Vini, cantine e disciplinari dei vini italiani

Ti trovi in:   Home > Blog – Valdadige Doc

Loading

Blog

 

Valdadige Doc

16.11.2015

Disciplinare di produzione dei vini a denominazione di origine controllata
Denominazione di origine controllata «Valdadige»


Approvato con DPR 24.03.1975 GU 194 - 23.07.1975
Modificato con DPR 22.06.1987 GU 298 - 22.12.1987
Modificato con DM 18.06.1992 GU 147 - 24.06.1992
Modificato con DM 07.08.2000 GU 203 - 31.08.2000
Modificato con DM 31.05.2002 GU 141 - 18.06.2002
Modificato con DM 07.11.2006 GU 268 - 17.11.2006
Modificato con DM 30.11.2011 G.U. 295 – 20.12.2011
Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza Vini DOP e IGP
Modificato con DM 12.07.2013 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
(concernente correzione dei disciplinari) Sezione Qualità e Sicurezza - Vini DOP e IGP
Modificato con DM 07.03.2014 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza - Vini DOP e IGP


Art. 1.
Denominazione e vini.
La denominazione di origine controllata «Valdadige» od in lingua tedesca «Etschtaler», è riservata ai vini
che rispondono alle condizioni e ai requisiti prescritti dal presente disciplinare di produzione, per le seguenti
tipologie: Bianco, Rosso, Rosato, Pinot grigio, Pinot bianco, Chardonnay, Schiava e Frizzante.


Art. 2.
Base ampelografica.
La denominazione di origine controllata «Valdadige» è riservata al vino bianco ottenuto dalle uve prodotte
dai vigneti aventi, nell'ambito aziendale, la seguente composizione ampelografica:
Pinot bianco, Pinot grigio, Riesling italico, Muller Thurgau e Chardonnay, da soli o congiuntamente, in
misura non inferiore al 20%.
Trebbiano toscano, Nosiola, Sauvignon e Garganega, da soli o congiuntamente, per la differenza.
La denominazione di origine controllata «Valdadige» è riservata al vino rosso o rosato ottenuto dalle uve
prodotte dai vigneti aventi, nell'ambito aziendale, la seguente composizione ampelografica:
Enantio (Lambrusco a foglia frastagliata) e/o Schiave (sottovarietà e sinonimi), minimo 50%;
Merlot, Pinot nero, Lagrein, Teroldego, Cabernet Franc e Cabernet Sauvignon, da soli o congiuntamente, per
la differenza.
La denominazione di origine controllata «Valdadige», con la specificazione di vitigno Chardonnay, Pinot
bianco e Pinot grigio è riservata al vino ottenuto dal corrispondente vitigno per almeno l'85%.
Possono concorrere le uve provenienti da altri vitigni a bacca bianca, non aromatici, idonei alla coltivazione
nelle rispettive province, presenti nei vigneti in ambito aziendale fino ad un massimo del 15%.
La denominazione di origine controllata «Valdadige» con la specificazione di vitigno «Schiava» è riservata
al vino ottenuto dalle uve del corrispondente vitigno, nella varietà Schiava grossa, Schiava gentile e Schiava
grigia, da sole o congiuntamente, per almeno l'85%. Possono concorrere le uve provenienti da altri vitigni a
bacca nera, non aromatici, idonei alla coltivazione nelle rispettive province, presenti nei vigneti in ambito
aziendale fino ad un massimo del 15%.


Art. 3.
Zona di produzione delle uve.
Le uve destinate alla produzione dei vini a denominazione di origine controllata «Valdadige» devono essere
prodotte nell'intero territorio dei comuni appresso indicati:
Provincia di Trento:
Avio, Ala, Aldeno, Arco, Besenello, Calliano, Calavino, Cembra, Dro, Faedo, Faver, Giovo, Isera, Lasino,
Lavis, Lisignago, Mezzocorona, Mezzolombardo, Mori, Nago-Torbole, Nogaredo, Nomi, Padergnone,
Pomarolo, Riva del Garda, Roverè della Luna, Rovereto, San Michele all'Adige, Segonzano, Tenno,
Trambileno, Trento, Vezzano, Villalagarina, Volano, Zambana.
Provincia di Bolzano:
Andriano, Appiano, Bolzano, Bronzolo, Caines, Caldaro, Cermes, Cornedo all'Isarco, Cortaccia, Cortina
all'Adige, Egna, Fiè, Gargazzone, Lagundo, Laives, Lana, Magrè all'Adige, Marlengo, Merano, Montagna,
Nalles, Ora, Parcines, Postal, Renon, Riflano, Salorno, San Pancrazio, Scena, Terlano, Termeno, Tesino,
Tirolo, Vedena.
Provincia di Verona:
Brentino Belluno, Dolcè, Rivoli Veronese.


