Vini, cantine e disciplinari dei vini italiani

Ti trovi in:   Home > Blog – Terre di Veleja Igt

Loading

Blog

 

Terre di Veleja Igt

25.11.2015

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA DEI
VINI "TERRE DI VELEJA"


Approvato con DM 05.08.1997 G.U. 204 - 02.09.1997
Modificato con DM 21.07.2010 G.U. 182 - 06.08.2010
Modificato con DM 30.11.2011 G.U. 295 – 20.12.2011
Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Prodotti DOP e IGP - Vini DOP e IGP
Modificato con D.M. 12.07.2013 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
(concernente correzione dei disciplinari) Sezione Prodotti DOP e IGP - Vini DOP e IGP
Modificato con D.M. 10.12.2013 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Prodotti DOP e IGP - Vini DOP e IGP
Modificato con D.M. 07.03.2014 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Prodotti DOP e IGP - Vini DOP e IGP
Modificato con D.M. 07.11.2014 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
(concernente correzione dei disciplinari) Sezione Prodotti DOP e IGP - Vini DOP e IGP


Articolo 1
Denominazione e vini
La indicazione geografica tipica "TERRE DI VELEJA" accompagnata obbligatoriamente dalle
menzioni bianco o rosso o rosato, o dal riferimento al nome di uno dei seguenti vitigni: Bervedino,
Fortana, Marsanne, Moscato e Trebbiano e' riservata ai vini ed ai mosti di uve parzialmente
fermentati che rispondono alle condizioni ed ai requisiti in appresso indicati.


Articolo 2
Base ampelografica
La indicazione geografica tipica "TERRE DI VELEJA" e' riservata ai seguenti vini:
bianchi, anche nella tipologia frizzante;
rossi, anche nella tipologia frizzante;
rosati, anche nella tipologia frizzante.
I vini a indicazione geografica tipica "TERRE DI VELEJA" bianco devono essere ottenuti da uve
provenienti da vigneti aventi, nell'ambito aziendale, la seguente composizione ampelografica: -
Malvasia bianca di Candia aromatica e Trebbiano Romagnolo per almeno il 60%.
Possono concorrere, da sole o congiuntamente, alla produzione dei mosti e dei vini sopra indicati, le
uve dei vitigni a bacca di colore analogo, idonei alla coltivazione in Emilia-Romagna, iscritti nel
registro nazionale delle varietà di vite per uve da vino approvato con DM 7 maggio 2004, e
successivi aggiornamenti, riportati nell'allegato 1 del presente disciplinare fino ad un massimo del
40%.
I vini ad indicazione geografica tipica "TERRE DI VELEJA" rosso devono essere ottenuti da uve
provenienti da vigneti aventi, nell'ambito aziendale, la seguente composizione ampelografica:
Barbera e Bonarda per almeno il 70%.
Possono concorrere, da sole o congiuntamente, alla produzione dei mosti e vini sopra indicati le uve
dei vitigni a bacca di colore analogo, idonei alla coltivazione in Emilia-Romagna, iscritti nel
registro nazionale delle varietà di vite per uve da vino approvato con DM 7 maggio 2004,
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n° 242 del 14 ottobre 2004, e successivi aggiornamenti,
riportati nell'allegato 1 del presente disciplinare fino ad un massimo del 30%.
I vini ad indicazione geografica tipica "TERRE DI VELEJA" rosato devono essere ottenuti da uve
provenienti da vigneti aventi, nell'ambito aziendale, la seguente composizione ampelografica: -
Barbera e Fortana per almeno il 60%. Possono concorrere, da sole o congiuntamente, alla
produzione dei mosti e vini sopra indicati, le uve dei vitigni a bacca rossa e a bacca bianca, idonei
alla coltivazione in Emilia-Romagna, iscritti nel registro nazionale delle varietà di vite per uve da
vino approvato con DM 7 maggio 2004, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n° 242 del 14 ottobre
2004, e successivi aggiornamenti, riportati nell'allegato 1 del presente disciplinare fino ad massimo
del 40%.
La indicazione geografica tipica "TERRE DI VELEJA" con la specificazione di uno o due dei
vitigni di cui all'art. 1, e' riservata ai mosti e ai vini ottenuti da uve provenienti da vigneti composti,
nell'ambito aziendale, per almeno 1'85% del corrispondente vitigno.
Possono concorrere, da sole o congiuntamente, alla produzione dei mosti e vini sopra indicati, le
uve di vitigni a bacca di colore corrispondente, idonei alla coltivazione in Emilia-Romagna fino ad
un massimo del 15%.
I vini ad indicazione geografica tipica "TERRE DI VELEJA" con la specificazione dei vitigni di cui
all'art. 1, possono essere prodotti anche nella tipologia frizzante.
Il vino ad indicazione geografica tipica "TERRE DI VELEJA" moscato può essere prodotto anche
nella tipologia passito.
Per i vini ad indicazione geografica tipica "TERRE DI VELEJA", tipologia frizzante, e' vietata la
gassificazione artificiale.


