Vini, cantine e disciplinari dei vini italiani

Ti trovi in:   Home > Blog – Terre Lariane Igt

Loading

Blog

 

Terre Lariane Igt

25.11.2015

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A IGT  "TERRE LARIANE"


Approvato con D.M. 17.07.2008 G.U. 177 – 30.07.2008
Errata Corrige G.U. 223 – 23.09.2008
Modificato con D.M. 24.07.2009 G.U. 184 – 10.08.2009
Modificato con D.M. 30.11.2011 G.U. 295 – 20.12.2011
Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza Vini DOP e IGP
Modificato con D.M. 7.03.2014 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza Vini DOP e IGP


Articolo 1
Denominazione e vini
1. L'indicazione geografica tipica «Terre Lariane», accompagnata o meno dalle specificazioni
previste dal presente disciplinare di produzione, è riservata ai mosti e ai vini che rispondono alle
condizioni ed ai requisiti in appresso indicati.
«Terre Lariane» Bianco, anche nelle tipologie frizzante e passito;
«Terre Lariane» Rosso, anche nelle tipologie frizzante, passito e novello;
«Terre Lariane» Rosato, anche nelle tipologie frizzante e novello;
«Terre Lariane» Verdese bianco;
«Terre Lariane» Chardonnay;
«Terre Lariane» Pinot bianco;
«Terre Lariane» Riesling;
«Terre Lariane» Sauvignon;
«Terre Lariane» Trebbiano (da Trebbiano toscano);
«Terre Lariane» Barbera;
«Terre Lariane» Cabernet sauvignon;
«Terre Lariane» Merlot;
«Terre Lariane» Marzemino;
«Terre Lariane» Croatina;
«Terre Lariane» Sangiovese;
«Terre Lariane» Schiava.


Articolo 2
Base ampelografica
1. L'indicazione geografica tipica «Terre Lariane» è riservata ai seguenti vini:
bianchi, anche nella tipologia frizzante e passito;
rossi, anche nella tipologia frizzante, passito e novello;
rosati, anche nella tipologia frizzante e novello;
con la specificazione del nome di un vitigno.
2. I vini a indicazione geografica tipica «Terre Lariane» bianchi, rossi e rosati devono essere
ottenuti da uve provenienti da vigneti composti, nell'ambito aziendale, da uno o più vitigni idonei
alla coltivazione nella Regione Lombardia e iscritti nel Registro Nazionale delle varietà di vite per
uve da vino, approvato con D.M. 7 maggio 2004 e successivi aggiornamenti, riportati nell'allegato
1 del presente disciplinare.

3. L'indicazione geografica tipica «Terre Lariane» con la specificazione di uno dei seguenti vitigni :
Verdese bianco, Chardonnay, Riesling, Sauvignon, Trebbiano (da Trebbiano Toscano) è riservata
ai vini ottenuti da uve provenienti da vigneti composti, nell'ambito aziendale, per almeno l'85% dal
corrispondente vitigno.
Possono concorrere, da sole o congiuntamente, alla produzione dei mosti e dei vini sopra indicati, le
uve dei vitigni a bacca di colore analogo, non aromatici, idonei alla coltivazione nella Regione
Lombardia, fino ad un massimo del 15%.
L'indicazione geografica tipica «Terre Lariane» con la specificazione di uno dei seguenti vitigni:
Barbera, Cabernet sauvignon, Merlot, Marzemino, Croatina, Sangiovese, Schiava è riservata ai vini
ottenuti da uve a bacca rossa provenienti da vigneti composti, nell'ambito aziendale, per almeno
l'85% dal corrispondente vitigno.
Possono concorrere, da sole o congiuntamente, alla produzione dei mosti e dei vini sopra indicati, le
uve dei vitigni a bacca di colore analogo, non aromatici, idonei alla coltivazione nella Regione
Lombardia, fino ad un massimo del 15%.


