovi vigneti e per i reimpianti non potrà essere inferiore a
3.500 ceppi per ettaro in coltura specializzata;.
Per i vigneti piantati prima dell'approvazione del presente disciplinare sono ammesse le
densità reali e tradizionali delle zone di produzione.
Le forme di allevamento consentite sono quelle generalmente usate nella zona, ossia
l'alberello e le spalliere tenute a guyot e a cordone speronato, o comunque forme atte a non
modificare le caratteristiche delle uve e dei vini. Solo per gli impianti preesistenti sono ammesse le
forme di allevamento già in uso nella zona, il tendone e la pergola pugliese, con i sesti di impianto
adeguati a tali forme di allevamento già esistenti.
E' consentita l'irrigazione esclusivamente in forma di soccorso. E' vietata ogni pratica di
forzatura.
Le rese massime di uva per ettaro in coltura specializzata per la produzione dei vini di cui
all'art. 1 ed i titoli alcolometrici minimi delle relative uve destinate alla vinificazione, devono essere
rispettivamente le seguenti:
Tipologia
Produzione uva
Tonn. /ettaro
Titolo alcolometrico volumico
naturale minimo % vol.
Rosso 1 5 1 2,00
Rosato 1 6 11,50
Nero di Troia 1 4 12,50
A detti limiti, anche in annate eccezionalmente favorevoli, le rese dovranno essere riportate,
purché la produzione non superi del 20% i limiti medesimi. Oltre detti limiti, tutta la produzione
non avrà diritto alla denominazione di origine controllata "Tavoliere delle Puglie" o "Tavoliere". La
Regione Puglia, con proprio decreto, sentiti i Consorzi di Tutela e le Organizzazioni di categoria
interessate, tenuto conto delle condizioni ambientali, di coltivazione e di mercato, può stabilire un
limite massimo di produzione di uva rivendicabile per ettaro inferiore a quello fissato dal presente
disciplinare, dandone immediata comunicazione al competente Organismo di controllo.


Articolo 5
Norme per la vinificazione
Le operazioni di vinificazione, ivi compreso l'invecchiamento obbligatorio devono essere
effettuate all'interno della zona di produzione di cui all'Articolo 3, è tuttavia consentito che dette
operazioni siano effettuate anche nell'ambito dei comuni confinanti alla zona come sopra
delimitata.
Nella vinificazione sono ammesse soltanto le pratiche enologiche leali e costanti, atte a
conferire ai vini le loro peculiari caratteristiche.
La resa massima dell'uva in vino, compresa l'eventuale aggiunta correttiva, per tutte le
tipologie non deve essere superiore al 70%.
Qualora tale resa superi il limite massimo sopra riportato, ma non oltre il 75%, l'eccedenza
non ha diritto alla denominazione di origine ma potrà essere destinata, qualora sussistono i requisiti
alla produzione di vini ad indicazione geografica nell'ambito geografico delimitato. Oltre detto
limite percentuale decade il diritto alla denominazione di origine controllata per tutto il prodotto.
Per tutte le tipologie , è ammessa colmatura con un massimo del 5% di altri vini anche di
altre annate, dello stesso colore e varietà, aventi diritto alla denominazione di origine controllata
"Tavoliere delle Puglie" o "Tavoliere".
E' consentito l'arricchimento, nei limiti stabiliti dalle norme comunitarie e nazionali, con
mosti concentrati ottenuti da uve dei vigneti iscritti allo Schedario viticolo della stessa
denominazione di origine controllata oppure con mosto concentrato rettificato o a mezzo di
concentrazione a freddo o altre tecnologie consentite.
E' inoltre consentita la dolcificazione secondo la vigente normativa comunitaria e nazionale.
Il vino a denominazione di origine controllata "Tavoliere delle Puglie" o "Tavoliere" Rosso
Riserva, prima dell'immissione al consumo, deve essere sottoposto ad un periodo di
invecchiamento obbligatorio di almeno 2 (due) anni di cui almeno 8 mesi in botti di legno, a
decorrere dal 1° novembre dell'annata di produzione delle uve.
Il vino a denominazione di origine controllata "Tavoliere delle Puglie" o "Tavoliere" Nero
di Troia Riserva, prima dell'immissione al consumo, deve essere sottoposto ad un periodo di
invecchiamento obbligatorio di almeno 2 (due) anni di cui almeno 8 mesi in botti di legno, a
decorrere dal 1° novembre dell'annata di produzione delle uve.


