Vini, cantine e disciplinari dei vini italiani

Ti trovi in:   Home > Blog – Roccamonfina Igt

Loading

Blog

 

Roccamonfina Igt

23.11.2015

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELL' INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA
"ROCCAMONFINA"


Approvato con DM 22.11.1995 G.U. 301 - 28.12.1995
Modificato con DM 09.04.1996 G.U. 96 - 24.04.1996
Modificato con DM 19.07.2000 G.U. 181 - 04.08.2000
Modificato con DM 24.07.2009 G.U. 184 - 10.08.2009
Modificato con DM 30.11.2011 G.U. 295 - 20.12.2011
Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza Vini DOP e IGP
Modificato con DM 07.11.2013 GU. 274 – 22.11.2013
Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza Vini DOP e IGP
Modificato con DM 27.11.2013 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza Vini DOP e IGP
Modificato con DM 07.03.2014 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza Vini DOP e IGP


Articolo 1
Denominazione e vini
1 . La indicazione geografica tipica "Roccamonfina", accompagnata o meno dalle specificazioni
previste dal presente disciplinare di produzione, è riservata ai mosti ed ai vini che rispondono alle
condizioni ed ai requisiti in appresso indicati.


Articolo 2
Base ampelografica
1 . La indicazione geografica tipica "Roccamonfina" è riservata ai seguenti vini:
bianco
bianco amabile
bianco frizzante
bianco passito
rosso
rosso amabile
rosso frizzante
rosso passito
rosso novello
rosato
rosato amabile
rosato frizzante
I vini ad IGP "Roccamonfina" bianchi, rossi e rosati devono essere ottenuti da uve provenienti da
vigneti composti, nell'ambito aziendale, da uno o più vitigni a bacca di colore analogo, idonei alla
coltivazione per la provincia di Caserta iscritti nel Registro Nazionale delle varietà di vite per uve da
vino, approvato con D.M. 7 maggio 2004 e successivi aggiornamenti, riportati nell'allegato 1 del
presente disciplinare.
I vini ad IGP "Roccamonfina" con la specificazione di uno dei seguenti vitigni:
Aglianico, Coda di Volpe, Falanghina, Fiano, Greco, Piedirosso, Primitivo, Sciascinoso
è riservata ai vini ottenuti da uve a bacca di colore analogo provenienti da vigneti composti,
ne1l'ambito aziendale, per almeno l'85% dai corrispondenti vitigni.
Possono concorrere, da sole o congiuntamente, alla produzione dei mosti e dei vini sopra indicati, le
uve dei vitigni a bacca di colore analogo, non aromatici, idonei alla coltivazione per la provincia di
Caserta, fino ad un massimo del 15%.
I vini ad IGP "Roccamonfina" con la specificazione del vitigno Falanghina possono essere prodotti
anche nelle tipologie frizzante e passito.


Articolo 3
Zona di produzione
1. La zona di produzione delle uve per l'ottenimento dei mosti e dei vini atti ad essere designati con la
IGP"Roccamonfina" comprende il territorio amministrativo dei seguenti comuni in provincia di
Caserta:
Caianello, Carinola, Cellole, Conca della Campania, Galluccio, Francolise, Calvi Risorta, Rocchetta e
Croce, Riardo, Pietramelara, Roccaromana, Pietravairano, Vairano Patenora, Presenzano, Tora e
Piccilli, Marzano Appio, Mignano Montelungo, San Pietro Infine, Rocca d'Evandro, Sessa Aurunca,
Falciano del Massico, Mondragone, Sparanise, Roccamonfina, Teano.


Articolo 4
Norme per la viticoltura
1. Le condizioni ambientali e di coltivazione dei vigneti destinati alla produzione dei vini di cui
all'articolo 2 devono essere quelle tradizionali della zona.
La produzione massima di uva per ettaro di vigneto in coltura specializzata, nell'ambito aziendale, per i
vini ad IGP "Roccamonfina" non deve essere superiore a:
Roccamonfina bianco, rosso e rosato 17,00 tonnellate/ettaro
Roccamonfina con indicazione del vitigno 16,00 tonnellate/ettaro
Le uve destinate alla produzione dei vìni ad IGT "Roccamonfina" seguita o meno dal riferimento del
vitigno, devono assicurare ai vini un tìtolo alcolometrico volumico naturale minimo di:
Roccamonfina bianco 10,00 % vol.;
Roccamonfina rosso 10,50 % vol.;
Roccamonfina rosato 10,50 % vol.;
Roccamonfina frizzante 9,50 % vol.;
Nel caso di annate particolarmente sfavorevoli,la Regione Campania può autorizzare con proprio
decreto, sentite le organizzazioni di categoria la riduzione di detti valori dello 0,50 % vol.