Art. 4.
Norme per la viticoltura.
Le condizioni ambientali e di coltura dei vigneti destinati alla produzione dei vini a denominazione di origine
controllata «Valdadige» devono essere quelle tradizionali della zona di produzione e comunque atte a
conferire alle uve ed ai vini derivati le specifiche caratteristiche di qualità.
I vigneti devono trovarsi su terreni ritenuti idonei per la produzione della denominazione di origine di cui si
tratta.
Sono da escludere i terreni eccessivamente umidi o insufficientemente soleggiati.
I sesti d'impianto, le forme di allevamento ed i sistemi di potatura devono essere quelli generalmente usati o
comunque atti a non modificare le caratteristiche dell'uva e del vino.
Sono ammesse le forme di allevamento a pergoletta trentina e le forme a spalliera.
È esclusa ogni pratica di forzatura ed è consentita l'irrigazione di soccorso.
La produzione massima di uva per ettaro di coltura specializzata delle varietà di viti destinate alla produzione
dei vini a denominazione di origine controllata «Valdadige» ed i rispettivi titoli alcolometrici volumici
naturali minimi devono essere i seguenti:
Vitigni prod/max
uva
ton/ha
titolo alc
vol. nat. minimo
Bianco 15 9,5
Rosso 15 10
Rosato 15 9,5
Pinot bianco 15 9,5
Pinot grigio 14 9,5
Chardonnay 15 9,5
Schiava 15 9,5
Nelle annate favorevoli i quantitativi di uve ottenuti e da destinare alla produzione di detti vini devono essere
riportati nei limiti di cui sopra, purché la produzione globale non superi del 20% i limiti medesimi, fermo
restando il imiti resa uva/vino di cui trattasi.


Art. 5.
Norme per la vinificazione.
Le operazioni di vinificazione devono essere effettuate all'interno della zona di produzione delimitata nel
precedente articolo 3.
Tuttavia, tenuto conto delle situazioni tradizionali di produzione, è consentito che tali operazioni siano
effettuate entro l'intero territorio della provincia di Verona.
Nella vinificazione sono ammesse soltanto le pratiche enologiche leali e costanti, atte a conferire ai vini le
loro peculiari caratteristiche.
I mosti ed i vini a denominazione di origine controllata «Valdadige», con la specificazione «Chardonnay» e
«Pinot bianco» possono essere elaborati nella versione frizzante, attuando esclusivamente il processo della
rifermentazione naturale.
La zona di elaborazione dei vini frizzanti comprende la regione Veneto e le province autonome di Trento e
Bolzano.
È consentito l'arricchimento alle condizioni e con le modalità previste dalla normativa comunitaria e
nazionale.
I vini della denominazione di origine controllata «Valdadige» possono essere conservati in recipienti di
legno.
La resa massima dell'uva in vino finito non deve essere superiore al 70%. Qualora la resa uva/vino superi i
limiti di cui sopra, ma non 75%, anche se la produzione ad ettaro resta al di sotto del massimo consentito,
l'eccedenza non ha diritto alla denominazione di origine. Oltre detto limite decade il diritto alla
denominazione di origine controllata per tutta la partita.