Articolo 3
Zona di produzione uve
1. La zona di produzione delle uve per l'ottenimento dei mosti e dei vini designati con
l'indicazione geografica tipica «Terre Lariane» comprende l'intero territorio amministrativo dei
seguenti comuni di collina e di montagna della provincia di Como: Albavilla, Albese con Cassano,
Albiolo, Alserio, Alzate Brianza, Anzano del Parco, Appiano Gentile, Argegno, Arosio, Asso,
Barni, Bellagio, Bene Lario, Beregazzo con Figliaro, Binago, Bizzarone, Blevio, Brenna, Brienno,
Brunate, Bulgarograsso, Cabiate, Cadorago, Caglio, Cagno, Cantù, Canzo, Capiago Intimiano,
Carate Urio, Carimate, Carlazzo, Carugo, Caslino d'Erba, Casnate con Bernate, Cassina Rizzardi,
Castelmarte, Castelnuovo Bozzente, Cavallasca, Cermenate, Cernobbio, Civenna, Colonno, Como,
Consiglio di Rumo, Corrido, Cremia, Cucciago, Dizzasco, Domaso, Dongo, Drezzo, Erba, Eupilio
Faggeto Lario, Faloppio, Figino Serenza, Fino Mornasco, Gera Lario, Gironico, Grandate, Grandola
ed uniti, Gravedona, Griante, Guanzate, Inverigo, Laglio, Lambrugo, Lasnigo, Lenno, Lezzeno,
Lipomo, Longone al Segrino, Luisago, Lurago d'Erba, Lurate Caccivio, Magreglio, Mariano
Comense, Maslianico, Menaggio, Merone, Mezzegra, Moltrasio, Monguzzo, Montano Lucino,
Montemezzo, Montorfano, Musso, Nesso, Novedrate, Olgiate Comasco, Oltrona di San Mamette,
Orsenigo, Ossuccio, Paré, Pianello del Lario, Pigra, Plesio, Pognana Lario, Pontelambro, Porlezza,
Proserpio, Pusiano, Rezzago, Rodero, Ronago, Sala Comacina, San Fermo della Battaglia, San Siro,
Schignano, Senna Comasco, Solbiate, Sorico, Sormano, Tavernerio, Torno, Tremezzo, Trezzone,
Uggiate-Trevano, Valbrona, Valmorea, Valsolda, Veleso, Vercana, Vertemate con Minoprio, Villa
Guardia, Zelbio;
e dei seguenti comuni di collina e di montagna della provincia di Lecco: Abbadia Lariana, Airuno,
Annone di Brianza, Barzago, Barzanò, Bellano, Bosisio Parini, Brivio, Bulciago, Calco,
Calolziocorte, Casatenovo, Cassago Brianza, Castello di Brianza, Cernusco Lombardone, Cesana
Brianza, Civate, Colico, Colle Brianza, Costamasnaga, Cremella, Dervio, Dolzago, Dorio, Ello,
Galbiate, Garbagnate Monastero, Garlate, Imbersago, Introzzo, Lecco, Lierna, Lomagna, Malgrate,
Mandello del Lario, Merate, Missaglia, Molteno, Monte Marenzo, Montevecchia, Monticello
Brianza, Nibionno, Oggiono, Olgiate Molgora, Olginate, Oliveto Lario, Osnago, Paderno d'Adda,
Perego, Perledo, Pescate, Robbiate, Rogeno, Rovagnate, Santa Maria Hoè, Sirone, Sirtori, Sueglio,
Suello, Torre De' Busi, Valgreghentino, Valmadrera, Varenna, Vendrogno, Vercurago, Verderio
Inferiore, Verderio Superiore, Vestreno, Viganò.