Articolo 5
Norme per la vinificazione
Le operazioni di vinificazione devono essere effettuate all'interno della zona di produzione delle uve
delimitata all'art. 3. Inoltre è consentito che le predette operazioni possano avvenire anche in
stabilimenti situati nell'intero territorio della Regione Campania, a condizione che le Ditte interessate
dimostrino ai competenti Organi di controllo di aver effettuato tali operazioni di vinificazione nel
relativo stabilimento enologico antecedentemente al 31/12/2012.
1, Nella vinificazione sono ammesse soltanto le pratiche enologiche atte a conferire ai vini le proprie
peculiari caratteristiche.
La resa massima dell'uva in vino finito, pronto per il consumo, non deve essere superiore al 80% per
tutti i tipi di vino, ad eccezione del passito che non deve essere superiore al 50%.


Articolo 6
Caratteristiche al consumo
I vini devono rispondere alle seguenti caratteristiche:
"ROCCAMONFINA" Bianco:
colore: bianco paglierino ;
odore: vinoso, gradevole, floreale;
sapore: asciutto, sapido;
titolo alcolometrico volumico minimo complessivo: 10,50% vol;
acidità totale minima: 5,0 g/l;
estratto non riduttore minimo: 14,0 g/l.
Zuccheri riduttori: 8 g/l max.
"ROCCAMONFINA" Rosso :
colore: rosso rubino, tendente al granata ;
odore: profumo caratteristico, intenso e fruttato;
sapore: asciutto, tipico e giustamente tannico;
titolo alcolometrico volumico minimo complessivo: 11,00% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 18,0 g/l.
Zuccheri riduttori :10 g/l max.
"ROCCAMONFINA " Rosato:
colore: rosa piu' o meno intenso;
odore: floreale, fruttato;
sapore: sapido, tipico, caratteristico;
titolo alcolometrico volumico minimo complessivo: 11,00% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15,0 g/l.
Zuccheri riduttori: 8 g/l max.
ROCCAMONFINA" Rosso Passito:
colore: rosso cupo e profondo;
odore: intenso e di grande persistenza;
sapore: ottima persistenza gustativa e marcata tipicita', tannini presenti ma equilibrati, buona sapidità;
titolo alcolometrico volumico minimo complessivo: 12,50% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 25,0 g/l.
ROCCAMONFINA" Bianco Passito:
colore: giallo dorato;
odore: intenso e persistente;
sapore: ottima persistenza gustativa,struttura importante,armonico con buona acidità;
titolo alcolometrico volumico minimo complessivo: 12,50% vol;
acidità totale minima: 5,0 g/l;
estratto non riduttore minimo: 22,0 g/l.
I vini a indicazione geografica tipica "Roccamonfina" con la specificazione del nome del vitigno,
all'atto dell'immissione al consumo, oltre alle caratteristiche sopra specificate per i vini del
corrispondente colore, devono presentare le caratteristiche organolettiche proprie del vitigno.


Articolo 7
Designazione e presentazione
Alla IGP "Roccamonfina" è vietata l'aggiunta dì qualsiasi qualificazione diversa da quelle previste nel
presente disciplinare di produzione, ivi compresi gli aggettivi: extra, fine, scelto. superiore. riserva.
selezionato e similari.
E, tuttavia consentito l'uso di indicazioni che facciano riferimento a nomi, ragioni sociali e marchi
privati purché non abbiano significato laudativo e non siano tali da trarre in inganno l'acquirente.
L'indicazione geografica tipica "Roccamonfina", ai sensi dell'art. 14 del DLgs 61/2010, può essere
utilizzata come ricaduta per i vini ottenuti da uve prodotte da vigneti coltivati nell'ambito del territorio
delimitato nel precedente articolo 3 e iscritti allo schedario viticolo per le relative denominazioni di
origine, a condizione che i vini per i quali si intende utilizzare l'indicazione geografica tipica di cui
trattasi abbiano i requisiti previsti per una o più delle tipologie di cui al presente disciplinare.


