Vini, cantine e disciplinari dei vini italiani

Ti trovi in:   Home > Blog – Colline del Genovesato Igt

Loading

Blog

 

Colline del Genovesato Igt

22.11.2015

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A IGT
"COLLINE DEL GENOVESATO"


Approvato con DM 27.05.2002 G.U. 139 - 15.6.2002
Modificato con DM 15.06.2011 G.U. 156 - 07.07.2011
Modificato con DM 30.11.2011 G.U. 295 - 20.12.2011
Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza Vini DOP e IGP
Modificato con DM 07.03.2014 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza Vini DOP e IGP


Articolo 1
Denominazione
L'indicazione geografica tipica "Colline del Genovesato" accompagnata o meno dalle specificazioni
previste dal presente disciplinare di produzione, è riservata ai mosti e ai vini che rispondono alle
condizioni e ai requisiti in appresso indicati.


Articolo 2
Base ampelografica
L'indicazione geografica tipica " Colline del Genovesato" è riservata ai seguenti vini:
COLLINE DEL GENOVESATO BIANCO
COLLINE DEL GENOVESATO BIANCO FRIZZANTE
COLLINE DEL GENOVESATO ROSATO,
COLLINE DEL GENOVESATO ROSATOFRIZZANTE
COLLINE DEL GENOVESATO ROSSO,.
COLLINE DEL GENOVESATO ROSSO FRIZZANTE,
COLLINE DEL GENOVESATO ROSSO NOVELLO,
COLLINE DEL GENOVESATO ROSSOPASSITO.
I vini ad indicazione geografica tipica "Colline del Genovesato" devono essere ottenuti da uve
provenienti da vigneti composti, nell'ambito aziendale, da uno o più vitigni, a bacca di colore
corrispondente, idonei alla coltivazione per la Regione Liguria, iscritti nel registro nazionale delle
varietà di vite per uve da vino approvato con D.M. 7 maggio 2004 e successivi aggiornamenti,
riportati nell'allegato 1 del presente disciplinare.
I vini con l'indicazione geografica tipica "Colline del Genovesato" con l'indicazione di uno dei
vitigni: Granaccia o Pigato, devono essere ottenuti da uve provenienti dai corrispondenti vitigni per
almeno l'85%.
Possono concorrere alla produzione di detti vini altri vitigni a bacca di colore analogo non
aromatici, da soli o congiuntamente riconosciuti idonei alla produzione di uve da vino nella
Regione Liguria, fino ad un massimo del 15%.


Articolo 3
Zona di produzione delle uve
La zona di produzione delle uve per l'ottenimento dei mosti e delle uve atti ad essere designati con
l' indicazione geografica tipica "Colline del Genovesato" comprende il territorio amministrativo
della provincia di Genova incluso nelle denominazioni di origine controllata.: "Riviera di ponente"
(Comuni di Arenzano e Cogoleto), "Golfo del Tigullio" e "Val Polcèvera".
In particolare i confini della zona sono geograficamente delimitati (in senso antiorario) da:
o il Mare Ligure dal confine con la provincia di Savona al confine con la provincia di La
Spezia, a sud; i confini orientali dei Comuni della provincia di Genova di: Moneglia, Castiglione
Chiavarese, Casarza Ligure, Nè, Mezzanego e Borzonasca;
o i confini settentrionali dei Comuni della provincia di Genova di: Borzonasca, San
Colombano Certenoli, Orero, Lorsica, Favale di Malvaro, Neirone, Lumarzo, Davagna e Genova,
quindi si prosegue dai piani di Creto, al passo Crocetta di Orero e fino al passo dei Giovi lungo lo
spartiacque che segue la direttrice dei monti: Carmo, Capanna, Vittoria, Cappellino, sino al passo
dei Giovi;
o dal passo dei Giovi fino al monte Turchino lungo la direttrice Bric Montaldo, Monte Poggio,
Monte Lecco o Leco, Monte Taccone, Bric di Guana, Bric Ronsasco, Prato del Gatto, Monte
Orditano, M. Sejeu, M. Oralado, M. Foscallo, Bric Marino, Prato d'Ermo, M. Turchino;
o dal Monte Turchino fino al monte Reixa e il confine della provincia di Savona lungo la
direttrice passo del Turchino, Bric Brusa, Bric Geremia, Monte Giallo, Bric del Dente, Passo del
Faiallo, Monte Reixa e Passo della Gava;
o infine i confini occidentali dei comuni della provincia di Genova di Arenzano e Cogoleto.


