Vini, cantine e disciplinari dei vini italiani

Ti trovi in:   Home > Blog – Sillaro o Bianco del Sillaro Igt

Loading

Blog

 

Sillaro o Bianco del Sillaro Igt

25.11.2015

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA
"SILLARO" o "BIANCO DEL SILLARO"


Approvato con Dm 18.11.1995 G.U. 285 - 06.12.1995
Modificato con Dm 10.04.1996 G.U. 100 - 30.04.1996
Modificato con DM 30.11.2011 G.U. 295 – 20.12.2011
Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza Vini DOP e IGP
Modificato con D.M. 12.07.2013 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
(concernente correzione dei disciplinari) Sezione Qualità e Sicurezza - Vini DOP e IGP
Modificato con DM. 07.11.2013 G.U. 273 – 21.11.2013
Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza Vini DOP e IGP
Modificato con DM. 07.03.2014 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza Vini DOP e IGP


Articolo 1
Denominazioni e Tipologie
La Indicazione Geografica Tipica "SILLARO" o "BIANCO DEL SILLARO", accompagnata o
meno dalle specificazioni previste dal presente disciplinare di produzione, è riservata ai mosti, ai
mosti parzialmente fermentati ed ai vini che rispondono alle condizioni ed ai requisiti in appresso
indicati.


Articolo 2
Base ampelografica
La Indicazione Geografica Tipica "SILLARO o BIANCO DEL SILLARO " è riservata ai seguenti
vini:
bianchi, anche nelle tipologie frizzante e novello.
I vini a Indicazione Geografica Tipica"SILLARO o BIANCO DEL SILLARO" devono essere
ottenuti da uve provenienti da vigneti aventi, nell'ambito aziendale, la seguente composizione
ampelografica:
Albana: almeno al 70%.
Possono concorrere, da sole o congiuntamente, alla produzione dei mosti e vini sopraindicati, le uve
dei vitigni a bacca di colore analogo, non aromatici, idonei alla coltivazione in Regione Emilia
Romagna iscritti nel registro nazionale delle varietà di vite per uve da vino approvato con DM 7
maggio 2004, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n° 242 del 14 ottobre 2004 e successivi
aggiornamenti, riportati nell'allegato 1 del presente disciplinare, fino ad un massimo del 30%.
Per i vini ad Indicazione Geografica Tipica "SILLARO" o "BIANCO DEL SILLARO" tipologia
frizzante è vietata la gassificazione artificiale.


Articolo 3
Zona di produzione delle uve
La zona di produzione delle uve per l'ottenimento dei mosti e dei vini atti ad essere designati con la
Indicazione Geografica Tipica "SILLARO" o "BIANCO DEL SILLARO" comprende l'intero
territorio amministrativo dei comuni di:
Borgo Tossignano, Casalfiumanese, Castelguelfo, Castel S. Pietro Terme, Dozza, Fontanelice,
Imola, Medicina, Mordano, Ozzano Emilia, in provincia di Bologna;
dei comuni di: Bertinoro, Castrocaro Terme e Terre del Sole, Cesena, Civitella di Romagna,
Dovadola, Forlì, Forlimpopoli, Gambettola, Longiano, Meldola, Mercato Saraceno, Modigliana,
Montiano, Predappio, Roncofreddo, Savignano sul Rubicone, in provincia di Forlì-Cesena;
dei comuni di: Bagnara di Romagna, Brisighella, Casola Valsenio, Castelbolognese, Cotignola,
Faenza, Riolo Terme, in provincia di Ravenna;
dei comuni di: Coriano, Rimini, S. Arcangelo di Romagna e Verucchio, in provincia di Rimini.