Articolo 8
Legame con l'ambiente geografico
A) Informazione sulla zona geografica.
Il territorio di produzione della IGP "Roccamonfina", ubicato in una vasta zona nord occidentale della
provincia di Caserta con punto centrale dell'area il massiccio vulcanico di Roccamonfina. L'area in
questione è rappresentata dai territori amministrativi dei comuni di cui all'articolo 3, nettamente
delimitato dal fiume Garigliano a N - NW, dal monte Cesima a Nord, dall'Agro Caleno a Est. e dalle
morbide ed assolate coste della riviera Domizia a Sud.
La rete viaria è fittissima e ottimamente articolata. Infatti, la zona interessata è attraversata da tre
importanti strade nazionali: La Via Appia; la Domiziana e la Casilina.
I principali corsi d'acqua, sono il Garigliano a Nord-Nord Ovest il Savone e la Gnena a ad Est.
Orograficamente la zona prende origine per la maggior parte del suo territorio dal massiccio vulcanico
di Roccamonfina, mentre le restanti aree interessate sono in parte di natura autoctona ed parte di
alluvionale.
2. Aspetto Geologico del Territorio
Le rocce più antiche sono quelle del Monte Massico e del monte Cesima. Presentano una struttura
calcareo-dolomitica facente parte della "Piattaforma carbonatica appenninica Centrale"
In tutta questa struttura è possibile rinvenire fossili di varie specie.
L'apparato vulcanico di Roccamonfina invece presenta ovviamente, caratteristiche tutte diverse, ed è il
vero apparato generatore della zona.
Questo Vulcano, ormai spento, con i suoi 450 Kmq è per dimensione il quarto Vulcano italiano mentre
per altitudine è il quinto dopo l'Etna, il Vulture, il Vesuvio ed il monte Amiata.
Nel corso delle differenti ere, il complesso vulcanico di Roccamonfina ha emesso una quantità di
materiale piroclastico capace ricoprire un territorio vastissimo conferendo una fertilità ai terreni non
comune.
Un particolare materiale pirosclastico che riveste molte delle colline e dei monti circostanti è costituito
dell'Ignimbrite Campana (L'ignimbrite Trachio –fonolitica, più comunemente nota con il nome di
"Tufo grigio campano" autoctono).
Nonostante l'uniformità delle caratteristiche litologiche, la giacitura nonché la tessitura di queste
ignimbriti dimostrano che la loro origine non è dovuta ad una unica emissione e ad un unico apparato
vulcanico bensì all'attività più o meno contemporanea di numerosi centri vulcanico anche di minore
entità
PENDENZE
Il vasto territorio interessato dalla IGP "Roccamonfina" è caratterizzato da una orografia molto
eterogenea.
Di fatto pur essendo per la maggior parte della sua estensione costituito da piccoli monti, da qualche
massiccio calcareo (vedi Monte Massico e Monte Cesima) e da colline più o meno morbide, per circa
un terzo della sua estensione è costituito da pianure alluvionali ricche di humus e corsi d'acqua che le
rendono particolarmente fertile ed idonea a qualsivoglia coltivazione.
Le are collinari idonee alla coltivazione di vigneti ed oliveti non presentano forti pendenza ma declivi
che in genere non superano 10-15 % di pendenza, mentre la maggior parte dell'orografia presente è
caratterizzata da morbide colline con pendenze inferiori al 10 % quasi sempre perfettamente assolate.
ASPETTO PEDOLOGICO
Dal punto di vista pedologico l'area in questione è decisamente eterogenea sia per le differenti
altimetrie presenti sia per l'alternanza di suoli con differenti strutture, con una grossa prevalenza di
terreni di natura vulcanica. Ad ogni modo possiamo fare un piccolo distinguo tra le varie zone,
ponendo il massiccio vulcanico di Roccamonfina come centro di riferimento
Versante Sud-Ovest (Sessa Aurunca – Cellole) :
Terreni vulcanici autoctoni sulle alture di Roccamonfina: profondi, silicio-sciolti, a reazione subacida,
con larga disponibilità di potassio e piuttosto scarsi di fosforo assimilabile. Poco Humus.
Le condizioni pedologiche sono ottimali alla coltivazione della vite pur essendo la zona soggetta ad
aridità primaverile-estiva.
Terreni vulcanici autoctoni della zona pedocollinare e della pianura (dove per altro, l'orografia è spesso
caratterizzata da piccoli rilievi): le stesse caratteristiche dei terreni sopradescritti salvo che sono più
profondi, più attivamente capillari e più ricchi di humus. Adatti a tutte le coltivazioni.
Versante Nord-Ovest (Galluccio, Roccadevandro , Sessa Aurucna)
Terreni vulcanici autoctoni sulle colline di Galluccio e di Sessa Aurunca, direttamente