Articolo 3
Zona di produzione delle uve
La zona di produzione delle uve atte a produrre i vini ad indicazione geografica tipica "TERRE DI
VELEJA" di cui all'art. 2 rientra nell'ambito del territorio della provincia di Piacenza e comprende
l'intero territorio amministrativo dei comuni di Castell'Arquato, Vernasca, Lugagnano Val d'Arda,
Carpaneto P.no, S. Giorgio P.no, Vigolzone, Gropparello, Ponte dell'Olio, Rivergaro, Bettola, Coli,
Bobbio e parte del territorio amministrativo dei comuni di Alseno, Gazzola, Travo, Piozzano e
Pecorara.
Tale zona di produzione e' delimitata dal seguente perimetro: partendo dal confine del territorio
amministrativo della provincia di Piacenza con la provincia di Parma in coincidenza dell'incrocio
del ponte della S.S. n. 9 Via Emilia con il torrente Stirone in comune di Alseno, si identifica in
senso orario con il confine provinciale e con il torrente fino ad incontrare il confine comunale di
Vernasca. Si identifica con il confine comunale dei comuni Vernasca, Lugagnano Val d'Arda,
Gropparello, Bettola, Coli e Bobbio fino ad incontrare la delimitazione amministrativa della
provincia di Piacenza con quella di Pavia a quota 1.000, a nord di Cima delle Scalette. Segue il
confine provinciale verso nord fino a quota 725 s.l.m. in località Pian del Poggio indi abbandonando
il confine provinciale per la mulattiera quote 756 -708, località Torrazza, Cà dei Follini quota 510
indi con la strada a stretto transito per Cà Bazzarri, Costalta, Poggio Moresco sino a Cà Aie di Sotto
che corre adiacente la riva sinistra del torrente Tidoncello all'altezza di Cà Aie di Sotto segue la
mulattiera di Caprile sino a C. Cucoleto Km 10 con la strada permettente il passaggio di un solo
convoglio indi al Km 9, Km 8, medesima strada, località C. Franzedone al ponte sul Tidoncello di
Sevizzano quota 452 Km 7,750 si devia su strada a stretto transito per quote 472, 492, 505 Cà
Pozzo. Di seguito sempre percorrendo la medesima strada per Sevizzano; C. Saliceto, Casa Casoni,
e con la strada che permette il passaggio di un solo convoglio l'Ardara sino a quota 605 e per poi
risalire C. Morone, C. Bole', C. Lunga, indi sul foglio Travo 72 IV S.E. sempre sulla strada
permettente il passaggio di un solo convoglio sino a Casa Colombani, con la deviazione per
mulattiera quota 563, Sordello, Paviago, e indi per strada a stretto transito sino in località C. Carre'
quota 446 dove per breve tratto si segue il confine comunale lungo la sponda sinistra del Luretta
verso la fonte sino alla mulattiera che conduce a Boschi quota 567 indi sempre per mulattiera per
quota 621 sino a quota 554. Segue, su strada a stretto transito a scendere, sino a Chiesa di Bobbiano,
Cascina, indi per mulattiera sino a quote 566, 608 Costa del Grillo e per strada a stretto transito sino
all'incrocio con mulattiera per Costa del Bulla fra le località Pradello e Cà del Bulla, quindi da
Costa del Bulla per la mulattiera sino a quota 586 incontrando il confine comunale fra Travo e
Gazzola che si segue per Zucca d'Uomo, Lanera, Boffalora,Ongareto, Roccolo, Palazzina, Torrazzo
Comolli indi per quota 285 e in prossimità di quota 249 si abbandona il confine tra i comuni per
scendere per breve tratto la mulattiera che conduce a Campo dei Re. Da Campo dei Re con strada a
stretto transito sino a Monte Raschio, Cà dei Boschi, Boccine di Sopra e con strada che permette il
passaggio di un solo convoglio: Cà del Dolce, Cà Marona.
Da Cà Marona, verso est, lungo la strada per quota 135, Scuole, quota 132, C. Polara e Castello di
Rivalta a quota 131 fino ad incontrare il confine tra i comuni di Gazzola e di Rivergaro. Segue il
confine di Rivergaro e si identifica con il confine comunale di Vigolzone, di San Giorgio
Piacentino, di Carpaneto Piacentino, di Castell'Arquato fino ad incontrare il confine comunale di
Alseno. Si identifica con esso verso nord-est fino ad incontrare la S.S. n. 9 dell'Emilia, segue la S.S.
verso est fino al confine del territorio amministrativo della provincia di Piacenza da dove si e'
partiti.


