Vini, cantine e disciplinari dei vini italiani

Ti trovi in:   Home > Blog – Teroldego Rotaliano Doc

Loading

Blog

 

Teroldego Rotaliano Doc

15.11.2015

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEL VINO A DENOMINAZIONE DI ORIGINE
CONTROLLATA «TEROLDEGO ROTALIANO»


Approvato con DPR. 18.02.1971 G.U. 139 - 03.06.1971
Modificato con DPR 22.06.1987 G.U. 298 - 22.12.1987
Modificato con DM 30.11.2011 G.U. 295 – 20.12.2011
Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza Vini DOP e IGP
Modificato con DM 07.03.2014 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza Vini DOP e IGP


Articolo 1
Denominazione e vini
La denominazione di origine controllata "Teroldego Rotaliano" è riservata al vino che risponde alle
condizioni ed ai requisiti stabiliti nel presente disciplinare di produzione per le seguenti tipologie:
Teroldego Rotaliano (nel tipo rosso o Rubino)
Teroldego Rotaliano (nel tipo rosato o kretzer)
Teroldego Rotaliano superiore e superiore riserva


Articolo 2
Base ampelografica
Il vino "Teroldego Rotaliano" deve essere ottenuto dalle uve provenienti dal vitigno Teroldego.


Articolo 3
Zona di produzione delle uve
La zona di produzione del vino "Teroldego Rotaliano" comprende la porzione del Campo
Rotaliano, ricadente nei comuni di Mezzolombardo, Mezzocorona e nella frazione di Grumo del
comune di S. Michele all'Adige.
Tale zona è così delimitata:
partendo dall'incrocio, a sud della località La Rocchetta, tra la strada statale della Val di Non (n. 43)
e la strada che porta a Mezzocorona, la linea di delimitazione di zona segue, per breve tratto, la
strada per Mezzocorona dove incontra e segue verso nord, il confine comunale di Mezzocorona fino
alle falde del Monte Mezzocorona. Da qui segue, verso est, le falde del monte suddetto passando a
sud della località le Scalette ed a nord di Ischia Trentina, S. Gottardo, dell'abitato di Mezzocorona e
Sottomonte fino alla strada poderale che divide l'anzidetta ultima località dalla Vicinia. La linea di
delimitazione piega quindi verso sud-est e seguendo la suddetta strada poderale raggiunge la
ferrovia del Brennero (quota 209), che segue fino ad incontrare la strada provinciale per Masetto
(quota 209) e lungo questa fino al ponte sulla fossa del Caldaro.
Segue detto canale verso sud-ovest, finché nei pressi del cimitero di Grumo interseca e segue per
breve tratto in direzione est il limite comunale di S. Michele all'Adige inserendosi quindi sulla
strada comunale che da Grumo conduce, attraversata la ferrovia del Brennero, in località Fontane.
Da detto punto il confine si innesta sulla carrareccia che in direzione nord reca alle località
Chiesuretti e da tale punto devia verso ovest, lungo il limite sud delle p.f. 232-231-221/2, in
comune catastale di Grumo, e le susseguenti p.f. 993, 1002, 1046, 1059 in comune catastale di
Mezzolombardo.
Da detta ultima particella fondiaria il confine prosegue lungo la carrareccia che reca alla località
Settepergole fino ad intersecare il limite sud della p.f. 1210. Da quest'ultima il confine segue i lati
sud delle p.f. 1181 -1180-1179-1178 fino a raggiungere in corrispondenza della p.f. 1177 la sponda
sinistra del torrente Noce.
Indi il confine, oltrepassato il torrente Noce, risale in direzione nord lungo l'argine destro del Noce,
immettendosi in località Prati Grandi sulla strada poderale che segue, in successione, i lati sud delle
p.f. 531-527/1-528-519/1 -512/2 in direzione della località Braide, inserendosi sulla roggia omonima
e seguendola a ritroso fino ad imboccare la strada statale n. 43 al km 27,750.
Da detto punto il confine segue verso nord-ovest l'anzidetta statale fino all'incrocio a sud della
Rocchetta, punto di partenza della linea di delimitazione, comprendendo nell'ultimo tratta a
nordovest di Mezzolombardo (dal km 25, quota 234) i vigneti situati tra la strada statale n. 43 e le falde
del Monte Fausior.