Articolo 6
Caratteristiche al consumo
I vini di cui all'art. 1, all'atto dell'immissione al consumo devono rispondere alle seguenti
caratteristiche:
"Tavoliere delle Puglie" o "Tavoliere" Rosso:
- colore: rosso rubino più o meno intenso talvolta con riflessi tendenti al granato;
- odore : caratteristico, intenso, fruttato;
- sapore : secco o abboccato, caratteristico;
- titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,00% vol;
- acidità totale minima : 4,5 g/l;
- estratto non riduttore minimo: 22,0 g/l;
- zucchero riduttore residuo non superiore a 9,0 g/l.
"Tavoliere delle Puglie" o "Tavoliere" Rosato:
- colore: rosato più o meno intenso con l' invecchiamento;
- odore: delicato e fruttato;
- sapore: secco o abboccato, caratteristico;
- titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,50% vol;
- acidità totale minima : 4,5 g/l;
- estratto non riduttore minimo: 19,0 g/l;
- zucchero riduttore residuo non superiore a 9,0 g/l.
"Tavoliere delle Puglie" o "Tavoliere" Rosso Riserva:
- colore: rosso rubino più o meno intenso talvolta con riflessi tendenti al granato con
l'invecchiamento;
- odore: delicato, caratteristico;
- sapore: secco o abboccato, di corpo, caratteristico;
- titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50% vol;
- acidità totale minima: 4,5 g/l;
- estratto non riduttore minimo: 23,0 g/l;
- zucchero riduttore residuo non superiore a 9,0 g/l.
"Tavoliere delle Puglie" o "Tavoliere" Nero di Troia:
- colore: rosso rubino più o meno intenso talvolta con riflessi tendenti al granato;
- odore: caratteristico, intenso, fruttato;
- sapore: secco o abboccato, armonico;
- titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50% vol;
- acidità totale minima : 4,5 g/l;
- estratto non riduttore minimo: 22,0 g/l;
- zucchero riduttore residuo non superiore a 9,0 g/l.
"Tavoliere delle Puglie" o "Tavoliere" Nero di Troia Riserva:
- colore: rosso rubino più o meno intenso talvolta con riflessi tendenti al granato, con
l'invecchiamento;
- odore: delicato, caratteristico;
- sapore: secco o abboccato, caratteristico;
- titolo alcolometrico volumico totale minimo: 13,00% vol;
- acidità totale minima : 4,5 g/l;
- estratto non riduttore minimo: 24,0 g/l;
- zucchero riduttore residuo non superiore a 9,0 g/l.
E' facoltà del Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali modificare, con proprio
decreto, i limiti minimi sopra indicati per l'acidità totale e l'estratto riduttore minimo.


Articolo 7
Designazione e presentazione
Ai vini di cui all'Articolo 1, è vietata l'aggiunta di qualsiasi qualificazione aggiuntiva
diversa da quelle previste nel presente disciplinare di produzione, ivi compresi gli aggettivi "extra",
"fine", "scelto", "selezionato" e similari.
E' consentito, altresì, l'uso di indicazioni geografiche e toponomastiche che facciano
riferimento a comuni, frazioni, aree, fattorie e località comprese nella zona delimitata nel
precedente Articolo 3 – così come identificate e delimitate nell'elenco di cui all'Allegato 2 del
presente disciplinare di produzione - e dalle quali effettivamente provengono dalle uve da cui il
vino così qualificato è stato ottenuto nel rispetto della normativa vigente.
La menzione "vigna" seguita dal relativo toponimo è consentita, alle condizioni previste
dalla normativa vigente per tutte le tipologie dei vini indicate all'Articolo 1.
Le indicazioni tendenti a specificare l'attività agricola dell'imbottigliatore quali: viticoltore,
fattoria, tenuta, podere, cascina ed altri termini similari, sono consentite dalle norme comunitarie e
nazionali in materia, oltre alle menzioni tradizionali, del modo di elaborazione e altre, purché
pertinenti ai vini di cui all'Articolo 1.
Nell'etichettatura dei vini a denominazione di origine controllata "Tavoliere delle Puglie" o
"Tavoliere" è obbligatoria l'indicazione dell'annata di produzione delle uve.