Articolo 4
Norme per la viticoltura
Le condizioni ambientali e di coltura dei vigneti destinati alla produzione dei mosti e dei vini di cui
all'art.2, devono essere quelle tradizionali della zona.
La produzione massima di uva per ettaro di vigneto in coltura specializzata, nell'ambito aziendale,
non deve essere superiore per i vini ad indicazione geografica tipica "TERRE DI VELEJA", anche
con la specificazione del vitigno, a tonnellate 16.
Le uve destinate alla produzione dei vini ad indicazione geografica tipica "TERRE DI VELEJA"
devono assicurare ai vini un titolo alcolometrico volumico naturale minimo di:
"Terre di Veleja" Bianco 10,0% vol.
"Terre di Veleja" Rosso 10,5% vol.
"Terre di Veleja" Rosato 10,0% vol.
"Terre di Veleja" Bervedino 9,5% vol.
"Terre di Veleja" Trebbiano 9,5% vol.
"Terre di Veleja" Marsanne 1 0,0% vol.
"Terre di Veleja" Moscato 9,5% vol.
"Terre di Veleja" Fortana 9,5% vol.
Nel caso di annata particolarmente sfavorevole, detti valori possono essere ridotti dello 0,5%.


Articolo 5
Norme per la vinificazione
Nella vinificazione sono ammesse soltanto le pratiche atte a conferire ai vini le proprie peculiari
caratteristiche.
Le operazioni di vinificazione, di tutti i vini a Indicazione Geografica Tipica "Terre di Veleja" di
cui all'art. 1, debbono essere effettuati in provincia di Piacenza.
La resa massima dell'uva in vino finito, pronto per il consumo, non deve essere superiore all'80%,
per tutti i tipi di vino ad eccezione del "TERRE DI VELEJA" Moscato passito che non deve essere
superiore al 60%.