interessati dalle colate laviche e dalle eruzione del vulcano le colline che degradano a Sessa Aurunca e
Roccadevandro, poco profondi con buona presenza di materiale piroclastico grossolano. Frequente
sono la presenza di massi "bombe laviche" che caratterizzano il territorio.
i terreni sono molto fertili, drenanti, ricchi di sostane minerali con discreta presenza di humus. la
reazione è frequentemente sub-acida.
terreni ottimali per la coltivazione della vita da vino
Versante Nord (San Pietro Infine, Mignano M. Lungo, Conca della Campania, Presenzano, Tora e
Piccilli, Marzano Appio,)
In questa area si alternano terreni collinari ricoperti di piroclastiti che presentano una struttura
franco-sabbiosa, sciolti, poco profondi e di buona fertilità; terreni pedo-collinari ed alluvionali franco
argillosi, profondi, freschi e ricchi di humus e terreni pedocollinari autoctoni argillosi - calcarei con
buona presenza di scheletro calcareo siccitosi e poco profondi.
Versante Est (Vairano Patenora, Roccamonfina, Teano, Sparanise, Roccaromana, Calvi Risorta,
Roccheta e Croce, Riardo, Pietramelara, Pietravairano, Francolise, Caianello)
Anche questo versante presenta una forte eterogeneità pedologica. Si passa da terreni collinari
ricchi di materiale piroclastico (Ignimbrite Campana) ricoperti da un buon franco di coltivazione con
una buona dotazione di Humus e pH sub-acido; a terreni alluvionali di natura franco – argilloso,
profondi ricchi di falde sottosuperficiali, ricchi di humus e ph acido/sub-acido. In genere i terreni sono
molto fertili ed in molti casi idonei alla coltivazione dell'uva da vino.
Versante Sud-Est (Carinola, Falciano del Massico, Mondragone) :
In questo versante si può vedere innanzitutto che la parte pedocollinare e la parte collinare
riguarda la struttura calcarea del Monte Massico e, che tutta la fascia mediana, è stata originata
dall'attività vulcanica del Roccamonfina, mentre la parte più a Sud è di origine alluvionale. La parte
centrale del Monte Massico presenta caratteristiche simili a quelle del versante di Sessa Aurunca:
Massiccio calcareo-dolomitico già ampiamente descritto, con terreni di una certa profondità nelle
convalli, sulle pendici a dolce declivio e nei coni di deiezione ove però è più facile rinvenire materiale
grossolano.
Circa i terreni della fascia centrale riferibili all'attività del vulcano di Roccamonfina, sono terreni
vulcanici autoctoni, profondi, capillari, ricchi di humus, adatti a tutte le coltivazioni.
Su alcune aree di pianura si ritrovano Terreni alluvionali dei diversi corsi d'acqua con buon contenuto
calcareo ma in diverse proporzioni in rapporto alla diversa quantità di materiale vulcanico
rimescolatovi. Terreni di medio impasto, argillo-limo-sabbiosi con reazione leggermente alcalina.
Terreni alluvionali sabbioso-limosi, profondi e caldi con scarsa presenza di humus ed argilla a reazione
neutra o leggermente alcalina caratterizzano la fascia costiera Domizia
CLIMA
Genralmente temperato in tutta l'area per tutto l'anno. Leggere differenze si possono rilevare
lungo il versante Nord e Nord/Est che possono essere interessati nel periodo invernale da forti venti di
tramontana e piccole nevicate sulle colline più alte
Buono il numero di giorni di sole.
Precipitazioni:
Buona la piovosità che di solito nell'arco dell'anno supera, anche se di poco i 1200 mm. Purtroppo, la
distribuzione delle piogge, è tutt'altro che omogenea, visto la maggiore piovosità si manifesta nel
periodo autunno/vernino.
Venti:
per lo più moderati quelli di ponente che sono anche quelli dominanti. Per intensità e basse
temperature invece, i venti di tramontana e maestrale possono a volte, sul finire dell'Inverno e in
Primavera, creare qualche problema alla fioritura.
LA VITICOLTURA DELLA ZONA
La coltivazione della vite e la produzione di vino è da sempre stata una delle fonti di sussistenza
più significativa dell'areale in questione. La sola area di Galluccio e dintorni presentava ad inizio
secolo una delle superfici viticole più estese dell'intero territorio nazionale, e sempre nella stessa area
sono stati ritrovati reperti storici che dimostrano come lungo il Garigliano, all'altezza di
Roccadevandro ci fosse un piccolo approdo per il trasporto del vino diretto nelle grandi navi
dell'impero Romano in attesa alle foci del fiume. A questo si somma l'indiscutibile storia del vino