Articolo 4
Norme per la viticoltura
1. Le condizioni ambientali e di coltura dei vigneti destinati alla produzione dei vini di cui all'art.2
devono essere quelle tradizionali della zona.
2. La produzione massima di uva per ettaro di vigneto in coltura specializzata, nell'ambito
aziendale, non deve essere superiore per i vini a indicazione geografica tipica «Terre Lariane» per
tutte le tipologie a tonnellate 12 per ettaro.
3. Le uve destinate alla produzione dei vini a indicazione geografica tipica «Terre Lariane», seguita
o meno dal riferimento del vitigno, devono assicurare ai vini un titolo alcolometrico volumico
naturale minimo di:
10,00 % per i bianchi comprese le tipologie frizzante e passito;
10,50 %per i rosati comprese le tipologie frizzante e novello;
10,50 % per i rossi comprese le tipologie frizzante, passito e novello
10,00% vol. «Terre Lariane» con la specificazione di uno dei seguenti vitigni: Verdese bianco,
Chardonnay, Pinot bianco, Riesling, Sauvignon, Trebbiano (da Trebbiano toscano);
10,50% vol. per «Terre Lariane» con la specificazione di uno dei seguenti vitigni: Barbera,
Cabernet sauvignon, Merlot, Marzemino, Croatina, Sangiovese, Schiava.
E' ammessa l'irrigazione di soccorso.


Articolo 5
Norme per la vinificazione
1. Nella vinificazione sono ammesse soltanto le pratiche atte a conferire ai vini le proprie peculiari
caratteristiche.
Le operazioni di vinificazione devono essere effettuate all'interno della zona di produzione delle
uve delimitata all'art. 3.
E' fatta salva la deroga prevista all'art.6, comma 4, secondo capoverso, del Regolamento CE n.
607/2009 per effettuare la vinificazione al di fuori della predetta zona delimitata fino al 31
dicembre 2012.
3. La resa massima dell'uva in vino finito, pronto per il consumo, non deve essere superiore al 80%
per tutti i tipi di vino e al 50 % per il passito.


Articolo 6
Caratteristiche al consumo
1. I vini a indicazione geografica tipica «Terre Lariane», all'atto dell'immissione al consumo,
devono avere le seguenti caratteristiche:
«Terre Lariane» bianco
colore: giallo paglierino;
odore: fine, floreale e minerale;
sapore: tipico, secco, sapido;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,50% vol;
acidità totale minima: 5,00 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15,00 g/l.
«Terre Lariane» rosso
colore: rosso rubino;
odore: intenso, fruttato e speziato;
sapore: sapido, fresco e tipico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,00% vol;
acidità totale minima: 4,50 g/l;
estratto non riduttore minimo: 18,00 g/l.
«Terre Lariane» rosato
colore: rosato cerasuolo;
odore: fine, floreale;
sapore: tipico, caratteristico, secco;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,00% vol;
acidità totale minima: 4,50 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15,00 g/l.
2. I vini a indicazione geografica tipica «Terre Lariane» con la specificazione del nome del vitigno,
all'atto dell'immissione al consumo, oltre alle caratteristiche sopra specificate per i vini del
corrispondente colore, devono presentare le caratteristiche organolettiche proprie del vitigno.
3. I vini a indicazione geografica tipica «Terre Lariane», anche con la specificazione del nome del
vitigno, prodotti nelle tipologie "novello" e "frizzante", all'atto dell'immissione al consumo,
devono avere il seguente titolo alcolometrico volumico totale minimo:
«Terre Lariane» novello 11,00% vol;
«Terre Lariane» frizzante 10,50% vol.


Articolo 7
Designazione e presentazione
1. Alla denominazione di cui all'art. 1 è vietata l'aggiunta di qualsiasi qualificazione diversa da
quelle previste nel presente disciplinare, ivi compresi gli aggettivi: «extra», «fine», «scelto»,
«selezionato» «superiore» e similari.
2. E' tuttavia consentito l'uso di indicazioni che facciano riferimento a nomi aziendali, ragioni
sociali, marchi privati non aventi significato laudativo e non idonei a trarre in inganno il
consumatore.