Articolo 6
Caratteristiche al consumo
I vini ad indicazione geografica tipica "TERRE DI VELEJA", all'atto dell'immissione al consumo
devono avere le seguenti caratteristiche :
"Terre di Veleja" bianco:
colore: giallo paglierino
odore : delicato, caratteristico
sapore: secco, abboccato, amabile, dolce
titolo alcolometrico volumico totale minimo 10,5 % vol
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15 g/l.
"Terre di Veleja" bianco frizzante:
colore: giallo paglierino
odore: delicato, caratteristico
sapore: secco, abboccato, amabile, dolce
Spuma evanescente
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,5 % vol.;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15 g/l.
"Terre di Veleja" bianco mosto di uve parzialmente fermentato:
colore giallo paglierino
odore: delicato, caratteristico
sapore: amabile, dolce
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,5% vol;
titolo alcolometrico volumico effettivo: minimo 1% massimo 6,3% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15 g/l.
Spuma evanescente.
"Terre di Veleja" Rosso:
colore: rosso più o meno intenso
odore : caratteristico
sapore: secco, abboccato, amabile, dolce
titolo alcolometrico volumico totale minimo 11 % vol
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 19 g/l.
"Terre di Veleja" rosso frizzante:
colore: rosso più o meno intenso
odore : caratteristico
sapore: secco, abboccato, amabile, dolce
Spuma evanescente
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11 % vol.;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 19 g/l.
"Terre di Veleja" rosso mosto parzialmente fermentato:
coloro: rosso più o meno intenso
odore: caratteristico
sapore: amabile, dolce;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,5% vol;
titolo alcolometrico volumico effettivo: minimo 1% massimo 6,3% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 19 g/l.
Spuma evanescente.
"Terre di Veleja" Rosato:
colore: rosato più o meno intenso
odore : delicato, caratteristico
sapore: secco, abboccato, amabile, dolce
titolo alcolometrico volumico totale minimo 10,5 % vol
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 16 g/l.
"Terre di Veleja" Rosato frizzante:
colore: rosato più o meno intenso
odore : delicato, caratteristico
sapore: secco, abboccato, amabile, dolce
Spuma evanescente
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,5 % vol.;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 16 g/l.
"Terre di Veleja" rosato mosto parzialmente fermentato:
coloro: rosato più o meno intenso
odore: delicato, caratteristico
sapore: amabile, dolce;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,5% vol;
titolo alcolometrico volumico effettivo: minimo 1% massimo 6,3% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 16 g/l.
Spuma evanescente.
"Terre di Veleja" Bervedino:
colore: giallo paglierino
odore : caratteristico
sapore: secco, abboccato, amabile, dolce
titolo alcolometrico volumico totale minimo 10 % vol
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15 g/l.
"Terre di Veleja" Bervedino frizzante:
colore: giallo paglierino
odore : caratteristico
sapore: secco, abboccato, amabile, dolce
Spuma evanescente
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10 % vol.;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15 g/l.
"Terre di Veleja" Bervedino mosto parzialmente fermentato:
colore: giallo paglierino;
odore: delicato, caratteristico;
sapore: dolce;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,5% vol;
titolo alcolometrico volumico effettivo: minimo 1% vol massimo 6,3% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15 g/l;
Spuma: evanescente.
"Terre di Veleja" Moscato:
colore: giallo paglierino o dorato
odore : fruttato, delicato caratteristico
sapore: secco, abboccato, amabile, dolce
titolo alcolometrico volumico totale minimo 10 % vol
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15 g/l.
"Terre di Veleja" Moscato frizzante:
colore: giallo paglierino o dorato
odore : fruttato, delicato caratteristico
sapore: secco, abboccato, amabile, dolce
Spuma evanescente
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10 % vol.;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15 g/l.
"Terre di Veleja" moscato passito bianco:
colore: giallo paglierino o dorato
odore : caratteristico, intenso
sapore: secco, abboccato, amabile, dolce;
titolo alcolometrico volumico totale minimo 15 % vol
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 19 g/l.
Il vino " TERRE DI VELEJA" Moscato passito deve avere un contenuto in zucchero minimo di 30
g/l.
"Terre di Veleja" Moscato mosto parzialmente fermentato:
colore: giallo paglierino;
odore: delicato, caratteristico;
sapore: dolce;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,5% vol;
titolo alcolometrico volumico effettivo: minimo 1% vol massimo 6,3% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15 g/l;
Spuma evanescente.
"Terre di Veleja" Fortana:
colore: rosso più o meno inenso
odore : caratteristico, vinoso
sapore: secco, abboccato, amabile, dolce
titolo alcolometrico volumico totale minimo 10 % vol
acidità totale minima:4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 18 g/l.
"Terre di Veleja" Fortana frizzante:
colore: rosso più o meno intenso
odore : caratteristico, vinoso
sapore: secco, abboccato, amabile, dolce
Spuma evanescente
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10 % vol.;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 18 g/l.
"Terre di Veleja" Fortana mosto parzialmente fermentato:
colore: rosso più o meno intenso;
odore: caratteristico;
sapore: dolce;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,5% vol;
titolo alcolometrico volumico effettivo: minimo 1% vol massimo 6,3% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 19 g/l;
Spuma: evanescente.
"Terre di Veleja" Trebbiano:
colore: giallo paglierino
odore : delicato, caratteristico, fruttato
sapore: secco, abboccato, amabile, dolce
titolo alcolometrico volumico totale minimo 10 % vol
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15 g/l.
"Terre di Veleja" Trebbiano frizzante:
colore: giallo paglierino
odore : delicato, caratteristico, fruttato
sapore: secco, abboccato, amabile, dolce
Spuma evanescente
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10 % vol.;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15 g/l.
"Terre di Veleja" Trebbiano mosto parzialmente fermentato:
colore: giallo paglierino;
odore: delicato, caratteristico;
sapore: dolce;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,5% vol;
titolo alcolometrico volumico effettivo: minimo 1% vol massimo 6,3% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15 g/l;
Spuma: evanescente.
"Terre di Veleja" Marsanne:
colore: giallo paglierino
odore : delicato, caratteristico,
sapore: secco, abboccato, amabile, dolce
titolo alcolometrico volumico totale minimo 10,5 % vol
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15 g/l.
"Terre di Veleja" Marsanne frizzante:
colore: giallo paglierino
odore : delicato, caratteristico,
sapore: secco, abboccato, amabile, dolce
Spuma evanescente
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,5 % vol.;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15 g/l.
"Terre di Veleja" Marsanne mosto parzialmente fermentato:
colore: giallo paglierino;
odore: delicato, caratteristico;
sapore: dolce;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,5% vol;
titolo alcolometrico volumico effettivo: minimo 1% vol massimo 6,3% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15 g/l;
Spuma: evanescente.
Articolo 7
Designazione e presentazione
Alla indicazione geografica tipica "TERRE DI VELEJA" e' vietata l'aggiunta di qualsiasi
qualificazione diversa da quelle previste nel presente disciplinare di produzione, ivi compresi gli
aggettivi riserva, extra, fine, scelto, selezionato, superiore e similari.
E' tuttavia consentito l'uso di indicazioni che facciano riferimento a nomi, ragioni sociali e marchi
privati purché non abbiano significato laudativo e non siano tali da trarre in inganno il consumatore.
I vini ad indicazione geografica tipica "TERRE DI VELEJA" possono essere immessi al consumo
nei contenitori previsti dalla normativa vigente. Tutti i vini ad indicazione geografica tipica
"TERRE DI VELEJA" tipologia frizzante possono essere chiusi con il tappo a fungo ancorato a
gabbietta metallica tradizionalmente usato nella zona di produzione.
Ai sensi dell'art. 14, comma 4 del dlgs 8 aprile 2010, n. 61 , l'indicazione geografica tipica "TERRE
DI VELEJA" può essere utilizzata come ricaduta per i vini ottenuti da uve prodotte da vigneti
coltivati nell'ambito del territorio delimitato nel precedente art. 3 ed iscritti nello schedario viticolo
a condizione che i vini per i quali si intende utilizzare la indicazione geografica tipica di cui trattasi,
abbiano i requisiti previsti per una o più delle tipologie di cui al presente disciplinare.