Articolo 4
Norme per la viticoltura
Le condizioni ambientali e di coltura dei vigneti destinati alla produzione dei mosti e dei vini di cui
all'art. 2 devono essere quelle tradizionali della zona.
La produzione massima di uva per ettaro di vigneto in coltura specializzata, nell'ambito aziendale,
non deve essere superiore, per i vini ad Indicazione Geografica Tipica "SILLARO o BIANCO DEL
SILLARO a tonnellate 22.
Le uve destinate alla produzione dei mosti e dei vini ad Indicazione Geografica Tipica "SILLARO"
o "BIANCO DEL SILLARO" devono assicurare ai vini il titolo alcolometrico volumico naturale
minimo previsto dalla normativa vigente.
È consentito, a favore dei vini da tavola ad Indicazione Geografica Tipica "SILLARO" o "BIANCO
DEL SILLARO", l'aumento del titolo alcolometrico volumico naturale mediante la pratica
dell'arricchimento da effettuarsi nei limiti e con le modalità previste dalla normativa comunitaria.
Le operazioni di arricchimento, da effettuarsi in un'unica fase, devono essere annotate a cura degli
operatori negli appositi registri e documenti e non devono determinare alcun aumento quantitativo
del prodotto finito.
È consentito a favore dei vini ad indicazione geografica tipica "SILLARO" o "BIANCO DEL
SILLARO" il taglio con mosti e vini provenienti anche da terreni situati al di fuori della zona di
produzione delimitata dal precedente art. 3, nella misura non eccedente il 15%.


Articolo 5
Norme per la vinificazione
Nella vinificazione sono ammesse soltanto le pratiche atte a conferire ai vini le proprie peculiari
caratteristiche.
Le operazioni di vinificazione, ivi comprese le operazioni di frizzantatura, devono essere effettuate
all'interno della zona di produzione delle uve delimitata all'articolo 3.
Tuttavia, è consentito, ai sensi dell'articolo 6, comma 4, lettera b, del Regolamento CE n.
607/2009, che tali operazioni siano effettuate anche nell'ambito dell'intero territorio della Regione
Emilia Romagna.
La resa massima dell'uva in vino finito, pronto per il consumo, non deve essere superiore al 80%,
per tutti i tipi di vino.


Articolo 6
Caratteristiche al consumo
I vini ad Indicazione Geografica Tipica "SILLARO" o "BIANCO DEL SILLARO", all'atto
dell'immissione al consumo devono avere i seguenti titoli alcolometrici volumici totali minimi:
"SILLARO" o "BIANCO DEL SILLARO" 10,00% vol;
"SILLARO" o "BIANCO DEL SILLARO" novello 11,00% vol.
In particolare i vini devono presentare le seguenti caratteristiche:
"SILLARO" o "BIANCO DEL SILLARO" bianco:
colore: giallo paglierino;
odore: di buona intensità, tendenzialmente fruttato;
sapore: da secco a dolce, sapido;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10% vol.
acidità totale minima: 3,5 g/l
estratto non riduttore minimo: 13,0 g/l
"SILLARO" o "BIANCO DEL SILLARO" frizzante:
colore: giallo paglierino;
odore: di buona intensità, con sentori floreali e/o fruttati;
sapore: da secco a dolce, sapido;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10% vol.
acidità totale minima: 3,5 g/l
estratto non riduttore minimo: 13,0 g/l
"SILLARO" o "BIANCO DEL SILLARO" novello:
colore: giallo paglierino;
odore: di buona intensità, fruttato;
sapore: di buona morbidezza e sapidità;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11% vol.
acidità totale minima: 3,5 g/l
estratto non riduttore minimo: 13,0 g/l


Articolo 7
Etichettatura, designazione e presentazione
Alla Indicazione Geografica Tipica "SILLARO" o "BIANCO DEL SILLARO" è vietata l'aggiunta
di qualsiasi qualificazione diversa da quelle previste nel presente disciplinare di produzione, ivi
compresi gli aggettivi: extra, fine, scelto, selezionato, superiore e similari.
È tuttavia consentito l'uso di indicazioni che facciano riferimento a nomi, ragioni sociali e marchi
privati purché non abbiano significato laudativo e non siano tali da trarre in inganno il consumatore.
I vini ad Indicazione Geografica Tipica "SILLARO" o "BIANCO DEL SILLARO" possono essere
immessi al consumo nei contenitori previsti dalla normativa vigente.
4
Qualora siano confezionati in bottiglie di vetro possono essere presentati con qualsiasi tipo di
chiusura, compreso il tappo a fungo ancorato a gabbietta metallica tradizionale usato nella zona di
produzione.
Ai sensi dell'art. 14, comma 4 del dlgs 8 aprile 2010, n. 61 l'Indicazione Geografica Tipica
"SILLARO" o "BIANCO DEL SILLARO" può essere utilizzata come ricaduta per i vini ottenuti da
uve prodotte da vigneti, coltivati nell'ambito del territorio delimitato nel precedente art. 3, ed iscritti
nello schedario viticolo a condizione che i vini per i quali si intende utilizzare la Indicazione
Geografica Tipica di cui trattasi, abbiano i requisiti previsti per una o più delle tipologie di cui al
presente disciplinare.