Articolo 4
Norme per la coltivazione
Le condizioni ambientali e di coltura dei vigneti devono essere atte a conferire alle uve e ai vini che
ne derivano le specifiche caratteristiche qualitative.
I sesti di impianto, le forme di allevamento del vigneto, i sistemi di potatura, devono essere quelli
tradizionali delle aree di produzione e/o quelli deliberati dagli organi tecnici competenti.
E' vietata ogni pratica di forzatura.
E' consentita l'irrigazione di soccorso.
La resa massima di uva per ettaro è di 16 tonnellate per tutti i vitigni che concorrono alla
produzione dei vini ad indicazione geografica tipica "Colline del Genovesato".
Le uve destinate alla produzione dei vini a indicazione geografica tipica "Colline del Genovesato",
seguita o meno dal riferimento al vitigno, devono assicurare ai vini il seguente titolo alcolometrico
volumico minimo naturale :
9,50 % vol per i bianchi;
10,00 % vol per i rossi ;
10,00 % vol per i rosati;
11,00 % vol per i novelli;
12,00 % vol per i passiti.


Articolo 5
Norme per la vinificazione
Le operazioni di vinificazione devono essere effettuate nell'ambito del territorio amministrativo
della regione Liguria.
La resa massima delle uve in vino finito non deve superare il 80% per tutte le tipologie , sono
ammesse le pratiche enologiche dell'arricchimento nelle annate e nei limiti stabiliti dalla Regione
Liguria con proprio decreto.
Per la tipologia passito la resa delle uve in vino non deve superare il 50% con riferimento all'uva
fresca.


Articolo 6
Caratteristiche dei vini al consumo
I vini a indicazione geografica tipica "COLLINE DEL GENOVESATO" all'atto dell'immissione al
consumo devono avere le seguenti caratteristiche:
COLLINE DEL GENOVESATO BIANCO
Colore: giallo più o meno intenso
profumo: delicato
sapore: fresco
acidità totale minima: 3,5g/l
titolo alcolometrico volumico totale: minimo 10,00% vol
estratto non riduttore minimo: 13,0 g/l.
COLLINE DEL GENOVESATO BIANCO FRIZZANTE
Colore: giallo più o meno intenso
profumo: delicato
sapore: fresco ed equilibrato
acidità totale minima: 3,5g/l
titolo alcolometrico volumico totale: minimo 10,00% vol
estratto non riduttore minimo: 13,0 g/l.
COLLINE DEL GENOVESATO ROSATO
Colore: rosato
profumo: delicato
sapore: fresco
acidità totale minima: 3,5g/l
titolo alcolometrico volumico totale: minimo 10,50%vol
estratto non riduttore minimo: 14,0 g/l.
COLLINE DEL GENOVESATO ROSATO FRIZZANTE
Colore: rosato
profumo: delicato
sapore: fresco e delicato
acidità totale minima: 3,5g/l
titolo alcolometrico volumico totale: minimo 10,50%vol
estratto non riduttore minimo: 14,0 g/l.
COLLINE DEL GENOVESATO ROSSO,.
Colore: rosso più o meno intenso
profumo: delicato
sapore: equilibrato
acidità totale minima: 3,5g/l
titolo alcolometrico volumico totale: minimo 10,50%vol
estratto non riduttore minimo: 17,0 g/l.
COLLINE DEL GENOVESATO ROSSO FRIZZANTE,
Colore: rosso più o meno intenso
profumo: delicato
sapore: equilibrato
acidità totale minima: 3,5g/l
titolo alcolometrico volumico totale: minimo 10,50%vol
estratto non riduttore minimo: 17,0 g/l.
COLLINE DEL GENOVESATO ROSSO NOVELLO,
Colore: rubino
profumo: vinoso
sapore: fresco ed equilibrato
acidità totale minima: 3,5 g/l
titolo alcolometrico volumico totale: minimo 11,00% vol
estratto non riduttore minimo: 17,0 g/l.
COLLINE DEL GENOVESATO ROSSO PASSITO.
Colore: rubino
profumo: intenso e persistente
sapore: equilibrato
acidità totale minima: 3,5 g/l
titolo alcolometrico volumico totale: minimo 16,50% vol per i passiti di cui almeno 14,00% vol
svolti
estratto non riduttore minimo: 17,0 g/l.