Articolo 8
Legame con l'ambiente geografico
A) informazioni sulla zona geografica
1) fattori naturali rilevanti per il legame
Vocazionalità ambiente e terreno
La zona di produzione delle uve atte a produrre i vini ad indicazione geografica tipica "TERRE DI
VELEJA" anche nelle tipologie frizzante, Moscato passito, mosto di uve parzialmente fermentato,
nonché con l'indicazione di vitigno, di cui all'art. 3 del disciplinare rientra nell'ambito del territorio
della provincia di Piacenza e comprende l'intero territorio amministrativo dei comuni di
Castell'Arquato, Vernasca, Lugagnano Val d'Arda, Carpaneto P.no, S. Giorgio P.no, Vigolzone,
Gropparello, Ponte dell'Olio, Rivergaro, Bettola, Coli, Bobbio e parte del territorio amministrativo
dei comuni di Alseno, Gazzola, Travo, Piozzano e Pecorara.
Significative le ricerche svolte dall'Istituto di Viticoltura dell'Università Sacro Cuore di Piacenza
dal 1988 al 1991 e dal Consorzio di Tutela in collaborazione con l'allora Ministero delle Politiche
Agricole dal 1993 al 1995.
I metodi di indagine utilizzata presentano degli aspetti innovativi che si basano sull'elevato grado di
interdisciplina dello studio dell'interazione <<genotipo per ambiente>>. Scopo della continua
ricerca è la valutazione dell'effetto del pedotipo (insieme delle caratteristiche geologiche del suolo e
della morfologia del paesaggio ad esso associato) sulle presentazioni vegeto - produttive e
qualitative delle varietà Malvasia di Candia, Trebbiano Romagnolo, Barbera, Bonarda, Fortana,
Bervedino, Marsanne, Moscato, di diversa destinazione enologica.
Ambiente climatico
Da un punto di vista climatico ambientale la zona di produzione, di tutte le tipologie descritte
all'articolo 6 del presente disciplinare di produzione dell'IGT "Terre di Veleja", risulta
caratterizzata da condizioni diversificate in modo significativo anche su distanze relativamente
brevi per la presenza di conformazioni vallive parallele.
Gli allineamenti vallivi, l'esposizione dei pendii, le depressioni orografiche particolarmente protette
dai complessi collinari circostanti, sono fondamentali nel definire tali climi locali. In linea di
massima si può quindi dire che la particolarità dei suoli può dare luogo localmente a sezioni vallive
ben esposte all'insolazione e protette dalle correnti atmosferiche più fredde de umide, oppure a
climi particolarmente ventosi sui contrafforti collinari e nelle valli maggiormente esposte alle masse
d'aria instabili di origine marina. L'attiva ventilazione che caratterizza il comparto è legata alla
circolazione di brezza e interviene sia ostacolando l'accumulo di umidità, sia l'intensità delle gelate.
Le pendenze dei terreni vitati favoriscono la percolazione dell'acqua e la parziale disidratazione del
suolo nel periodo di maturazione delle bacche, facilitando il deposito, negli acini, degli zuccheri e
delle altre sostanze nobili della qualità. Le pendenze sono spesso ragguardevoli, per cui i costi di
produzione risultano generalmente alti.
Si trovano molti terreni calcarei, poveri di potassio perfettamente adatti agli spumanti, che
richiedono uve acide e vini freschi che non "cascano" nel tempo.
Il clima dell'area di produzione è quello temperato subcontinentale, con temperatura media annua
compresa tra 10 e 14,5°C; da uno a tre mesi estivi la temperatura media è superiore a 20°C.
La indicazione generale ha consentito nell'arco di 20 anni l'elaborazione di indici climatici, capaci
di determinare i diversi microclimi al fine di definire su basi scientifiche una programmazione
viticolo, i vitigni per ogni sottozona. La collina rispetto alla pianura è soggetta a minori escursioni
termiche giornaliere ed annuali. In questa fascia altimetrica, soprattutto se ci si colloca nelle
esposizioni più meridionali e relativamente distanti dai fondovalle, la temperatura media dei mesi
più freddi risulta di 1-2°C più alta di quella della pianura, dando così origine ad inverni più umidi e
con minore frequenza di gelo.
Anche la temperatura dei mesi estivi risulta inferiore di 1 -2°C a quella della pianura in virtù della
maggior altitudine e del regime delle brezze, quindi l'estate è meno torrida e siccitosa rispetto alla
pianura, con un bilancio idrico conseguentemente meno negativo. Sotto il profilo pluviometrico
l'area viticola del territorio piacentino viene classificata nel regime sublitoraneo appenninico, che si
caratterizza con una distribuzione di frequenza che presenta un massimo principale in autunno ed un
minimo principale in estate, nonché un massimo secondario primaverile.
Le precipitazioni annuali vanno da un minimo di 700-800 mm nella fascia pedo collinare a circa
1.000-1.100 mm al limite dei 500-600 m di altitudine. In conclusione il clima della fascia collinare
si configura meno continentale e più temperato rispetto a quello della pianura e della montagna e,
quindi, particolarmente adatto alla coltura della vite.
La difesa altimetrica della prima e media collina, situata indicativamente tra i 200 e i 500 m di
altitudine, seppur ricompresa nel territorio a clima temperato sub continentale e a regime
pluviometro sub litoraneo appenninico, presenta una singolarità climatica che la rende
particolarmente vocata ad ospitare la viticoltura di qualità. Questa fascia è collocata al di sopra dello
strato atmosferico interessato nel semestre freddo al fenomeno dell'inversione termica tipico della
pianura (i primi 100-200 m s.l.m.) ed è pertanto mediamente soggetta a minori escursioni termiche
giornaliere ed annuali.
Poiché inoltre la temperatura media mensile dei mesi più caldi risulta inferiore di 1 -2°C a quella
della pianura in virtù della sua maggiore elevazione e del regime delle bozze, l'estate è mediamente
