Vini, cantine e disciplinari dei vini italiani

Ti trovi in:   Home > Blog – Colline Savonesi Igt

Loading

Blog

 

Colline Savonesi Igt

22.11.2015

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEL VINO A INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA
"COLLINE SAVONESI"


Approvato con DM 20.11.1995 G.U. 294 - 18.12.1995
Modificato con DM 30.11.2011 G.U. 295 – 20.12.2011
Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza Vini DOP e IGP
Modificato con DM 11.11.2013 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza Vini DOP e IGP
Modificato con DM 07.03.2014 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza Vini DOP e IGP


Articolo 1
Denominazione
L'indicazione geografica tipica «Colline Savonesi», accompagnata o meno dalle specificazioni
previste dal presente disciplinare di produzione, è riservata ai mosti e ai vini che rispondono alle
condizioni ed ai requisiti in appresso indicati.


Articolo 2
Base ampelografica
La indicazione geografica tipica «Colline Savonesi» è riservata ai seguenti vini:
bianchi, anche nelle tipologie frizzante e passito;
rossi, anche nella tipologia novello;
rosati.
I vini ad indicazione geografica tipica «Colline Savonesi» bianchi rossi e rosati devono essere
ottenuti da uve provenienti da vigneti composti, nell'ambito aziendale, da uno o più vitigni idonei
alla coltivazione per la Regione Liguria iscritti nel Registro Nazionale delle varietà di vite per le
uve da vino approvato con D.M. 7 maggio 2004 e successivi aggiornamenti, riportati nell'allegato
1 del presente disciplinare.
La indicazione geografica tipica «Colline Savonesi» con la specificazione di uno dei seguenti
vitigni o relativi sinonimi: Alicante (localmente denominato Granaccia), Lumassina (localmente
denominato Buzzetto o Mataosso), è riservata ai vini ottenuti da uve provenienti da vigneti
composti, nell'ambito aziendale, per almeno 1'85% dal corrispondente vitigno.
Possono concorrere, da sole o congiuntamente, alla produzione dei mosti e vini sopra indicati, le
uve dei vitigni a bacca di colore analogo, non aromatici, idonei alla coltivazione per la Regione
Liguria fino ad un massimo del 15%.
I vini ad indicazione geografica tipica «Colline Savonesi» con la specificazione del vitigno
Lumassina o dei sinonimi Buzzetto o Mataosso possono essere prodotti anche nella tipologia
frizzante.


Articolo 3
Zona di produzione delle uve
"La zona di produzione delle uve per l'ottenimento dei mosti e dei vini atti ad essere designati con
la indicazione geografica tipica <<Colline Savonesi>> comprende l'intero territorio della
provincia di Savona, nella Regione Liguria.".


Articolo 4
Norme per la viticoltura
Le condizioni ambientali e di coltura dei vigneti destinati alla produzione dei vini di cui all'art. 2
devono essere quelle tradizionali della zona.
La produzione massima di uva per ettaro di vigneto in coltura specializzata, nell'ambito
aziendale,non deve essere superiore per i vini ad indicazione geografica tipica «Colline Savonesi»
bianco,rosso e rosato, anche con la specificazione del vitigno, non deve essere superiore a tonnellate
16.
Le uve destinate alla produzione dei vini ad indicazione geografica tipica «Colline
Savonesi»,devono assicurare ai vini i seguenti titoli alcolometrici volumici naturali minimi:
«Colline Savonesi» bianco 9%;
«Colline Savonesi» rosso 9%, anche con la specificazione del vitigno;
«Colline Savonesi» rosato 9%;
«Colline Savonesi» Lumassina o sinonimo 8,5%.


Articolo 5
Norme per la vinificazione
Nella vinificazione sono ammesse soltanto le pratiche atte a conferire ai vini le proprie peculiari
caratteristiche.
La resa massima dell'uva in vino finito, pronto per il consumo, non deve essere superiore al 80%.


Articolo 6
Caratteristiche al consumo
I vini ad indicazione geografica tipica «Colline Savonesi», anche con la specificazione del
vitigno,all'atto dell'immissione al consumo devono avere le seguenti caratteristiche:
Tipologia "BIANCO"
Colore: giallo più o meno intenso
Profumo: delicato
Sapore: fresco ed equilibrato
Ttitolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,00% vol
Acidità totale minima 3,50 g/l
Estratto no riduttore minimo 13 g/l.
Tipologia "BIANCO FRIZZANTE"
Colore: giallo più o meno intenso
Profumo: delicato
Sapore: fresco ed equilibrato
Ttitolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,00% vol
Acidità totale minima 3,5 g/l
Estratto no riduttore minimo 13,0 g/l.
Tipologia "BIANCO PASSITO"
Colore: giallo dorato
Profumo: intenso e persistente
Sapore: equilibrato e persistente
Ttitolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,00% vol
Acidità totale minima 3,5 g/l
Estratto no riduttore minimo 13,0 g/l.
Tipologia "ROSSO"
Colore: rosso più o meno intenso
Profumo: delicato
Sapore: equilibrato
Ttitolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,00% vol
Acidità totale minima 3,5 g/l
Estratto no riduttore minimo 17,0 g/l.
Tipologia "ROSATO"
Colore: rosato
Profumo: delicato
Sapore: fresco ed equilibrato
Ttitolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,00% vol
Acidità totale minima 3,5 g/l
Estratto no riduttore minimo 14,0 g/l.
Tipologia "ROSSO NOVELLO"
Colore: rubino più o meno carico
Profumo: vinoso
Sapore: fresco ed equilibrato
Ttitolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,00% vol
Acidità totale minima 3,5 g/l
Estratto no riduttore minimo 14,0 g/l.
Tipologia "LUMASSINA"
Colore: giallo più o meno intenso con riflessi verdognoli
Profumo: fresco delicato ed erbaceo
Sapore: fresco caratteristico
Ttitolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,00% vol
Acidità totale minima 3,5 g/l
Estratto no riduttore minimo 13,0 g/l.