Articolo 4
Norme per la viticoltura
I vigneti destinati alla produzione del vino "Teroldego Rotaliano" devono rispondere, per
condizioni ambientali di coltura, a quelle tradizionali della zona e comunque devono essere atti a
conferire alle uve ed al vino le sue determinate e specifiche caratteristiche.
I sesti di impianto, le forme di allevamento ed i sistemi di potatura devono essere quelli
generalmente usati o comunque atti a non modificare le caratteristiche delle uve e del vino.
E' vietata ogni pratica di forzatura.
La resa massima di uva ammessa per la produzione del vino "Teroldego Rotaliano", non deve
essere superiore a tonnellate 17 per ettaro di vigneto a coltura specializzata.
Anche in annate eccezionalmente favorevoli la resa dovrà essere riportata, attraverso un'accurata
cernita delle uve a detto limite, purché la produzione non superi del 20% il limite massimo.
La provincia autonoma di Trento, con proprio decreto, su proposta del Consorzio di tutela, sentite le
organizzazioni di categoria interessate, ogni anno prima della vendemmia può, in relazione
all'andamento climatico ed alle altre condizioni di coltivazione, modificare, nei termini stabiliti dal
D. Lgs. 08.04.2010, n. 61 art. 10, par 1, lettere c) e d), i limiti massimi di produzione di uva per
ettaro ed il titolo alcolometrico volumico minimo naturale delle uve, dandone immediata
comunicazione all'organismo di controllo.
La resa massima delle uve in vino non deve essere superiore al 70%.
Qualora la resa uva/vino superi il limite di cui sopra ma non il 75% l'eccedenza non ha diritto alla
denominazione di origine. Oltre detto limite decade il diritto alla denominazione per tutto il
prodotto.


Articolo 5
Norme per la vinificazione
Le operazioni di vinificazione devono essere effettuate nell'interno della zona di produzione
delimitata dall'articolo 3. Tuttavia, tenuto conto delle situazioni tradizionali di produzione, è
consentito che tali operazioni siano effettuate entro l'intero territorio della provincia di Trento.
Le uve destinate alla vinificazione devono assicurare al vino "Teroldego Rotaliano" una gradazione
alcoolica complessiva minima naturale di 10,50 % vol..
Nella vinificazione sono ammesse soltanto pratiche enologiche leali e costanti, atte a conferire ai
vini le loro peculiari caratteristiche. E' consentito l'arricchimento a termini di legge con un
incremento in volume massimo del 6,5% anche con mosti provenienti da altre zone.
Il vino "Teroldego Rotaliano" avente un tenore zuccherino residuo fino a 4 g/l come massimo, o
fino a 9 g/l come massimo quando il tenore di acidità totale, espresso in g/l di acido tartarico, non è
inferiore di più di 2 g/l al tenore di zucchero residuo, può essere qualificato con la locuzione
"secco".


Articolo 6
Caratteristiche al consumo
Il vino "Teroldego Rotaliano" all'atto della immissione al consumo deve rispondere alle seguenti
caratteristiche:
Teroldego Rotaliano (nel tipo rosso o Rubino):
colore: rosso rubino piuttosto intenso, talora con orli violacei;
odore: caratteristico, gradevolmente di fruttato, particolarmente intenso;
sapore: asciutto, sapido, leggermente amarognolo, con lieve gusto di mandorla, un po' di corpo e
leggermente tannico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,50% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 21 g/l.
Teroldego Rotaliano (nel tipo rosato o kretzer):
colore: rosato, tendente al granato;
odore: caratteristico, gradevolmente di fruttato;
sapore: asciutto, sapido, leggermente amarognolo, con lieve gusto di mandorla;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,50% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 19 g/l;
Teroldego Rotaliano superiore e superiore riserva:
colore: rosso rubino più o meno intenso, tendente al rosso mattone;
odore: gradevole, etereo caratteristico e persistente;
sapore: asciutto, sapido, pieno con piacevole retrogusto amarognolo, un po' tannico, armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,00% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 22 g/l;
Il vino rosso può portare in etichetta la specificazione "Rubino", mentre il vino rosato deve portare
in etichetta la specificazione "rosato" o "kretzer".
E' in facoltà del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali di modificare, con proprio
decreto, i limiti minimi dell'acidità totale e dell'estratto non riduttore indicati nel presente articolo.