meno torrida e siccitosa con un bilancio idrico conseguentemente meno negativo.
In quest'ambito si collocano diversi vitigni particolarmente importanti e unici dell'IGT "Terre di
Veleja".
La disposizione termica della fascia di territorio collinare delle Terre di Veleja, utili per la coltura
della vite oscilla tra i 1800 e 2000 gradi Winkler idonei ad una saturazione completa dei vitigni
indicati per territorio.
2) fattori umani rilevanti per il legame
I vini dell'IGT "Terre di Veleja", anche nelle tipologie frizzante, moscato passito, mosti di uve
parzialmente fermentati, nonché con la specificazione di vitigno, vanno a collocarsi nella zona
tradizionalmente vitata che da sempre produce vini di coltura e tradizione.
Il territorio piacentino compreso la zona di produzione dell'IGT "Terre di Veleja" è "Terra di vini"
da epoche remote: hanno impiantato viti i paleoliguri, gli etruschi, i romani; hanno prodotto vino i
legionari latini, i galli ed i celti.
L'antica presenza del vino a Veleja è suffragata da tanti reperti e testimonianze uniche e
inconfutabili.
Veleja fu un centro importante di produzione vinicola a partire dal 1° millennio avanti Cristo.
Veleja Romana
Plinio, nel nominare i più noti 80 vini italici in epoca romana, cita la qualità di un vino di Placentia
che si gustava nei banchetti a Veleja.
Del vino prodotto a Placentia e delle sue caratteristiche alimentari fa menzione in più parti la Tabula
Alimentaria Traianea, il maggior documento epigrafico bronzeo dell'antichità romana: un insieme
di notizie e dati sull'alimentazione e sui prodotti coltivati rinvenuto nel 1747 casualmente in
prossimità del Foro e del Tempio latino di Veleja Romana, al centro delle colline piacentine.
Non da meno le notizie che fanno riferimento all'antico paese di Vigoleno, ora un borgo di case ben
conservate con castello e mura medioevali, il cui nome, però, deriva dal latino "Vico Lieo" che
significa villaggio di Bacco, a significare che il dio pagano del vino era lì di casa.
Associazione Ercole Bibace
Sempre a Veleja Romana, nel 1760, durante gli intensi e interessanti scavi archeologici, venne
ritrovato uno stupendo bronzetto che raffigurava un "Ercole" ebbro su un piccolo piedistallo
marmoreo, datato I sec. d.C., recante un'iscrizione dello scrittore Lucius Domitius Secundinus,
dedicata al "Sodalicium" che aveva come emblema l'Ercole Bibace e che raccoglieva i cultori del
vino buono e sincero del luogo.
A Veleja nacque la più antica associazione di diffusione e promozione della qualità dei vini
piacentini.
B) informazioni sulla qualità o sulle caratteristiche del prodotto essenzialmente o esclusivamente
attribuibili all'ambiente geografico
Il territorio comprende suoli con origine geologiche appartenenti all'area del placentiano
caratterizzata diversi millenni fa dalla presenza del mare che ha profondamente inciso sulla
formazione dei terreni costituiti da elementi quali calcari e sedimenti organici di origine marina. La
zona delimitata, che, a partire dall'estremità ovest, interessa tre vallate, comprende paesaggi simili,
tutti di natura collinare. Tale zona presenta caratteri di uniformità negli aspetti pedoclimatici vista la
comune origine. la giacitura e l'esposizione dei terreni. Il clima nelle sue varie espressioni ha
uniformato il passaggio e di conseguenza, le colture, tanto che i vitigni che compongono la base
ampelografica delle produzioni ad Indicazione Geografica Tipica "Terre di Veleja" sono allevati e
coltivati con tecniche sostanzialmente omogenee in tutta la zona.
Il rilievo appenninico interessa un'area continua che si estende dalle prime colline fino al crinale
appenninico. Le quote variano da 100 a 400 metri, ma il vigneto interessa prevalentemente quote
inferiori ai 300 metri.
I suoli nella parte alta, verso la catena appenninica sono originati da affioramenti di rocce
sedimentarie prevalentemente arenacee. Scendendo verso la pianura si assiste ad un ampia
variabilità geologica con versanti ondulati dove prevalgono le rocce argillose con alternanza di
rocce arenacee e calcaree.
Nella parte bassa, ai confini con la pianura dominano le terre rosse antiche originate da un
antichissima pianura rialzata dai movimenti tellurici a creare superfici ondulate tra 70 e 350 m s.l.m.
L'area centrale del territorio in oggetto è caratterizzata dalle terre dei fossili del Placenziano,
testimonianza dell'innalzamento del fondo marino durante il Pliocene. È molto facile trovare nei
terreni vitati ogni genere di conchiglie fossili. Il regime delle temperature dell'area è caratterizzato
da un'elevata variabilità, passando dal temperato sub continentale (più importante relativamente
all'area vitata) al temperato fresco. Le precipitazioni variano da 600 a 800 mm annui, concentrate
maggiormente nel periodo autunnale e secondariamente primaverile. Le condizioni di deficit idrico
avvengono principalmente nel periodo estivo, attenuate dall'elevata umidità relativa dell'aria e dalle
dotazioni idriche superficiali.
L'IGT "Terre di Veleja" è riferita a venti tipologie che, dal punto di vista analitico ed organolettico,
manifesta caratteristiche molto evidenti e peculiari, descritte all'articolo 6, e che ne permettono una
chiara individuazione delle tipicità legata all'ambiente geografico.
In generale il piacentino è la patria dei vini frizzanti, frutto di una lunga tradizione locale,
caratteristica che accomuna i vini da est a ovest dell'area descritta, ma non mancano vini rossi e
bianchi fermi importanti. La tradizionale presenza di bollicine dei vini frizzanti partecipa
all'equilibrio gustativo esaltando i profumi varietali.
Nello specifico i vini e mosti di uva parzialmente fermentati ottenuti da uve a bacca di colore
bianco presentono caratteristiche differenziate a seconda del vitigno predominante nella