Art. 6.
Caratteristiche al consumo.
i vini a denominazione di origine controllata «Valdadige» all'atto dell'immissione al consumo devono
rispondere alle seguenti caratteristiche:
«Valdadige» bianco:
colore: paglierino;
profumo: vinoso, gradevole e caratteristico;
sapore: armonico, fresco, moderatamente acido e talvolta amabile;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,5% vol.;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 1 6 g/l.
«Valdadige» rosso:
colore: rosso rubino più o meno intenso;
profumo: vinoso, gradevole;
sapore: armonico, moderatamente acido, talvolta amabile;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11% vol.;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 19 g/l.
«Valdadige» rosato:
colore: rosa più o meno intenso;
profumo: vinoso, gradevole, delicato;
sapore: morbido, lievemente acido, talvolta amabile;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,5% vol.;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 1 6 g/l.
«Valdadige» Pinot bianco:
colore: giallo paglierino;
profumo: gradevole, caratteristico;
sapore: armonico, fresco, sapido;
zuccheri riduttori residui: massimo 6 g/l;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,5% vol.;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 1 6 g/l.
«Valdadige» Pinot grigio:
colore: giallo paglierino;
profumo: gradevole, caratteristico;
sapore: armonico, pieno;
zuccheri riduttori residui: massimo 6 g/l;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,5% vol.;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 1 6 g/l.
«Valdadige» Chardonnay:
colore: giallo paglierino;
profumo: gradevole, caratteristico;
sapore: fresco, sapido, armonico;
zuccheri riduttori residui: massimo 6 g/l;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,5% vol.;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 1 6 g/l.
«Valdadige» Schiava:
colore: da granato a rubino;
profumo: vinoso, gradevole;
sapore: morbido, moderatamente acido, talvolta amabile;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,5% vol.;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 1 6 g/l.
«Valdadige» Chardonnay e Pinot bianco frizzante:
spuma: sottile, persistente;
colore: giallo paglierino;
profumo: gradevole, fruttato;
sapore: secco o amabile;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11% vol.;
acidità totale minima: 5,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 1 4 g/l.
In relazione all'eventuale conservazione in recipienti di legno, il sapore dei vini può rilevare lieve sentore di
legno.
È facoltà del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, modificare con proprio decreto i
limiti dell'acidità totale e dell'estratto non riduttore.


Art. 7.
Etichettatura, designazione e presentazione.
Nella etichettatura, designazione e presentazione dei vini a denominazione di origine controllata
«Valdadige» è vietata l'aggiunta di qualsiasi qualificazione diversa da quella prevista dal presente
disciplinare, ivi compresi gli aggettivi e attributi «fine», «scelto», «selezionato» e similari.
È tuttavia consentito l'uso di indicazioni che facciano riferimento a nomi, ragioni sociali, marchi privati, non
aventi significato laudativo e non idonei a trarre in inganno il consumatore.
Le indicazioni tendenti a specificare l'attività agricola dell'imbottigliatore, quali «viticoltore», «fattoria»,
«tenuta», «podere», «cascina» ed altri termini similari, sono consentite in osservanza delle disposizioni
comunitarie e nazionali in materia.
Nella designazione e presentazione del vino a denominazione di origine controllata «Valdadige» deve
figurare l'indicazione dell'annata di produzione delle uve, purché veritiera e documentabile.
La menzione «vigna» seguita dal relativo toponimo è consentita, alle condizioni previste dalla legge.
La menzione delle sottozone e dei toponimi di vigna vanno riportati in etichetta sopra la denominazione di
origine, senza soluzioni di continuità, con i caratteri di stampa di dimensioni pari o inferiori a quelli usati per
la denominazione medesima.


Art. 8.
Confezionamento.
I contenitori dei vini della denominazione di origine controllata «Valdadige» possono essere chiusi con i vari
dispositivi ammessi dalla vigente normativa, compresi i tappi di materiale inerte.
I medesimi possono essere della capacità nominale massima di 60 litri; per i contenitori in vetro non sono
previsti vincoli colorimetrici.
Per la tappatura dei contenitori dei vini frizzanti si applicano le norme vigenti in materia.