Articolo 8
Legame con l'ambiente geografico
A) Informazioni sulla zona geografica
1) Fattori naturali rilevanti per il legame.
La Indicazione Geografica Tipica "SILLARO" o "BIANCO DEL SILLARO" porta il nome del
fiume che alcuni pongono con limite occidentale della Romagna e che inizia la serie parallela di
corsi fluviali e vallate che segnano tutto il territorio romagnolo fino a Rimini, scendendo dal crinale
appenninico fino a valle. Vista l'uniformità geologica dell'Appennino romagnolo e l'andamento
pressoché simile di fiumi e torrenti che da esso discendono, si può desumere che l'azione erosiva di
acqua e vento abbiamo contribuito a formare terreni del tutto simili tra Castel San Pietro e Rimini,
su fasce parallele al Crinale e alla Via Emilia. L'azione erosiva sulle rocce, infatti, può portare alla
formazione di suoli in loco, ma anche ad allontanare elementi a varia granulometria dalla roccia
madre; questi tendono poi a depositarsi, a seconda del peso, in zone anche piuttosto distanti dal sito
di origine (pianure alluvionali, ad esempio).
Buona parte dei suoli che caratterizzano l'area della Indicazione Geografica Tipica "SILLARO" o
"BIANCO DEL SILLARO" sono riconducibili alla formazione Marnoso-arenacea, la formazione
geologica che caratterizza in modo deciso la Romagna fino al Cesenate, per poi sparire nel
Riminese, in cui tendono a prevalere suoli moderatamente evoluti per lo più afferenti alla
formazione delle Argille Azzurre. Tra Faentino e Forlivese sono presenti anche suoli da mettere in
relazione con la formazione dello Spungone.
Pertanto, dal punto di vista geo-morfologico, l'areale indicato all'art. 3 del presente Disciplinare
una fascia collinare vera e propria con terreni riconducibili alla formazione marnoso-arenacea, una
fascia di media collina con terreni tendenzialmente argillosi, una fascia pedecollinare con terreni
molto evoluti e decarbonatati e, limitatamente alle province di Bologna e Ravenna, una fascia di
pianura alluvionale con terreni generalmente franco-argilloso-limosi e o anche franco-sabbiosi. Dal
punto di vista climatico sono stati calcolati valori dell'indice di Winkler intorno a 1.500-1.600 gradi
giorno, nelle zone più alte di coltivazione dell'Albana, e valori via via crescenti man mano si scende
verso la Via Emilia, fino ad arrivare a 2.000-2.200 gradi giorno in pianura. L'Albana per essendo un
vitigno a bacca bianca non disdegna buone esposizioni e un buon accumulo di calore (1.600-1.800
GG).
2) Fattori umani rilevanti per il legame.
L'areale indicato all'art. 3 del presente Disciplinare comprende comuni di colle e di una parte della
pianura immediatamente sottostante la Via Emilia, tra le province di Bologna e Ravenna, che in
passato si sono caratterizzati per una buona presenza in coltivazione del vitigno Albana. L'Albana
veniva spesso coltivata insieme ad altri vitigni con cui originava, in uvaggio o per taglio, dei vini
bianchi di buona struttura, spesso anche frizzanti. La scalarità di maturazione dell'Albana
consentiva di fare un vino bianco secco con le uve che maturavano prima, mentre la vendemmia più
tardiva poteva essere seguita da un rapido abbassamento delle temperature con arresto della
fermentazione e ottenimento di un vino con un certo residuo zuccherino. L'imbottigliamento
primaverile veniva seguito da una rifermentazione che faceva prendere la spuma al vino. Per evitare
che i tappi saltassero per effetto dello sviluppo di Anidride carbonica, venivano assicurati alla
bottiglia con uno spago incrociato: lo sviluppo successivo è stato l'uso della gabbietta metallica.
La straordinaria capacità dell'Albana di accumulare zucchero ne rendeva interessante l'utilizzo per
"rinforzare", soprattutto in pedecollina e pianura, il Trebbiano o altri vitigni bianchi tardivi che non
riuscivano ad arrivare a buoni livelli di alcol e struttura. Inoltre era in uso mettere l'Albana nei tagli
con vini bianchi per assicurare la frizzantatura o spumantizzazione.
B) Informazioni sulla qualità o sulle caratteristiche del prodotto essenzialmente o esclusivamente
attribuibili all'ambiente geografico
I terreni di coltivazione dell'Albana, in genere, tendono a garantire uno sviluppo equilibrato delle
piante sia in senso vegetativo che produttivo, favorendo l'ottenimento di vini di buon livello
qualitativo. L'argilla è una componente importante dei suoli dell'areale e tende a favorire la
struttura dei vini. Maggiore finezza olfattiva viene percepita nei vini ottenuti su suoli con una
frazione sabbiosa importante, in particolare sulle sabbie gialle tra Faentino e Forlivese. In pianura la
produttività aumenta, ma adeguate distanze d'impianto e tecniche colturali appropriate consentono
comunque ottimi risultati.
C) Descrizione dell'interazione causale fra gli elementi di cui alla lettera A) e quelli di cui alla
lettera B)
L'interazione ambiente-vitigno consente di ottenere vini bianchi di una certa struttura e al contempo
di buona freschezza, che gli usi e costumi locali hanno consolidato sia nella forma ferma che
frizzante, puntando sempre ad una buona intensità di colore. La tradizione voleva che in autunno
inverno il vino venisse bevuto con un qualche accenno di zucchero; d'altra parte quello dell'anno
precedente spesso finiva con l'estate e siccome, prima dell'avvento della meccanizzazione, il vino
era il carburante per i lavoratori dei campi e dei boschi, ne occorreva già per l'autunno. La prima
raccolta dell'Albana, quindi, tornava utile per fare una partita di vino pronto in breve volgere di
tempo: da qui la tipologia del novello bianco.