Articolo 7
Designazione e presentazione
Alla indicazione geografica tipica «Colline Savonesi» è vietata l'aggiunta di qualsiasi qualificazione
diversa da quelle previste nel presente disciplinare di produzione, ivi compresi gli aggettivi
extra,fine, scelto, selezionato, superiore e similari.
È tuttavia consentito l'uso di indicazioni che facciano riferimenti a nomi, ragioni sociali e marchi
privati purché non abbiano significato laudativo e non siano tali da trarre in inganno il consumatore.
L'indicazione geografica tipica «Colline Savonesi», ai sensi dell'art. 14 del DLgs 61/2010, può
essere utilizzata come ricaduta per i vini ottenuti da uve prodotte da vigneti coltivati nell'ambito del
territorio delimitato nel precedente articolo 3 e iscritti allo schedario viticolo per le relative
denominazioni di origine, a condizione che i vini per i quali si intende utilizzare l'indicazione
geografica tipica di cui trattasi abbiano i requisiti previsti per una o più delle tipologie di cui al
presente disciplinare.


Articolo 8
Legame con l'ambiente
A) Informazioni sulla zona geografica.
Fattori naturali rilevanti per il legame.
La zona geografica riferita al territorio dell'Indicazione Geografica Tipica Colline Savonesi ricade
nella parte occidentale della Regione Liguria, in provincia di Savona e comprende un territorio
molto vasto includendo tutti i comuni della provincia con vigneti situati per la maggior parte in
media - alta collina.
Il prodotto deve le sua caratteristiche alle particolari condizioni pedoclimatiche. La Provincia di
Savona è una fascia di terra collinare affacciata sul Mediterraneo e protetta a nord dalle ultime
propaggini delle Alpi, sono valli strette e ripidi pendii. Inoltre le cultivar di vite specifiche
interessate a questa denominazione, in particolare la Lumassina e i suoi sinonimi, che sono presenti
quasi esclusivamente in questa zona, legittimano la rivendicazione di tale denominazione e non si
ritrovano in altre aree vitate.
Aspetti pedologici:
I substrati litologici dei rilievi collinari del ponente ligure savonese sono rappresentati da:
torbiditi a composizione arenacea con suoli a tessitura franco grossolana e reazione da acida a
subacida;
torbiditi a composizione calcareo marnosa con tessitura franco fine e reazione da neutra a
subalcalina;
calcari con suoli a tessitura franco grossolana e reazione da neutra a subalcalina;
torbiditi a composizione argillosa con suoli a tessitura fine e reazione da subalcalina ad alcalina.
Aspetti topografici:
L'altitudine dei terreni coltivati a vite è compresa tra lo 0 e i 800 m s.l.m. con quota prevalente
compresa tra 400 e 600 m, pendenza tra il 20 e il 50%, esposizione prevalente orientata verso est –
sud-est e distanza dal mare compresa tra 0 e 50 Km.
Aspetti climatici:
La temperatura media dell'area interessata è pari a circa 13°C.
L'indice bioclimatico di Huglin (IH) che descrive l'andamento fenologico e della maturazione è pari
a circa 1850°C con valori compresi tra 1700 e 1980 a seconda delle annate. La somma delle
temperature attive (STA) che dà indicazioni sulle disponibilità termiche della zona è pari a circa
1540°C con valori compresi tra 1320 e 1700. La sommatoria delle escursioni termiche (SET), altro
indice bioclimatico utile per la caratterizzazione di un territorio viticolo, è pari a circa 530°C con
valori compresi tra 470 e 560.
Il massimo della piovosità si verifica nel mese di aprile con una media di circa 210 mm, il minimo
di piovosità nel mese di luglio con 11 mm medi.
Le precipitazioni medie annue risultano essere di circa 1020 mm; i giorni con pioggia tra aprile e
ottobre sono mediamente 75 con un massimo di 13 giorni ad aprile ed un minimo di 6 giorni a
luglio.
Fattori umani e storici rilevanti per il legame
L'introduzione e la diffusione della vite è storicamente attribuita ai marinai e ai commercianti che
dall'alto medioevo hanno introdotto le cultivar da altri territori, che si sono poi localmente
selezionate ed adattate, e migliorarono le tecniche di coltivazione insegnando l'utilizzo dei
terrazzamenti con la costruzione dei muretti a secco.
La vocazione viticola ligure è consolidata nei secoli. Alla fine dell'ottocento sopravanza la coltura
dell'olivo e dell'olio ligure e la coltura viticola perde di importanza e superfici. Da questo periodo la
produzione di vini bianchi, rossi e rosati acquisisce una dimensione commerciale e geografica
locale che ha attualmente, e si è imposta quale denominazione corrente nella produzione soprattutto