Articolo 7
Designazione e presentazione
Non è ammesso l'uso di indicazioni geografiche o toponomastiche, nomi di comuni, frazioni o
località comprese nella zona di produzione.
Alla indicazione geografica tipica dei vini "Colline del Genovesato" è vietata l'aggiunta di qualsiasi
qualificazione diversa da quelle previste nel presente disciplinare di produzione, ivi compressi gli
aggettivi extra, fine, scelto, selezionato, superiore e similari.
E' tuttavia consentito l'uso di indicazioni veritiere in riferimento a nomi, ragioni sociali e marchi
privati purché non abbiano significato laudativo e non siano tali da trarre in inganno il consumatore.


Articolo 8
Legame con l'ambiente geografico
A) Informazioni sulla zona geografica.
1. Fattori naturali rilevanti per il legame.
La zona geografica riferita al territorio dell'Indicazione Geografica Tipica Colline del Genovesato
ricade nella parte centro – orientale della Regione Liguria, in provincia di Genova e comprende un
territorio piuttosto vasto con vigneti situati per la maggior parte in bassa - media collina.
Aspetti pedologici:
I substrati litologici dei rilievi collinari del levante ligure genovese sono rappresentati in gran parte
da torbiditi a composizione argillosa con suoli a tessitura franco fine e reazione neutra - subalcalina
– alcalina, in misura minore da torbiditi a composizione calcareo marnosa con suoli a tessitura
franco fine e reazione da neutra a subalcalina.
Aspetti topografici:
L'altitudine dei terreni coltivati a vite è compresa tra lo 0 e i 1200 m s.l.m. con quota prevalente
compresa tra 100 e 300 m, pendenza tra il 35 e il 50%, esposizione prevalente orientata verso sud –
est e distanza dal mare compresa tra 0 e 21 Km.
Aspetti climatici:
La temperatura media dell'area interessata è pari a circa 14°C.
L'indice bioclimatico di Huglin (IH) che descrive l'andamento fenologico e della maturazione è pari
a circa 2028°C con valori compresi tra 1800 e 2180 a seconda delle annate. La somma delle
temperature attive (STA) che dà indicazioni sulle disponibilità termiche della zona è pari a circa
1720°C con valori compresi tra 1480 e 1900. La sommatoria delle escursioni termiche (SET), altro
indice bioclimatico utile per la caratterizzazione di un territorio viticolo, è pari a circa 550°C con
valori compresi tra 450 e 590.
Il massimo della piovosità si verifica nel mese di aprile con una media di circa 210 mm, il minimo
di piovosità nel mese di luglio con 21 mm medi.
Le precipitazioni medie annue risultano essere di circa 1340 mm; i giorni con pioggia tra aprile e
ottobre sono mediamente 80 con un massimo di 15 giorni ad aprile ed un minimo di 6 giorni a
luglio.
2. Fattori umani rilevanti per il legame
La diffusione della coltivazione vite è storicamente attribuita ai monaci benedettini che la
trasformarono in redditizia produzione economica che nel tempo si consolidò avendo come sbocco
commerciale la città di Genova. Da questo periodo la produzione di vini bianchi, rossi e rosati e dei
passiti acquisisce una dimensione commerciale e geografica locale che attualmente si è imposta
quale denominazione corrente nella produzione soprattutto per la stagione turistica estiva.
La base ampelografica dei vigneti è in buona parte caratteristica rigurdando vitigni particolari
presenti solo nel territorio delimitato che ne evidenziano originalità e legame con la tradizione. Le
forme di allevamento benché mutate nel tempo hanno comunque sempre rispettato il ricercato
equilibrio tra vigore e produzione quale essenza fondamentale di una armonia tra profumi e sapori
del vino prodotto.
Le tecniche enologiche, ammodernate negli strumenti e nei materiali, hanno comunque mantenuto
una sapienza tradizionale basata sulla particolare selezione delle uve e degli uvaggi in particolare al
fine di esaltare caratteristiche proprie di quei vitigni locali come la Bianchetta Genovese, il
Vermentino ecc... . I centri di vinificazione si sono concentrati presso aziende specializzate,
innovando in tecnologia ma tramandando una antica sapienza che dalla coltivazione arriva alla
commercializzazione verso mercati che ormai hanno stabilmente varcato i confini nazionali
contribuendo a rinnovare una rinomanza costruita nel tempo.
Sebbene la base ampelografica dei vigneti ammessi comprende tutti quelli assentiti alla coltivazione
in Regione Liguria, il territorio delle Colline del Genovesato propone prevalentemente le specificità
territoriali individuabili nella Bianchetta Genovese, Ciliegiolo, Vermentino, il Moscato e lo Cimixià
B) Informazioni qualità e caratteristiche prodotto esclusivamente attribuibili all'ambiente
geografico.
L'IGT Colline del Genovesato fa riferimento a varie tipologie di vino che, dal punto di vista
chimico e organolettico, presentano caratteristiche che permettono una chiara individuazione della
sua tipicità e del legame col territorio.
Le peculiarità dei vitigni utilizzati per le varie tipologie, grazie all'influenza dell'ambiente
geografico in cui sono coltivati (clima e pratiche di elaborazione dei vini consolidate in zona e
adeguatamente differenziate per ciascuna delle tipologie), danno luogo a vini con caratteristiche
molto riconoscibili.
In particolare i vini si distinguono per il fatto di possedere acidità contenute, colori vivaci, profumi
delicati, gusto armonico e abbastanza sapido.
C) Descrizione dell'interazione causale fra gli elementi di cui alla lettera A) e quelli di cui alla
lettera B).
La storia della città di Genova e del suo porto, hanno inevitabilmente condizionato il territorio
limitrofo modificandolo nella sua struttura originale per ricavarne appezzamenti di terreno sui cui
coltivare la vite. Il mare ed il il suo influsso climatico hanno di conseguenza plagiato le produzioni
quì selezionate con cura perché prevalentemente destinato al mercato. Tale tradizione è rimasta
immutata pur modificandosi apparentemente nelle dinamiche che privilegiano, oggi, il consumo da
parte di un flusso turistico continuo. Da queste sinergie e da queste tradizioni ancora oggi il vino
delle colline genovesi si ripropone in modo convinto forte di peculiarità e caratteri tipici.