Articolo 8
Legame con l'ambiente geografico
A) Informazione sulla zona geografica
Fattori naturali rilevanti per il legame
La zona geografica delimitata comprende il territorio del Lario, la sponda settentrionale del Ceresio,
la fascia collinare che abbraccia la Brianza, i laghetti morenici e l'olgiatese, per un totale di 195
comuni di cui 126 in provincia di Como e 69 in provincia di Lecco.
Da un punto di vista climatico i territori per risorse radiative, termiche, e pluviometriche sono
vocati ad una viticoltura di qualità. Dette risorse negli areali vocati delle due provincie manifestano
valori del tutto analoghi a quelli riscontrati nelle migliori aree viticole italiane e mondiali.
Il clima delle provincie di Como e Lecco è generato da una vasta gamma di fattori operanti alle
diverse scale, fra i quali si possono in particolare ricordare:
1. la localizzazione alle medie latitudini che implica sia la vicinanza di "regioni sorgenti" di masse
d'aria con caratteri peculiari (la fredda aria artica, l'umida e mite aria atlantica da cui discende
l'abbondante piovosità estiva, l'aria russo – siberiana molto fredda in inverno, l'aria subtropicale
torrida) sia la presenza di una circolazione atmosferica vivace e in grado di portare le masse d'aria
sopraelencate a contatto con il territorio in esame;
2. l'appartenenza alla regione padano-alpina, grande bacino delimitato dalle catene alpina ed
appenninica e con un'apertura principale verso est, che ad esempio favorisce l'ingresso di aria
fredda siberiana in inverno;
3. la presenza del Lario, grande massa idrica con un significativo effetto sul clima. In particolare
rispetto all'area padana le zone costiere del lago presentano scarsità di nebbie, una buona
ventilazione garantita dalle brezze di lago e temperature relativamente miti (in media 2°C in più
rispetto alla pianura padana in inverno, 1 -2°C in meno in estate). Se tale effetto lacustre può essere
a prima vista qualificato come "effetto mediterraneo", l'abbondante piovosità estiva induce più
correttamente a parlare di "effetto oceanico";
4. La struttura locale del rilievo (giacitura, pendenza, esposizione) da cui derivano effetti peculiari
su radiazione solare, temperature, precipitazione umidità relativa e venti.
Si spiega così la varietà dei climi locali e dei microclimi delle provincie di Como e Lecco.
Per quanto riguarda i suoli e' possibile suddividere il territorio IGT in tre macroaree: la macroarea
Alpi, la macroarea Prealpi e l'Alta Pianura .
Nelle tre aree si inserisce il Lago di Como che delimita a est il gruppo delle Orobie e Prealpi
bergamasche, a ovest le Prealpi luganesi mentre a sud si raccorda con la Pianura Padana. Tra le
diramazioni meridionali del lago si inserisce il Triangolo Lariano parte delle Prealpi comasche.
La zona alpina può essere definita come il territorio a nord della linea Menaggio - Centro Lago
Bellano - Valsassina Introbio - Passo del Cedrino - Valtorta, con prevalenza di antichissime rocce
metamorfiche, montagne elevate spesso di altezza superiore ai 2000 metri, e circhi glaciali.
La zona prealpina è a sud della linea orobica, caratterizzata dalla presenza di montagne in genere
inferiori ai 2000 metri con prevalenza quasi assoluta di sedimenti marini mesozoici, abbondanza di
calcari, di dolomie e di marne. All'interno di questo territorio si possono individuare i seguenti
complessi: il Triangolo Lariano, il gruppo delle Grigne, le Prealpi Lecchesi orientali e il Monte
Barro.
L'alta pianura invece si colloca nella zona di transizione tra le Prealpi e la zona di pianura vera e
propria. Dal punto di vista geologico è possibile operare una distinzione tra un basamento
caratterizzato da sequenze tardo-mesozoiche e cenozoiche e una coltre di depositi continentali di età
quaternaria. Il basamento prequaternario è rappresentato dalle formazioni della "Scaglia Lombarda"
con una successione di marne e marne calcaree e argillose di colore variabile, fittamente stratificate,
cui si succedono alternanze ritmiche di marne, argilliti e arenarie, intercalate da calcareniti
localmente marnose. Questi materiali costituiscono il basamento di Colle Brianza, di Montevecchia
e di Monte Marenzo.
I depositi quaternari che ricoprono il settore meridionale dell'area sono stati prodotti dell'attività
glaciale quaternaria e dai depositi legati alla rete idrica superficiale.
Fattori umani rilevanti per il legame
Numerose sono nel passato le note storiche e letterarie, testimonianze di un trascorso vinicolo delle
nostre terre.
Già Strabone, Geografia (63 a. C. – 19 d. C.) scrive" i Reti si stendono fino a quella parte d'Italia
che è sopra Verona e Como. E il vino retico, degno di non essere dimenticato tra i vini italiani
celebri, si produce alle falde dei loro monti."
[Le sponde del Lario] sono circondate come da una cintura dal verde perpetuo degli uliveti: più
sopra frondosi vigneti risalgono il fianco del monte. Aurelio Cassiodoro, Lettere varie ( 485-575)
Nel corso dei secoli le menzioni sono numerose , quasi sempre si parla di vini "leggeri", "beverini".
A questa panoramica si aggiunge l'enclave brianzola di Montevecchia, che sicuramente produceva
vini di grande pienezza, come riportato in epoca di poco precedente da Sebastiano Compagni: A
mezzogiorno del Lario è la modesta regione detta del Monte di Brianza, popolata di villaggi, dove
si fa un vino buonissimo.