Articolo 8
Confezionamento
I vini a denominazione di origine controllata "Tavoliere delle Puglie" o "Tavoliere" possono
essere confezionati in bottiglie di vetro con capacità da litri 0,250 a litri 9, ad esclusione di dame e
damigiane. Sono consentiti tutti i sistemi di chiusura previsti dalla normativa vigente, ad esclusione
del tappo a corona. E' consentito l'uso del tappo in vetro.
E' altresì consentito l'uso di contenitori alternativi al vetro tipo "bag costituiti da un otre in
materiale plastico pluristrato idoneo all'uso alimentare, racchiuso in un involucro di cartone o altro
materiale rigido, di capacità non superiore a litri 3.
I vini di cui all'articolo recanti la menzione "Riserva", devono essere confezionati solo in
bottiglie di vetro, ad esclusione di dame e damigiane, della capacità da litri 0,375 a litri 9 e chiuse
con tappo di sughero raso bocca.


Articolo 9
Legame con l'ambiente geografico
A) Informazione sulla zona geografica
1) Fattori rilevanti per il legame
L'area individuata nel disciplinare, corrispondente all'area occupata dagli antichi dauni,
ossia la zona nord della Puglia sino al limite nord della provincia di Bari, è caratterizzata da un
suolo argilloso o argilloso/limoso di colore grigio scuro o nerastro profondi almeno 1 metro e
poggianti direttamente su banchi di argilla marnosa o argilla azzurra. Sono pertanto ricchi di limo o
argilla in parte rigonfiabili. Possiedono una discreta dotazione dei principali elementi nutritivi ed
una elevata capacità idrica a cui fa riscontro una bassa velocità di infiltrazione; trattasi pertanto di
terreni con media capacità produttiva. Si alternano anche abbastanza diffusamente terreni
sabbiolimosi, sabbio-argillosi e sabbio-silicei. Ma la tipologia più diffusa è quella derivata da calcari
mesozoici e poggianti su di essi compatti e che costituiscono la quasi totalità del promontorio
garganico e della provincia della BAT.
Da un punto di vista orografico, l'areale in oggetto, è ripartito tra una parvenza di montagna
nel nord/ovest della Daunia al confine col Molise e nella presenza di una notevole estensione di
pianura inasprita da una zona collinare formata dal compatto altopiano delle Murge.
L'area di nostra competenza è una regione a clima spiccatamente mediterraneo e cioè caldo
asciutto con inverni dolci, primavere corte, estati calde e lunghe, autunni miti e piovosi.
L'areale si estende tra la cornice montuosa Dauna, la Murgia nord barese, il tavoliere e le
pendici del Gargano, il mese più caldo è prevalentemente agosto rispetto a luglio, il più freddo è
prevalentemente gennaio. Le zone più fredde sono quelle condizionate dal fattore altitudine ossia
l'Appennino Dauno ed il Gargano; la "Puglia Piana" che si estende dal tavoliere sino alla piana di
Barletta e Trinitapoli, registra forti estremi termici indotti dal contrasto dei diversi fattori sia
climatici sia orografici.
2) Fattori umani rilevanti per il legame
Di fondamentale rilievo sono i fattori umani legati al territorio di produzione, che per
consolidata tradizione contribuiscono ad ottenere il vino DOC "TAVOLIERE".
La storia del territorio del nero di Troia segue pedissequamente l'evoluzione dei dauni. I
primissimi abitanti stabili provengono dalle zone sub-costiere, ricacciati verso l'interno dalle
continue invasioni dei popoli balcanici. Gli insediamenti in questo periodo sono prevalentemente in
grotta; l'economia è di tipo agro-pastorale. Questo sistema senza interruzioni intorno all'VIII secolo
A.C. in cui stanziano nel territorio i Dauni e i Peuceti, popolazione di provenienza illirica. Benché
la tradizione considerasse l'Ofanto come il naturale confine tra la Daunia e la Peucetia, i centri
antichi situati a sud del fiume, tra Canosa e Barletta, rivendicano l'appartenenza alla Daunia.
Durante il MEDIOEVO la coltura della vite scomparve dalla daunia agricola. Nell'Era Moderna
invece, in Capitanata nel 1850 due gloriose famiglie cerignolane i Pavoncelli e La Rochefocauld
impiantarono circa 60 ettari a Nero di Troia allevandolo ad alberello basso; nel giro di pochi anni
gli Ha coltivati a Nero di Troia, diventarono 2500.
Quello dell'uva di Troia è uno dei vitigni più antichi e caratteristici della Puglia centrosettentrionale,
ma le sue origini sono incerte: sono tante le leggende che militano intorno. Riguardo
al suo nome si sono fatte avanti tre ipotesi: la prima ha uno scenario "epico", in quanto si considera
l'Uva di Troia originaria proprio della storica città del'Asia minore di Troia descritta da Omero nei