prodotto nell'Ager Falernus e tutti gli altri reperti archeologici che hanno dimostrato come la
produzione del vino insieme all'olio, fosse una delle principali fonti di reddito delle popolazioni
antiche e di quelle recenti fino a tutta la metà del secolo passato.
A partire dagli anni sessanta del trascorso secolo, giungendo fino ad oggi si visto un progressivo
ma inesorabile cambiamento della viticoltura dell'area interessata dalla IGP "Roccamonfina". Si
passati di fatto da una viticoltura estensiva con sistemi di coltivazione idonei a produrre grandi quantità
di uve (impianti a Tendone) trascurando in parte le conseguenze che siffatti impianti potessero
apportare alla qualità del vino finito; per giungere ad oggi con i moderni impianti ad alta densità ed
allevamenti spalliera, tutti orientati verso una viticoltura di qualità con ridotte rese per ettaro.
Relativamente alle forme di allevamento l'obiettivo della qualità, ha indotto i produttori a realizzare
impianti ad alta densità e facilmente meccanizzabili. La forma di allevamento è la spalliera bassa, con
potature a guyot e cordone speronato. Il sesto d'impianto più frequentemente utilizzato per i nuovi
impianti è di m. 2.50 x m. 1.00.
Le varietà coltivate sono quelle autorizzate e raccomandate per la provincia di Caserta, ovvero
Aglianico, Coda di Volpe, Falanghina, Fiano, Greco, Piedirosso, Primitivo e Sciascinoso
PRATICHE COLTURALI
Concimazione :
Le concimazioni di produzione seguono la prassi della "buona pratica agricola".
E' prevista l'irrigazione di soccorso.
Epoca di maturazione dei vitigni :
Da Settembre a Ottobre.
CARATTERISTICHE ORGANOLETTICHE
IGP Roccamonfina Bianco, ha colore giallo paglierino, con note olfattive floreali tipiche dell'area di
produzione; al palato il vino si presenta secco, fresco e gradevole.
IGP Roccamonfina Rosso: presenta un colore generalmente rosso rubino, le note olfattive sono vinose
fresche e gradevoli, al palato si presenta secco, sapido, giustamente tannico ed equilibrato.
IGP Roccamonfina Rosato presenta un colore cerasuolo più o meno carico, le note olfattive sono
floreali e fruttate , mentre al palato si presenta fresco sapido e gradevole.
IGP Roccamonfina novello: presenta un colore rosso rubino brillante con note olfattive di fiori e
frutta fresca
IGP Roccamonfina passito: presenta un colore rosso cupo o giallo oro (a seconda del vitigno usato).
Le note olfattive sono intense e persistenti e tipiche. Al palato si presenta caldo pieno e persistente
TECNICA ENOLOGICA
La moderna enologia, legata alla tradizione dell'area di produzione permettono di ottenere dei
vini corretti, equilibrati e piacevoli, tipici dell'area di produzione e capaci di soddisfare le differenti
esigenze di mercato. Le moderne e razionali tecniche enologiche tendono a preservare le caratteristiche
del vitigno. Le note gusto-olfattive sono esaltate da attente fermentazioni.
B) Informazioni sulla qualità o sulle caratteristiche del prodotto essenzialmente o esclusivamente
attribuibili all'ambiente geografico.
I vini di cui il presente disciplinare di produzione presentano, dal punto di vista analitico ed
organolettico, caratteristiche molto evidenti e peculiari, descritte all'articolo 6, che ne da una chiara
individuazione e tipizzazione legata all'ambiente pedo-climatico.
In particolare tutti i vini, sia i rossi che il bianco, presentano caratteristiche chimico-fisiche equilibrate
in tutte le tipologie, mentre al sapore e all'odore si riscontrano aromi prevalenti tipici dei vitigni e
dell'area di produzione. Sono di fatto molto evidenti le note "fumè" che, più o meno intense, si
percepiscono al naso in tutti i vini prodotti intorno alle pendici del vulcano di Roccamonfina,
caratteristica olfattiva tipica dei vini prodotti su terreni ricchi di materiale piroclastico, che
conferiscono ai vini della IGP Roccamonfina una caratteristica esclusiva.
Ulteriore note caratterizzante i vini della IGP Roccamonfina, è la presenza di una leggera e gradevole
nota amarognola tipica dei vini prodotti nel territorio in questione legata alle peculiari caratteristiche
mineralogiche dell'intero areale.
L'orografia collinare del territorio di produzione e l'esposizione prevalente dei vigneti, orientati ad
Sud-Est/Sud-Ovest, e localizzati in zone particolarmente vocate alla coltivazione della vite, concorrono
a determinare un ambiente adeguatamente ventilato, luminoso e favorevole all'espletamento di tutte le