Sebastiano Compagni, Geografia (1509, circa)
Ora questa separazione in zone non deve essere considerata una regola: infatti entrambi i territori
sono vocati alla produzione di vini bianchi , così come di ottima Schiava per produrre eventuali
chiaretti ne è sempre stata ricca anche la zona di Montevecchia; tuttavia, l'esposizione e il terreno
della sponda orientale del Lario, quelli della riva Occidentale e le condizioni delle colline brianzole
attorno a Montevecchia sono effettivamente differenti e determinano vocazioni viticole diverse.
La base ampelografica era ricca di varietà appartenenti a tutto il nord Italia , con riferimenti precisi
alla Verdesa (o verdese bianco, unica varietà riconosciuta autoctona), alla borgognina (pinot bianco
e nero), alla schiava (chiamata butascera) .
Limiti che hanno portato con il tempo ad una situazione di abbandono sono stati , primo tra tutti , la
scarsa redditività economica di una attività, già di per sé difficile in pianura e in collina, certamente
eroicase perseguita sulle strette terrazze aggrappate alla montagna, che caratterizzano l'Alto Lago di
Como e i terrazzamenti molto declivi della zona di Montevecchia.
In secondo luogo l'arrivo della Fillossera, la prima segnalazione di presenza della fillossera in Italia
pare sia avvenuta proprio nel territorio di Valmadrera (LC) e di Agrate (MI).
Infine il frazionamento dei poderi, incentivato dalla scarsa disponibilità di territorio utile e la
crescente industrializzazione che nel territorio lecchese e comasco ha riguardato il settore
siderurgico e la filiera produttiva della seta.
Gli elementi che oggi invece hanno portato alla ripresa della viticoltura e che fanno sperare ad una
crescita produttiva già in atto sono legati , oltre che alla qualità dei vini , soprattutto bianchi, che
marcano un carattere minerale e sapido molto importante, alla natura stessa del territorio, alla sua
bellezza e alla sua varietà, tra lago, colline e montagne, che permette di attirare sul luogo i
potenziali consumatori dei propri prodotti.
Essi costituiscono una possibilità di riscatto di questa realtà agricola proprio nella incentivazione di
piccole aziende a par-time professionale o a carattere imprenditoriale, e di un agriturismo diffuso
dove la complementarietà tra prodotti diversi e l'eliminazione di costi aggiuntivi nella catena
distributiva consentono, in linea di principio, di rendere ragionevolmente redditizio quello che non
potrebbe esserlo altrimenti.
Questo riscatto è possibile, come dimostrano alcune realtà viticole nella zona di Montevecchia e
olivicole nella zona del Lario, dove il giusto connubio tra coltivazione della terra, trasformazione
del prodotto e offerta di servizi con l'attività di agriturismo, hanno creato un interesse crescente non
solo all'interno del territorio, ma anche oltre confine.
B) Informazioni sulla qualità o sulle caratteristiche del prodotto essenzialmente o esclusivamente
attribuibili all'ambiente geografico
I vini di cui al presente disciplinare di produzione presentano, dal punto di vista analitico ed
organolettico, caratteristiche molto evidenti e peculiari, descritte all'articolo 6, che ne permettono
una chiara individuazione e tipicizzazione legata all'ambiente geografico.
In particolare tutti i vini bianchi presentano caratteristiche chimico-fisiche equilibrate in tutte le
tipologie, mentre al sapore e all'odore si riscontrano aromi prevalenti tipici dei vitigni, caratterizzati
da una nota comune di sapidità e acidità rilevante e duratura.
Per quanto riguarda i vini bianchi tutte le varietà risultano fornire vini non molto intensi ma molto
piacevoli e apprezzati. Il territorio nel suo complesso, nell'interazione tra area di
coltivazione/lago/tecnica di produzione, esalta la produzione vini fini ed eleganti. Al naso si
percepiscono sempre note fruttate e di frutta tropicale seguite da un leggero sentore floreale. Tutte
le varietà esprimono al palato buoni livelli di acidità bilanciati da note sapide.
Invece I vini rossi presentano una costanza di comportamento lungo le diverse fasi di assaggio (vini
grezzi efiniti) a conferma dell'origine territoriale dei sentori degustati. Tutte le varietà forniscono
vini leggeri, mediamente strutturati e privi di note amare. Al naso si percepiscono sempre note di
frutta rossa (ciliegia) e confettura.
C) Descrizione dell'interazione causale fra gli elementi di cui alla lettera A) e quelli di cui alla
lettera B).
L'orografia collinare del territorio di produzione e l'esposizione prevalente dei vigneti, orientati a
ad est sud est, e localizzati in zone particolarmente vocate alla coltivazione della vite, concorrono a
determinare un ambiente adeguatamente ventilato, luminoso, favorevole all'espletamento di tutte le
funzioni vegeto-produttive della pianta.
Nella scelta delle aree di produzione vengono privilegiati i terreni con buona esposizione adatti ad
una viticoltura di qualità.
La storia vitivinicola della regione, pur avendo subito un periodo di stallo produttivo e anzi di
involuzione, dovuta alla difficoltà di produzione di queste aree con terrazzate e con forti pendenze,
è attestata da numerosi documenti, che riportano la stretta connessione ed interazione esistente tra i
fattori umani e la qualità e le peculiari caratteristiche del vino "Terre Lariane"
La IGT «Terre Lariane» è stata riconosciuta con Decreto ministeriale del 17 luglio 2008