per la stagione turistica estiva.
La base ampelografica dei vigneti è caratteristica e riguarda vitigni presenti solo nel territorio
delimitato che ne evidenziano originalità e legame con la tradizione. Le forme di allevamento sono
tradizionali e nel tempo non si sono mai discostate da quelle tradizionalmente utilizzate in passato.
Esiste ancora un alberata alta caratteristica dei vigneti coltivati a Lumassina.
Recentemente le tecniche enologiche hanno portato gli operatori a selezionare maggiormente le
caratteristiche peculiari che il fattore ambiente esalta e a migliorare in cantina un prodotto che, già
dalla vigna e dalle caratteristiche delle uve, ha le note del territorio. Si tratta in prevalenza di
limitata vinificazione in rosso per i rossi e i rosati, in bianco per i bianchi adeguatamente
differenziate per le tipologie novello e passito.
B) Informazioni sulla qualità e sulle caratteristiche del prodotto essenzialmente attribuibili
all'ambiente geografico.
I fattori ambientali legati alla particolare scioltezza dei terreni per la maggior parte drenanti e
sabbiosi danno ai vini caratteristiche di freschezza e di sapidità, infatti si tratta di vini che non sono
destinati all'invecchiamento in quanto il territorio dona al vino i sapori degli aromi mediterranei,dei
sentori di mare e di genuinità.
L'IGT Colline Savonesi fa riferimento a varie tipologie di vino (art. 1) che, dal punto di vista
chimico e organolettico, presentano caratteristiche che permettono una chiara individuazione della
sua tipicità e del legame col territorio.
Le peculiarità dei vitigni utilizzati per le varie tipologie, grazie all'influenza dell'ambiente
geografico in cui sono coltivati (clima e pratiche di elaborazione dei vini consolidate in zona e
adeguatamente differenziate per ciascuna delle tipologie), danno luogo a vini con caratteristiche
molto riconoscibili.
In particolare i vini si distinguono per il fatto di possedere buone acidità, colori vivaci, profumi fini
e delicati, gusto fresco e armonico.
C) Descrizione dell'interazione causale fra gli elementi di cui alla lettera A) e quelli di cui alla
lettera B).
La limitata quantità di produzione porta questi vini ad essere consumati per lo più nel territorio di
produzione, anche il flusso turistico riconosce l'unicità delle caratteristiche che sono il risultato
dell'influenza dell'ambiente e della tradizione enologica degli operatori savonesi.
Il legame fra la tradizione enologica e vitivinicola e le tipologia di vino descritte nel disciplinare
hanno un valore storico e di consuetudine. Infatti ogni operatore, ancora prima del riconoscimento
IGT avvenuto nel 1995, aveva fra le sue caratteristiche produttive la tendenza ad offrire vini
prodotti per un consumo fresco e di breve durata.


Articolo 9
Riferimenti alla struttura di controllo
Nome e Indirizzo: Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura di Savona
Via Quarda Superiore, n. 16
17100 – Savona
Web: www.sv.camcom.gov.it
Tel. 019/83141
Fax 019/851458
La C.C.I.A.A. di Savona è l'Autorità pubblica designata dal Ministero delle politiche agricole
alimentari e forestali, ai sensi dell'articolo 13 del decreto legislativo n. 61/2010 (Allegato 2) che
effettua la verifica annuale del rispetto delle disposizioni del presente disciplinare, conformemente
all'articolo 25, par. 1, 1° capoverso, lettera b) e c), ed all'articolo 26, par. 1, del Reg. CE n.
607/2009, per i prodotti beneficianti della IGP, mediante una metodologia dei controlli combinata
(sistematica ed a campione) nell'arco dell'intera filiera produttiva (viticoltura, elaborazione,
confezionamento), conformemente al citato articolo 25, par. 1, 2° capoverso.
In particolare, tale verifica è espletata nel rispetto di un predeterminato piano dei controlli,
approvato dal Ministero, conforme al modello approvato con il DM 14 giugno 2012, pubblicato in
G.U. n. 150 del 29.06.2012 (Allegato 3).

 


PROPONI LA NOTIZIA

OkNotizie     

 

Immagini e/o testi possono essere tratti dal web. In nessun caso i testi riportati sostituiscono i documenti ufficiali


 

 


NOVITA

NOVITA

NOVITA

Inizio pagina |Tv15 è un sito amatoriale creato da appassionati dei vini italiani. Pertanto i riferimenti riguardanti le informazioni riportatesono tratte principalmente dal web. Per errori o informazioni incomplete Vi preghiamo di darcene comunicazione per modificarle non appena possibile | Note legali | Powered by CMSimple_XH |