Art. 9
Legame con l'ambiente geografico
a) Specificità della zona geografica
Fattori naturali
La zona della D.O.C. "Valdadige" si distende nell'anfiteatro morenico glaciale del fiume Adige,
colmato da sabbie porfidiche e granitìche scese dalle alte catene montuose che fiancheggiano il lago
di Garda.
Il clima in cui crescono le viti del "Valdadige" è complessivamente temperato - mite.
La piovosità non eccede se non durante l'inverno e la media annua oscilla fra gli 850 ed i 1000 mm.
I suoli del "Valdadige" sono costituiti sia dalla disgregazione di formazioni calcareo-dolomitiche,
sia da sabbie porfidiche e granitìche depositate dal fiume Adige.
I terreni declivi a elevato contenuto di scheletro permettono il rapido sgrondo delle acque piovane,
evitando i ristagni; tali suoli, ricchi di rocce calcaree e sali minerali, sono caratterizzati da
un'elevata componente silicea.
Il clima della zona è tipico della fascia prealpina e montana, con inverni freddi ed estati fresco
temperate; le temperature subiscono, specialmente in estate e in autunno, elevate escursioni notte
giorno.
Fattori umani e storici
La Valdadige è una regione di confine, via di comunicazione tra Italia e Nord Europa,
continuamente percorsa da eserciti, spesso teatro di battaglia per il controllo della «Chiusa di
Ceraino», luogo di facile difesa da eventuali invasori.
E' un territorio la cui vocazione vitivinicola ed enologica affonda le radici nell'epoca romana e
trova riscontri nelle documentazioni che si alternano col passare dei secoli.
La Valdadige è stata un punto di collegamento e di sviluppo economico molto importante nella
storia sin dall'epoca romana. Le successive invasioni barbariche costrinsero gli abitanti a rifugiarsi
in zone ad alta quota, dove si dedicarono alla pastorizia e allo sfruttamento del bosco. Nel
Medioevo monasteri e signorie segnarono il territorio con castelli e conventi, che resero fiorente
questa zona molto ricca di coltivazioni, fra cui primeggiavano proprio i vigneti.
La viticoltura è documentata fin dal 1253 con lo «Statuto di Peri», che minacciava sanzioni per chi
avesse danneggiato «La Vinèa» (vite).
Nel 1406, durante la dominazione della Repubblica di Venezia, alcuni editti prescrivono «la
coltivazione ordinata delle viti».
Ritrovamenti archeologici di origine romanica in località «Servasa» a Brentino portano alla luce
contenitori in pietra probabilmente usati per la lavorazione dell'uva.
Area viticola da sempre, quindi, ha visto una decisa ricerca di qualificazione a partire dagli anni '50
con la specializzazione dei vigneti: in pochi anni si ebbe l'iscrizione nell'elenco CEE dei vini di
qualità (1973) e il riconoscimento della Denominazione di Origine Controllata "Valdadige" con la
tipologia Bianco e Rosso nel 1975.
La Valdadige è sempre stata, una via di comunicazione fondamentale per il nord e centro Europa.
Rocche, castelli e forti si susseguono sui crinali che dominano la valle e durante la storia, la
Valdadige, infatti, ha visto transitare numerosi eserciti.
Sono in tutto otto forti eretti tra il 1848 e la fine del secolo da austriaci e italiani. Fortificazioni
erette a presidio della valle che sono divenuti parte integrante e caratterizzante della valle.
b) Specificità del prodotto
Da un sapiente uvaggio nasce il rosso "Valdadige" di ottimo gusto e struttura: l' Enantio conferisce
la stabilità e la struttura del colore e il profumo caratteristico mentre la morbidezza e il bouquet più
complesso vengono conferite da Merlot e Teroldego e la sapidità dalla Schiava.
Il "Valdadige" Rosso presenta un colore rosso rubino giustamente carico con riflessi violacei,
profumo vinoso, gradevole e caratteristico, di buona struttura, armonico, persistente.
Il vino "Valdadige" Schiava è ottenuto dal vitigno omonimo che prende il nome da un antico
sistema di allevamento in cui la vite era legata ad un tutore e quindi era "schiava". Ottenuta dai
vitigni autoctoni Schiava grossa, Schiava grigia e Schiava gentile, con breve contatto con la buccia
e completamento della fermentazione in assenza di esse.
Il "Valdadige" Bianco tipologia capostipite del Valdadige (assieme al rosso) è un uvaggio di più
vitigni. La pienezza dello Chardonnay, l'aromaticità del Müller Thurgau, l'acidula eleganza del
Trebbiano toscano rendono questo vino assai composito e interessante. Viene vinificato con
pressatura soffice, fermentazione in assenza di bucce e a temperatura controllata.
Il "Valdadige" Chardonnay, il cui vitigno omonimo è stato introdotto in Valdadige alla fine del XIX
secolo, trovando subito il suo habitat ideale sui pendii pedemontani. Freschezza ed eleganza sono le
caratteristiche che contraddistinguono questo vino, il cui profumo spiccatamente fruttato bene si
armonizza con la finezza.
Al naso si dimostra fine, con note fruttate di pesca, albicocca e mela verde. Di corpo ottimamente
strutturato, equilibrato, molto morbido pur essendo un vino secco, grazie soprattutto alla grande
sapidità.
Il Valdadige Pinot Grigio, è uno dei vitigni di qualità più importanti dei climi temperati, predilige
terreni collinari e ben esposti, con condizioni di ventilazione e sbalzi termici tra giorno e notte che
ne esaltano i profumi. Al naso emergono aromi di fiori bianchi e sentori di pera, mela verde e frutta
tropicale, ha buona struttura e piacevole freschezza.
c) Legame causa effetto fra ambiente e prodotto
Le peculiarità del terreno influiscono sulla produzione del vino "Valdadige", caratterizzando le
diverse produzioni con profumi e sapori, che si traducono in note di fruttato (frutti di bosco) -
speziato per i vini Rosso, Rosso superiore, Enantio, Cabernet franc, Cabernet Sauvignon e Schiava.
Queste sensazioni si devono alla coltivazione in terreni calcarei, esposti favorevolmente a sud e a
medie altitudini. In particolare, la composizione del suolo, caratterizzato da presenza di scheletro,
ricco di rocce porfidiche e granitìche, sali minerali e ad elevato drenaggio, determina la struttura e
la caratterizzazione dei vini rossi, con un elevato contenuto di antociani e polifenoli, un'intensa
colorazione, un buon corredo tannico, nonché lo sviluppo di sentori di frutta matura e spezie.
I terreni con più alto contenuto in sabbia sono riservati ai vini bianchi il cui suolo dona sentori
fruttati e minerali ben bilanciati.
Il clima temperato mite ma con evidenti escursioni termiche tra il giorno e la notte specialmente nel
periodo antecedente la vendemmia permette di avere delle uve rosse con un elevato contenuto di
polifenoli e le uve bianche che mantengono un elevato bouquet di profumi.