composizione ampelografica. I vini ad Igt "Terre di Veleja" provengono da vitigni storicamente
coltivati nel piacentino, ma la zona di produzione "Terre di Veleja" fornisce ad essi le condizioni
pedoclimatiche ideali caratterizzando le peculiarità chimiche ed organolettiche, saldano i concetti di
tipicità e tradizione, al territorio, attore unico responsabile di produrre vini bianchi, rossi, rosati,
mosti di uva parzialmente fermentati, ed ancora vini con l'indicazione di vitigno, e dove concesso
anche nella versione passito, unici ed inimitabili.
Come già indicato al medesimo articolo 8, il territorio, per sommi capi, è caratterizzato da terreni
calcarei con forte componente di sedimenti organici marini, che lo rendono fertile e ben drenato,
giovando anche sulla struttura e tessitura del terreno che è più sciolta e grossolana; il clima,
variabile da sub continentale a fresco, alleato al terreno consente ai vitigni Marsanne, Bervedino,
Fortana e Moscato di ottenere vini sia fermi, frizzanti e dove previsto passiti, di buona qualità:
i vini ad Igt "Terre di Veleja" Marsanne, trovano favorevole l'ambiente pedoclimatico
nell'area della zona di produzione citata all'art. 3, in quanto il vitigno Marsanne necessita di terreni
di media fertilità e drenati, vuole esposizioni fresche e non esageratamente assolate. Queste
caratteristiche consentono il mantenimento di una sufficiente acidità, ed evitano l'imbrunimento del
grappolo. Le uve Marsanne danno vita ad un vino di bassa acidità, di color giallo paglierino,
delicato, ricco, vegetale, di buon corpo con sentore di frutta, sia esso prodotto nella versione fermo
che frizzante;
il vino ad IGT "Terre di Veleja" Bervedino, anche nella tipologia frizzante, a differenza di
tutti gli altri vitigni che vengono coltivati nel piacentino, è originario della Val d'Arda, area che
comprende anche l'intera zona di produzione dell'IGT "Terre di Veleja". In questo caso, il legame
con il territorio è indiscutibile, al punto tale da poter metaforicamente considerare il territorio
"padre" e il vitigno "suo figlio". Il vino a IGT "Terre di Veleja" ha una bassa acidità, un colore
paglierino, è piacevolmente fresco e gradevolmente fruttato, sia nella versione fermo che frizzante;
il vino ad IGT "Terre di Veleja" Fortana, anche nella tipologia frizzante, ha origine
dall'omonimo ed autoctono vitigno anticamente coltivato in zone marine, e che trova nella zona di
produzione della IGT "Terre di Veleja" enormi similitudini pedoclimatiche, essendo anch'essa di
origini marine. La presenza di sedimenti organici rende il terreno della zona di produzione, drenato,
sciolto con tessitura grossolana che consente il mantenimento di una buona e costante umidità. Il
vitigno, robusto e resistente, produce generosamente uva a bacca di color rosso e vino con spiccata
acidità che, di conseguenza, risulta fresco, tannico e poco alcolico, di pronta beva sia nella versione
fermo che frizzante;
il vino ad IGT "Terre di Veleja" Moscato, anche nelle tipologie frizzante e passito, ha una
forte componente che lo contraddistingue ovvero la spiccata aromaticità, data dall'omonimo
vitigno. La zona di produzione dell'IGT "Terre di Veleja" ha caratteristiche pedoclimatiche
coincidenti alla zona di origine del vitigno Moscato, che ha origini mediterranee. Infatti il vitigno
predilige terreni calcarei, marnosi, umidi e con clima ben ventilato. L'area atta a produrre IGT
"Terre di Veleja" Moscato, consente di ottenere dall'omonimo vitigno un'uva con una dolcezza
molto elevata. Il vino che ne deriva è di color giallo dorato, con un profumo ricco e seducente
intenso e ampio, con richiami di frutta cotta e sciroppata, confettura, frutta secca, miele e talvolta
fiori d'arancio. Il sapore è dolce, caldo e armonico, seduttivo persistente, dal corpo pieno e
vellutato, con una viscosità pronunciata che lo rende pastoso e rotondo. Il vino IGT "Terre di
Veleja" Moscato, anche frizzante, mantiene le caratteristiche aromatiche sia all'olfatto ed al gusto.
C) Descrizione dell'interazione causale fra gli elementi della lettera A) e quelli della lettera B)
I terreni collocati nell'areale di produzione consentono la valorizzazione di alcuni vitigni minori,
quali Fortana n., Marsanne b., Trebbiano romagnolo b., Bervedino b. e la produzione di vini rossi
facilmente inseribili nella dieta mediterranea.
In generale le condizioni d'illuminazione e calore della zona geografica delimitata, in riferimento
all'area vitata, permettono alle uve di raggiungere un adeguato grado di maturazione.
Ad altitudini più elevate, dove il vigneto è più marginale, con suoli poco profondi, soggetti a intensi
fenomeni erosivi, trovano un ambiente particolarmente favorevole vitigni a ciclo breve.
L'area di produzione dell'IGT "Terre di Veleja" rappresenta la giunzione geografica e culturale tra
l'ovest della Provincia e la grande pianura emiliana, dove anche la cucina si arricchisce. I vini,
soprattutto i minori che di fatto caratterizzano l'area, rappresentano bene il passaggio dall'austero
Piemonte alla tradizioni delle terre emiliane. A opera del clima ventilato le uve sono ricche di acido
malico e mantengono una fragranza aromatica spiccata. L'origine geologica dei suoli completa
l'opera influenzando profondamente la nutrizione minerale delle bacche, dando ai vini sentori
"minerali".
La tradizione popolare trasforma queste uve in vini essenzialmente frizzanti o spumanti, a volte solo
parzialmente fermentati, ideali con la cultura alimentare locale che produce eccellenze nella
lavorazione delle carni suine. I mosti parzialmente fermentati e i vini Terre di Veleja rappresentano
il ponte ideale verso i vini e le tradizioni della pianura emiliana.