suoi racconti epici. Leggenda vuole che il vitigno sia arrivato in Italia meridionale, e precisamente
lungo le coste pugliesi, tramite i colonizzatori greci più di duemila anni fa. Altra ipotesi, meno
suggestiva, indica la cittadina albanese Cruja come origine dell'Uva di Troia; mentre più veritiera
rimane la tesi che indica il vitigno, originario proprio del territorio limitrofo alla città pugliese di
Troia.
Tra tutte, la teoria più affascinante rimane sicuramente quella legata alla leggenda dell'eroe
greco Diomede: questi, terminata la guerra di Troia, navigò fino a risalire il fiume Ofanto portando
con se tralci di vite della sua terra che piantati, dettero appunto origine all'Uva di Troia.
Del grande valore storico di queste piantagioni fanno fede le diverse citazioni che rimandano
a Federico II di Svevia, il quale amava degustare il "corposo vino di Troia", ed ai marchesi
D'Avalos che, acquistata la città nel 1533, e notata l'assoluta qualità ed attitudine dei terreni
circostanti, incrementarono notevolmente le coltivazioni di quest'uva.
In realtà, in epoca federiciana, l'esteso territorio di produzione del vitigno era ricompreso
sotto un unico regno: da ciò deriva il grande legame che unisce le varie aree, i loro innumerevoli
scambi economici e culturali che giustificano appunto la diffusione della produzione su terreni che
comprendono un'area molto più ampia della sola provincia di Foggia.
B) Informazioni sulla qualità o sulle caratteristiche del prodotto essenzialmente o
esclusivamente attribuibili all'ambiente geografico.
Con l'Uva di Troia, nei casi di vinificazione fino al 100% , si ottengono vini che si
presentano di un rosso rubino intenso con profondi riflessi violacei e di ottima consistenza, dal
sapore asciutto, alcolico e di media acidità. I degustatori riferiscono di aromi di viole e liquirizia al
momento dell'assaggio, nonché di profumi intensi, ed il buon equilibrio tra note fruttate e speziate
rendono questo vino pregiato e dalla forte personalità. Al palato si presenta come un vino morbido e
corposo, fine ed equilibrato con un tannino elegante e maturo.
L'olfatto è ricco di frutta rossa come le more, ciliegie, prugne e fichi fioroni, sentori di
spezie come il pepe nero e accenni di chiodi di garofano. Si tratta di un vino strutturato, abbastanza
equilibrato e intenso, dalla buona persistenza grazie al ritorno fruttato molto piacevole:
caratteristiche, queste, che possono portare i vini ottenuti con uva di Troia anche ad affinamenti
medio-lunghi.
Quella di Troia è un'uva, dunque, che si esalta per effetto di una serie di concomitanti
fattori: i suoi acini grossi, prodotti prevalentemente in collina, danno vita al vero e proprio Nero di
Troia, mentre quelli più piccoli, maturati in pianura e nel Tavoliere, sono più conosciuti
prevalentemente per la produzione del Bombino. Entrambi richiesti, in larga misura e ancora spesso
in forma anonima, dai fornitori dell'industria vinicola piemontese e veneta per l'apporto di
longevità e il rinforzo di struttura garantito ai vini locali.
C) Descrizione dell'interazione causale fra gli elementi di cui alla lettera A) e quelli di cui alla
lettera B).
Da un punto di vista orografico, l'areale in oggetto, è ripartito tra una parvenza di montagna
nel nord/ovest della Daunia al confine col Molise e nella presenza di una notevole estensione di
pianura inasprita da una zona collinare formata dal compatto altopiano delle Murge.
L'area di nostra competenza è una regione a clima spiccatamente mediterraneo e cioè caldo
asciutto con inverni dolci, primavere corte, estati calde e lunghe, autunni miti e piovosi.
Nella scelta delle aree di produzione vengono privilegiati i terreni con buona esposizione
adatti ad una viticoltura di qualità.
La millenaria storia vitivinicola della regione, dalla Magna Grecia, al medioevo, fino ai
giorni nostri, attestata da numerosi documenti, è la fondamentale prova della stretta connessione ed
interazione esistente tra i fattori umani e la qualità e le peculiari caratteristiche del vino DOC
"Tavoliere"
Ovvero è la testimonianza di come l'intervento dell'uomo nel particolare territorio abbia, nel
corso dei secoli, tramandato le tradizionali tecniche di coltivazione della vite ed enologiche, le
quali nell'epoca moderna e contemporanea sono state migliorate ed affinate, grazie all'indiscusso
progresso scientifico e tecnologico, fino ad ottenere gli attuali rinomati vini.