Articolo 9
Riferimenti alla struttura di controllo
VALORITALIA S.r.l.
Sede legale: Via Piave, 24 – 00187 – ROMA
+3906-45437975
info@valoritalia.it
Valoritalia S.r.l. è l'Organismo di controllo autorizzato dal Ministero delle politiche agricole
alimentari e forestali, ai sensi dell'articolo 13 del decreto legislativo n. 61/2010 (Allegato 2) che
effettua la verifica annuale del rispetto delle disposizioni del presente disciplinare, conformemente
all'articolo 25, par. 1, 1° capoverso, lettera b) e c), ed all'articolo 26, par. 1, del Reg. CE n.
607/2009, per i prodotti beneficianti della IGP, mediante una metodologia dei controlli combinata
(sistematica ed a campione) nell'arco dell'intera filiera produttiva (viticoltura, elaborazione,
confezionamento), conformemente al citato articolo 25, par. 1, 2° capoverso.
In particolare, tale verifica è espletata nel rispetto di un predeterminato piano dei controlli,
approvato dal Ministero, conforme al modello approvato con il DM 14 giugno 2012, pubblicato in
G.U. n. 150 del 29.06.2012 (Allegato 3).

 


PROPONI LA NOTIZIA

OkNotizie     

 

Immagini e/o testi possono essere tratti dal web. In nessun caso i testi riportati sostituiscono i documenti ufficiali


 

 


NOVITA

NOVITA

NOVITA

Inizio pagina |Tv15 è un sito amatoriale creato da appassionati dei vini italiani. Pertanto i riferimenti riguardanti le informazioni riportatesono tratte principalmente dal web. Per errori o informazioni incomplete Vi preghiamo di darcene comunicazione per modificarle non appena possibile | Note legali | Powered by CMSimple_XH |