Articolo 7
Designazione e presentazione
Il vino "Teroldego Rotaliano" che abbia una gradazione alcoolica complessiva minima naturale non
inferiore a gradi 11,5 può fregiarsi della qualificazione "superiore" e qualora sia stato sottoposto ad
un periodo di invecchiamento non inferiore a due anni può portare in etichetta la qualificazione
aggiuntiva "riserva".
Il periodo di invecchiamento decorre dal 1° novembre dell'anno di produzione delle uve e deve
avvenire entro la zona di vinificazione di cui all'articolo 5.
Il vino "Teroldego Rotaliano" nelle qualificazioni di cui al primo comma, deve essere immesso al
consumo esclusivamente in bottiglie di capacità nominale non superiore a 750 cc con tappo di
sughero.
Alla denominazione "Teroldego Rotaliano" è vietata l'aggiunta di qualsiasi qualificazione diversa
da quelle previste nel presente disciplinare ivi compresi gli aggettivi "extra", "fine", "scelto",
"selezionato" e similari.
E' tuttavia consentito l'uso di indicazioni che facciano riferimento a nomi, ragioni sociali, marchi
privati non aventi significato laudativo e non idonei a trarre in inganno l'acquirente.
E' consentito, altresì, l'uso di indicazioni geografiche e toponomastiche che facciano riferimento a
Comuni, frazioni, aree, fattorie, zone e località - comprese nella zona delimitata nel precedente
articolo 3 - e dalle quali effettivamente provengono le uve da cui i vini così qualificati sono stati
ottenuti.
Per il vino di cui all'art. 1, è fatto obbligo di indicare l'annata di produzione delle uve.