Articolo 9
Riferimenti alla struttura di controllo
VALORITALIA S.r.l.
Sede legale:
Via Piave, 24
00187 ROMA
Tel. 0445 313088 Fax. 0445 313080
info@valoritalia.it
La Società Valoritalia è l'Organismo di controllo autorizzato dal Ministero delle politiche agricole
alimentari e forestali, ai sensi dell'articolo 13 del decreto legislativo n. 61/2010 (Allegato 2) che
effettua la verifica annuale del rispetto delle disposizioni del presente disciplinare, conformemente
all'articolo 25, par. 1, 1° capoverso, lettera b) e c), ed all'articolo 26, par. 1, del Reg. CE n.
607/2009, per i prodotti beneficianti della IGP, mediante una metodologia dei controlli combinata
(sistematica ed a campione) nell'arco dell'intera filiera produttiva (viticoltura, elaborazione,
confezionamento), conformemente al citato articolo 25, par. 1, 2° capoverso.
In particolare, tale verifica è espletata nel rispetto di un predeterminato piano dei controlli,
approvato dal Ministero, conforme al modello approvato con il DM 14 giugno 2012, pubblicato in
G.U. n. 150 del 29.06.2012 (Allegato 3).

 


PROPONI LA NOTIZIA

OkNotizie     

 

Immagini e/o testi possono essere tratti dal web. In nessun caso i testi riportati sostituiscono i documenti ufficiali


 

 


NOVITA

NOVITA

NOVITA

Inizio pagina |Tv15 è un sito amatoriale creato da appassionati dei vini italiani. Pertanto i riferimenti riguardanti le informazioni riportatesono tratte principalmente dal web. Per errori o informazioni incomplete Vi preghiamo di darcene comunicazione per modificarle non appena possibile | Note legali | Powered by CMSimple_XH |