funzioni vegeto-produttive della pianta.
Nella scelta delle aree di produzione vengono privilegiati i terreni con buona esposizione adatti ad una
viticoltura di qualità .
La millenaria storia vitivinicola dell'area, iniziata nel periodo della dominazione dell'impero romano,
attestata da numerosi manoscritti e reperti storici, è la fondamentale prova della stretta connessione ed
interazione esistente tra i fattori umani, la qualità e le peculiari caratteristiche del vino prodotto
nell'area della IGP Roccamonfina.
Ovvero è la testimonianza di come l'intervento dell'uomo nel particolare territorio abbia, nel corso dei
secoli, tramandato le tradizioni tecniche di coltivazione della vite e le competenze enologiche, le quali
nell'epoca moderna e contemporanea sono state migliorate ed affinate, grazie all'indiscusso processo
scientifico e tecnologico.
C) Descrizione dell'interazione causale fra gli elementi di cui alla lettera A) e quelli di cui alla
lettera B).
Di fondamentale rilievo sono i fattori storici legati al territorio di produzione, che per
consolidata tradizione, hanno contribuito ad ottenere il vino IGP Roccamonfina.
La viticoltura nell'area di produzione Roccamonfina prende origini dal centro storico di età
medievale, anche se la frequentazione umana della zona risale ad epoche più antiche, come attestato da
circuiti murari difensivi, in opera poligonale di epoca sannitica (IV Secolo a.C.). Non mancano
testimonianze archeologiche recuperate in diverse località della zona e datate tra la preistoria e l'età
romana.
Roccamonfina rientra nel Parco Naturale, dominato dall'omonimo gruppo vulcanico, ormai
spento, che si erge tra i Monti Aurunci e culmina nel monte Santa Croce, che si distingue da quelli
circostanti per la ricchezza nel suo territorio della vegetazione arborea dove dominano castagneti,
uliveti e vigneti.
Il gruppo vulcanico di Roccamonfina, domina le vallate dei fiumi Garigliano e Volturno ed è
compreso tra il Massiccio del Matese ad est ed il Monte Massico ad ovest. La sua formazione si è
completata in tre epoche successive, la leucitica, la trachitica e la basaltica.
L'attività eruttiva, iniziata nel periodo Pliocenico, è terminata in epoca storica, pochi secoli
prima dell'era Volgare. I materiali espulsi abbondantemente per secoli hanno modellato colli e pianure,
arricchendo il terreno di minerali preziosi.
La coltivazione della vite e la produzione di vino è da sempre stata una delle fonti di sussistenza
più significativa dell'areale in questione. La sola area di Galluccio e dintorni presentava ad inizio
secolo una delle superfici viticole più estese dell'intero territorio nazionale, e sempre nella stessa area
sono stati ritrovati reperti storici che dimostrano come lungo il Garigliano, all'altezza di
Roccadevandro ci fosse un piccolo approdo per il trasporto del vino diretto nelle grandi navi
dell'impero Romano in attesa alle foci del fiume. A questo si somma l'indiscutibile storia che
accompagna Ager Falernus dove veniva prodotto il primo vino a denominazione di origine della storia
ovvero l'immortale Falerno; senza tralasciare tutti gli altri reperti archeologici che hanno dimostrato
come la produzione del vino insieme all'olio, fosse una delle principali fonti di reddito delle
popolazioni antiche e di quelle recenti fino a tutta la metà del secolo passato.
Tutt'ora la produzione di vino costituisce una grossa fetta dell'economia locale basato sulla
produzione di prodotti tipici, ed in questo contesto il vino rappresenta la tipicità assoluta dell'are in
questione.
La zona di maggiore espansione e produzione viticola resta quella del versante Sud – Ovest e
Sud- Est del Massiccio di Roccamonfina, mente i versanti Nord e Nord-Est evidenziano una attività
vitivinicola più contenuta anche se un progressiva crescita.
A riprova di quanto sopra è bene mettere in evidenza il grande incremento di aziende
vitivinicole di ottimo livello imprenditoriale livello professionale che si sta avendo nell'areale dei
comuni di Galluccio, Presenzano, Sessa Arunca, Carinola e Teano, mentre piccole realtà, ma non certo
meno importanti dal punto di vista della qualità vitivinicola, nei comuni di Marzano Appio e Caianello
si stanno affacciando sul mercato con risultati egregi.
La IGP "Roccamonfina" è stata riconosciuta con Decreto ministeriale del 22/Novembre/1995.