Articolo 9
Riferimenti alla struttura di controllo
VALORITALIA S.r.l.
Sede legale:
Via Piave, 24
00187 ROMA
Tel. 0445 313088 Fax. 0445 313080
info@valoritalia.it
La Società Valoritalia è l'Organismo di controllo autorizzato dal Ministero delle politiche agricole
alimentari e forestali, ai sensi dell'articolo 13 del decreto legislativo n. 61/2010 (Allegato 2) che
effettua la verifica annuale del rispetto delle disposizioni del presente disciplinare, conformemente
all'articolo 25, par. 1, 1° capoverso, lettera b) e c), ed all'articolo 26, par. 1, del Reg. CE n.
607/2009, per i prodotti beneficianti della IGP, mediante una metodologia dei controlli combinata
(sistematica ed a campione) nell'arco dell'intera filiera produttiva (viticoltura, elaborazione,
confezionamento), conformemente al citato articolo 25, par. 1, 2° capoverso.
In particolare, tale verifica è espletata nel rispetto di un predeterminato piano dei controlli,
approvato dal Ministero, conforme al modello approvato con il DM 14 giugno 2012, pubblicato in
G.U. n. 150 del 29.06.2012 (Allegato 3).

 


PROPONI LA NOTIZIA

OkNotizie     

 

Immagini e/o testi possono essere tratti dal web. In nessun caso i testi riportati sostituiscono i documenti ufficiali


 

 


NOVITA

NOVITA

NOVITA

Inizio pagina |Tv15 è un sito amatoriale creato da appassionati dei vini italiani. Pertanto i riferimenti riguardanti le informazioni riportatesono tratte principalmente dal web. Per errori o informazioni incomplete Vi preghiamo di darcene comunicazione per modificarle non appena possibile | Note legali | Powered by CMSimple_XH |