Articolo 10
Riferimenti alla struttura di controllo
Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Foggia
Via Dante n. 27
71121 – Foggia
La C.C.I.A.A. di Foggia è l'Autorità pubblica designata dal Ministero delle politiche
agricole alimentari e forestali, ai sensi dell'articolo 13 del decreto legislativo n. 61/2010 (Allegato
3), che effettua la verifica annuale del rispetto delle disposizioni del presente disciplinare,
conformemente all'articolo 25, par. 1, 1° capoverso, lettera a) e c), ed all'articolo 26 del Reg. CE
n. 607/2009, per i prodotti beneficianti della DOP, mediante una metodologia dei controlli
combinata (sistematica ed a campione) nell'arco dell'intera filiera produttiva (viticoltura,
elaborazione, confezionamento), conformemente al citato articolo 25, par. 1, 2° capoverso.
In particolare, tale verifica è espletata nel rispetto di un predeterminato piano dei controlli,
approvato dal Ministero, conforme al modello approvato con il DM 14 giugno 2012, pubblicato in
G.U. n. 150 del 29.06.2012 (Allegato 4).

 


PROPONI LA NOTIZIA

OkNotizie     

 

Immagini e/o testi possono essere tratti dal web. In nessun caso i testi riportati sostituiscono i documenti ufficiali


 

 


NOVITA

NOVITA

NOVITA

Inizio pagina |Tv15 è un sito amatoriale creato da appassionati dei vini italiani. Pertanto i riferimenti riguardanti le informazioni riportatesono tratte principalmente dal web. Per errori o informazioni incomplete Vi preghiamo di darcene comunicazione per modificarle non appena possibile | Note legali | Powered by CMSimple_XH |