Articolo 8
Legame con l'ambiente geografico
A) Informazioni sulla zona geografica
Fattori naturali rilevanti per il legame:
La zona delimitata per la produzione del vino D.O.C. "Teroldego Rotaliano" comprende parte del
territorio viticolo ricadente nei comuni di Mezzolombardo, Mezzocorona e nella frazione di
Grumo del comune di S. Michele all'Adige in provincia di Trento, noto come "Campo Rotaliano"
più precisamente delimitato all'art. 3.
La zona comprende una vasta area di piano (circa 1.200 ettari), sulla destra orografica del fiume
Adige, protetta a settentrione dalle perpendicolari pareti montuose che sovrastano gli abitati di
Mezzolombardo e Mezzocorona, ed attraversata dal torrente Noce.
Il torrente Noce con le proprie ricorrenti alluvioni ha trasformato, nei secoli, il proprio conoide di
deiezione in una grande pianura dalle caratteristiche podologiche uniche oggi a noi note.
Alle alluvioni bonificatrici di detto torrente si deve infatti la particolare conformazione del suolo
costituito da un vasto banco di ghiaia e ciottoli, ricchissimo di scheletro.
Il soprassuolo, o terreno agrario vero e proprio, è invece il risultato di un secolare lavoro intrapreso
dall'uomo mediante l'apporto di un sottile strato di sabbia e limo ricavati dai depositi alluvionali
del torrente Noce e del vicino fiume Adige.
Il limitato spessore dello strato attivo, la grande permeabilità del suolo e l'aridità del sottosuolo
determinano in questa zona di piano le condizioni proprie della collina.
Dal punto di vista idrico i terreni della zona di produzione si presentano fortemente asciutti e
devono, a bisogno, essere soccorsi con l'irrigazione.
I terreni vitati idonei alla produzione del vino D.O.C. "Teroldego Rotaliano" sono ubicati, di
norma, ad una quota d 200 - 250 m s.l.m.
Dal punto di vista climatico la zona è caratterizzata da inverni relativamente freddi e abbastanza
nevosi ed estati calde, spesso afose di giorno. Le precipitazioni medie si aggirano attorno ai 900
mm annui.
Fattori umani rilevanti per il legame:
Coltivazione della vite e produzione di vino fanno da sempre parte del bagaglio culturale della
regione; lo testimoniano numerosi ritrovamenti archeologici e documenti storici che coprono un
arco temporale che va dall'Età del Bronzo ai giorni nostri.
Testimonianze sull'attività viticola ed enologica in epoca romana sono state ritrovate anche
all'interno della zona di produzione del vino in questione.
La più antica citazione sulla coltivazione del vitigno Teroldego in provincia di Trento risale
all'anno 1480 mentre successive e ripetute citazioni sul vino Teroldego sono contenute nelle
Cronache del Concilio di Trento scritte da Michelangelo Mariani nel 1673. Tali citazioni
riconducono il vino Teroldego alla zona di produzione del "Teroldego Rotaliano", elemento
testimoniato anche dal toponimo "alle Teroldeghe" presente nel comune di Mezzolombardo e
documentato sin dal XV/XVI secolo.
Da quanto sopra si evince inconfutabilmente che:
- il vitigno Teroldego è coltivato nella zona da tempo immemorabile;
- già nei secoli scorsi il vino Teroldego era fra i più qualificati ed apprezzati vini della Regione;
- il vino, già nell'antichità, era noto con il nome proprio del vitigno.
L'uso di qualificare il Teroldego con il nome geografico "Rotaliano" è relativamente più recente e
nasce dall'esigenza, manifestatasi nell'ultimo dopo guerra, di contraddistinguere il prodotto
originale della zona di produzione da vini similari.
"Teroldego Rotaliano" è quindi il nome impiegato per designare il vino ottenuto dalle uve del
vitigno Teroldego, prodotte nel Campo Rotaliano.
La coltivazione della vite rappresenta nell'area in questione un elemento caratterizzante del
paesaggio ed un importante elemento di tutela del territorio. Il geografo ed irredentista trentino
Cesare Battisti, agli inizi del secolo scorso, definì il Campo Rotaliano "il più bel giardino vitato
d'Europa".
La coltivazione della vite ha rappresentato, e rappresenta tuttora, la prevalente - quando non
esclusiva - fonte di reddito per generazioni di famiglie contadine della zona.
Nell'arco di tempo in cui la coltivazione della vite e la storia dell'uomo si sono accompagnate ed
intrecciate si sono sviluppati - come è ovvio e naturale - dei legami inscindibili che si trasmettono
e rafforzano nella cultura locale. Legami che si ritrovano nelle tradizionali pratiche agronomiche
ed enologiche, ma anche in ambiti culturali più ampi (tradizioni, cultura popolare, arte,
gastronomia, ecc.).
Per quanto concerne l'aspetto strettamente tecnico/produttivo si evidenziano inoltre i seguenti
fattori:
base ampelografica dei vigneti: il vitigno idoneo alla produzione del vino in questione
rappresentato dalla varietà Teroldego;
forme di allevamento: sono quelle tradizionali della zona: pergola semplice, pergola doppia,
forme a spalliera verticale (Guyot, cordone speronato, ecc.); l'adozione della forma di allevamento
è effettuata sia in base alla giacitura del terreno ed all'esigenza di agevolare l'esecuzioni delle
operazioni colturali, sia all'obiettivo enologico che il produttore intende perseguire;
pratiche relative all'elaborazione dei vini: sono quelle tradizionalmente praticate in zona per
la produzione di vini rossi e talvolta rosati. Tali pratiche rientrano nelle correnti pratiche
enologiche previste e disciplinate dal Reg. Ce n. 606/2009.
B) Informazioni sulla qualità o sulle caratteristiche del prodotto essenzialmente o
esclusivamente attribuibili all'ambiente geografico.
Le caratteristiche del terreno, dell'ambiente e la secolare esperienza tramandata dai viticoltori,
hanno permesso di delimitare con precisione e sulla base di rigorosi criteri la zona di produzione
del "Teroldego Rotaliano".
Sia i consumatori che gli operatori del settore riconoscono al vino D.O.C. "Teroldego Rotaliano"
caratteristiche organolettiche d'una singolare ed inconfondibile originalità, proprie della zona in
cui il vino è prodotto, che non si ripetono né si riscontrano nei prodotti ottenuti con le uve dello
stesso vitigno coltivato fuori dal Campo Rotaliano da tutti considerato l'habitat ideale del
Teroldego. Queste differenze possono essere tecnicamente spiegate evidenziando la diversità
effettivamente esistente fra il terreno del Campo Rotaliano e gli altri, anche se limitrofi.
Il vino D.O.C. "Teroldego Rotaliano" presenta, dal punto di vista analitico ed organolettico,
caratteristiche molto evidenti e peculiari, descritte all'art. 6, che ne permettono una chiara
individuazione e tipicizzazione legata all'influenza dell'ambiente geografico sul vitigno
costituente la base ampelografica del vino.
Il vino presenta parametri chimico-fisici su valori equilibrati, in particolare per quanto riguarda il
rapporto acidità/alcol, e caratteristiche organolettiche chiaramente riconducibili al vitigno
Teroldego.
C) Descrizione dell'interazione casuale fra gli elementi di cui alla lettera A) e quelli di cui
alla lettera B).
Gli elementi di interazione casuale fra la zona geografica ed il prodotto sono già descritti alle
lettere a) e b).
Si ribadisce tuttavia che il legame casuale tra il luogo ed il prodotto è essenzialmente rappresentato
dall'influenza delle condizioni ambientali e naturali della zona di produzione, sulle caratteristiche
qualitative delle uve e dei vini derivati.