Articolo 10
Riferimenti alla struttura di controllo
Agroqualità S.p.A.
Viale Cesare Pavese, 305 - 00144 ROMA
Telefono +39 06 54228675
Fax +39 06 54228692
Website: www.agroqualita.it
e-mail: agroqualita@agroqualita.it
La Società Agroqualità è l'Organismo di controllo autorizzato dal Ministero delle politiche agricole
alimentari e forestali, ai sensi dell'articolo 13 del decreto legislativo n. 61/2010 (Allegato 2) che
effettua la verifica annuale del rispetto delle disposizioni del presente disciplinare, conformemente
all'articolo 25, par. 1, 1° capoverso, lettera b) e c), ed all'articolo 26, par. 1, del Reg. CE n. 607/2009,
per i prodotti beneficianti della IGP, mediante una metodologia dei controlli combinata (sistematica ed
a campione) nell'arco dell'intera filiera produttiva (viticoltura, elaborazione, confezionamento),
conformemente al citato articolo 25, par. 1, 2° capoverso.
In particolare, tale verifica è espletata nel rispetto di un predeterminato piano dei controlli, approvato
dal Ministero, conforme al modello approvato con il DM 14 giugno 2012, pubblicato in G.U. n. 150
del 29.06.2012 (Allegato 3).

 


PROPONI LA NOTIZIA

OkNotizie     

 

Immagini e/o testi possono essere tratti dal web. In nessun caso i testi riportati sostituiscono i documenti ufficiali


 

 


NOVITA

NOVITA

NOVITA

Inizio pagina |Tv15 è un sito amatoriale creato da appassionati dei vini italiani. Pertanto i riferimenti riguardanti le informazioni riportatesono tratte principalmente dal web. Per errori o informazioni incomplete Vi preghiamo di darcene comunicazione per modificarle non appena possibile | Note legali | Powered by CMSimple_XH |