Art. 10
Riferimenti alla struttura di controllo
Valoritalia srl. Sede Amministrativa: Via San Gaetano, 74
36016 - Thiene (Vicenza)
Tel. 0445 313088, Fax. 0445 313080
e-mail: assicurazione.qualita@valoritalia.it
La Società Valoritalia è l'Organismo di controllo autorizzato dal Ministero delle politiche agricole
alimentari e forestali, ai sensi dell'articolo 13 del decreto legislativo n. 61/2010 (Allegato 1), che
effettua la verifica annuale del rispetto delle disposizioni del presente disciplinare, conformemente
all'articolo 25, par. 1, 1° capoverso, lettera a) e c), ed all'articolo 26 del Reg. CE n. 607/2009, per i
prodotti beneficianti della DOP, mediante una metodologia dei controlli combinata (sistematica ed a
campione) nell'arco dell'intera filiera produttiva (viticoltura, elaborazione, confezionamento),
conformemente al citato articolo 25, par. 1, 2° capoverso.
In particolare, tale verifica è espletata nel rispetto di un predeterminato piano dei controlli,
approvato dal Ministero, conforme al modello approvato con il DM 14 giugno 2012, pubblicato in
G.U. n. 150 del 29.06.2012 (Allegato 2).

 


PROPONI LA NOTIZIA

OkNotizie     

 

Immagini e/o testi possono essere tratti dal web. In nessun caso i testi riportati sostituiscono i documenti ufficiali


 

 


NOVITA

NOVITA

NOVITA

Inizio pagina |Tv15 è un sito amatoriale creato da appassionati dei vini italiani. Pertanto i riferimenti riguardanti le informazioni riportatesono tratte principalmente dal web. Per errori o informazioni incomplete Vi preghiamo di darcene comunicazione per modificarle non appena possibile | Note legali | Powered by CMSimple_XH |