Articolo 9
Riferimenti alla struttura di controllo
Nome e Indirizzo: Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura di Trento - Via
Calepina, 13 - 38122 Trento (di seguito CCIAA).
La C.C.I.A.A. di Trento è l'Autorità pubblica designata dal Ministero delle politiche agricole
alimentari e forestali, ai sensi dell'articolo 13 del decreto legislativo n. 61/2010 (Allegato 1), che
effettua la verifica annuale del rispetto delle disposizioni del presente disciplinare, conformemente
all'articolo 25, par. 1, 1° capoverso, lettera a) e c), ed all'articolo 26 del Reg. CE n. 607/2009, per
i prodotti beneficianti della DOP, mediante una metodologia dei controlli combinata (sistematica
ed a campione) nell'arco dell'intera filiera produttiva (viticoltura, elaborazione, confezionamento),
conformemente al citato articolo 25, par. 1, 2° capoverso.
In particolare, tale verifica è espletata nel rispetto di un predeterminato piano dei controlli,
approvato dal Ministero, conforme al modello approvato con il DM 14 giugno 2012, pubblicato in
G.U. n. 150 del 29.06.2012 (Allegato 2).

 


PROPONI LA NOTIZIA

OkNotizie     

 

Immagini e/o testi possono essere tratti dal web. In nessun caso i testi riportati sostituiscono i documenti ufficiali


 

 


NOVITA

NOVITA

NOVITA

Inizio pagina |Tv15 è un sito amatoriale creato da appassionati dei vini italiani. Pertanto i riferimenti riguardanti le informazioni riportatesono tratte principalmente dal web. Per errori o informazioni incomplete Vi preghiamo di darcene comunicazione per modificarle non appena possibile | Note legali | Powered by CMSimple_XH |