Articolo 9
Riferimenti alla struttura di controllo
Nome e Indirizzo: Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura di Genova
Via Garibaldi, n. 4
16124 – Genova
Web: www.ge.camcom.gov.it
Tel. 010 2704 381
La C.C.I.A.A. di La spezia è l'Autorità pubblica designata dal Ministero delle politiche agricole
alimentari e forestali, ai sensi dell'articolo 13 del decreto legislativo n. 61/2010 (Allegato 2) che
effettua la verifica annuale del rispetto delle disposizioni del presente disciplinare, conformemente
all'articolo 25, par. 1, 1° capoverso, lettera b) e c), ed all'articolo 26, par. 1, del Reg. CE n.
607/2009, per i prodotti beneficianti della IGP, mediante una metodologia dei controlli combinata
(sistematica ed a campione) nell'arco dell'intera filiera produttiva (viticoltura, elaborazione,
confezionamento), conformemente al citato articolo 25, par. 1, 2° capoverso.
In particolare, tale verifica è espletata nel rispetto di un predeterminato piano dei controlli,
approvato dal Ministero, conforme al modello approvato con il DM 14 giugno 2012, pubblicato in
G.U. n. 150 del 29.06.2012 (Allegato 3).

 


PROPONI LA NOTIZIA

OkNotizie     

 

Immagini e/o testi possono essere tratti dal web. In nessun caso i testi riportati sostituiscono i documenti ufficiali


 

 


NOVITA

NOVITA

NOVITA

Inizio pagina |Tv15 è un sito amatoriale creato da appassionati dei vini italiani. Pertanto i riferimenti riguardanti le informazioni riportatesono tratte principalmente dal web. Per errori o informazioni incomplete Vi preghiamo di darcene comunicazione per modificarle non appena possibile | Note legali | Powered by CMSimple_XH |