Vini, cantine e disciplinari dei vini italiani

Ti trovi in:   Home > Blog – Terre Siciliane Igt

Loading

Blog

 

Terre Siciliane Igt

25.11.2015

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA
DEI VINI "TERRE SICILIANE".


Approvato con D.M. 22.11.2011 G.U. 284 – 06.12.2011 (S.O. 252)
Modificato con DM 30.11.2011 G.U. 295 – 20.12.2011
Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza Vini DOP e IGP
Modificato con D.M. 12.07.2013 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
(concernente correzione dei disciplinari) Sezione Qualità e Sicurezza - Vini DOP e IGP
Modificato con D.M. 07.03.2014 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza - Vini DOP e IGP


Articolo 1
Denominazione e vini
L'indicazione geografica tipica "Terre Siciliane" è riservata ai mosti ed ai vini che
rispondono alle condizioni ed ai requisiti stabiliti nel presente disciplinare per le seguenti tipologie:
- bianco, anche nelle tipologia frizzante, spumante, passito, vendemmia tardiva e liquoroso;
- rosso, anche nelle tipologia frizzante, passito, vendemmia tardiva, novello e liquoroso;
- rosato, anche nella tipologia frizzante, spumante, passito.
- con specificazione di uno dei vitigni idonei alla coltivazione nella Regione Sicilia.
- con specificazione di due o tre o quattro vitigni compresi fra quelli idonei alla coltivazione nella
Regione Sicilia.


Articolo 2
Base ampelografia
1. I vini a indicazione geografica tipica "Terre Siciliane" bianchi, rossi e rosati devono essere
ottenuti da uve provenienti da vigneti composti, nell'ambito aziendale, da uno o più vitigni idonei
alla coltivazione nella Regione Sicilia a bacca di colore corrispondente, iscritti nel Registro
Nazionale delle varietà di vite per uve da vino approvato con D.M. 7 maggio 2004, e successivi
aggiornamenti, riportati nell'allegato 1 del presente disciplinare.
2. L'indicazione geografica tipica "Terre Siciliane" con la specificazione di uno dei vitigni, idonei
alla coltivazione nella Regione Siciliaè riservata ai vini ottenuti da uve provenienti da vigneti
composti, nell'ambito aziendale, per almeno l'85% dai corrispondenti vitigni.
Possono concorrere, da sole o congiuntamente, alla produzione dei mosti e vini sopra indicati, le
uve dei vitigni a bacca di colore analogo idonei alla coltivazione nella Regione Sicilia fino a un
massimo del 15%.
3. L'indicazione geografica tipica "Terre Siciliane" con la specificazione di due o tre o quattro
vitigni compresi fra quelli idonei alla coltivazione nella Regione Sicilia, iscritti nel Registro
Nazionale delle varietà di vite per uve da vino approvato con D.M. 7 maggio 2004 e successivi
aggiornamenti, riportati nell'allegato 1 del presente disciplinare, è consentita a condizione che:
- il vino derivi esclusivamente da uve prodotte dai vitigni ai quali si vuole fare riferimento;
- l'indicazione dei vitigni deve avvenire in ordine decrescente rispetto all'effettivo apporto delle uve
da essi ottenute e in caratteri della stessa dimensione;
- il quantitativo di uva prodotta per il vitigno presente nella misura minore deve essere comunque non
inferiore al 15% del totale.
4. I vini a indicazione geografica tipica "Terre Siciliane" con la specificazione di uno o più vitigni
di cui al presente articolo possono essere prodotti anche nella tipologia frizzante per i bianchi, rossi
e rosati; nella tipologia spumante per i bianchi e rosati; nella tipologia passito per i bianchi, rossi e
rosati ; nella tipologia liquoroso per i bianchi e i rossi; nella tipologia novello per i rossi.


Articolo 3
Zona di produzione
La zona di produzione delle uve per l'ottenimento dei mosti e dei vini atti a essere designati
con l'indicazione geografica tipica "Terre Siciliane" comprende l'intero territorio amministrativo
della Regione Sicilia.


Articolo 4
Norme per la viticoltura
1. Le condizioni ambientali e di coltura dei vigneti destinati alla produzione dei vini di cui all'art. 1
devono essere quelle tradizionali della zona.
2. La produzione massima di uva per ettaro di vigneto in coltura specializzata, nell'ambito
aziendale, non deve essere superiore per i vini a indicazione geografica tipica " Terre Siciliane" con
o senza la specificazione del vitigno, a tonnellate 18 per i vini bianchi e a tonnellate 16 per i vini
rossi e rosati.
3. Le uve destinate alla produzione dei vini a indicazione geografica tipica "Terre Siciliane", seguita
o meno dal riferimento al vitigno, devono assicurare ai vini un titolo alcolometrico volumico
naturale minimo di :
10% vol per i bianchi;
10% vol per i rosati;
10,50 % vol per i rossi;
10% vol per gli spumanti bianco e rosato;
12% vol per i liquorosi;
10,50 % per il novello;
10% vol per il passito bianco (prima dell'appassimento);
10,50 % vol per il passito rosso (prima dell'appassimento);
13% vol per la vendemmia tardiva.
Nel caso di annate particolarmente sfavorevoli, detto valore, con provvedimento regionale, può
essere ridotto dello 0,5% vol.


Articolo 5
Norme per la vinificazione
1. Le operazioni di vinificazione devono essere effettuate all'interno del territorio amministrativo
della regione Sicilia, fatta salva la deroga prevista dalla vigente normativa per effettuare le stesse al
di fuori della zona di produzione fino al 31/12/2012.
2. Nella vinificazione sono ammesse soltanto le pratiche atte a conferire ai vini le proprie peculiari
caratteristiche.
3. La resa massima dell'uva in vino finito, pronto per il consumo, non deve essere superiore
all'80% per tutti i tipi di vini bianchi, al 75% per i vini rosati, all'80% per i vini rossi, al 50% per i
vini passiti; per le tipologie liquoroso tali rese sono al netto dell'alcolizzazione che può essere
effettuata con alcol di natura vinosa, con alcol vinico e con aggiunta di acquavite di vino.
4. Per le uve destinate alla produzione dei vini a indicazione geografica tipica "Terre Siciliane"
passito è consentito un leggero appassimento sulla pianta o sui graticci.


Articolo 6
Caratteristiche al consumo
1. I vini a indicazione geografica tipica "Terre Siciliane", anche con la specificazione del/i nome/i
del/i vitigno/i, all'atto dell'immissione al consumo, devono avere le seguenti caratteristiche:
"Terre Siciliane" bianco:
colore: giallo paglierino più o meno intenso;
odore: fine, elegante;
sapore: da secco a dolce, equilibrato, caratteristico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,50% vol;
acidità totale minima: 3,50g/l;
estratto non riduttore minimo: 13,0 g/l.
"Terre Siciliane" bianco vendemmia tardiva:
colore: dal giallo paglierino al dorato;
odore: caratteristico, delicato, persistente;
sapore: da secco a dolce, tipico, armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 13,00% vol di cui almeno l'10,00% vol svolto;
acidità totale minima: 3,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 22,0 g/l.
"Terre Siciliane" rosso:
colore: rosso rubino più o meno intenso;
odore: gradevole, fine;
sapore: da secco a dolce, armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11 ,00% vol;
acidità totale minima: 3,5 g/l
estratto non riduttore minimo: 17,0 g/l.
"Terre Siciliane" rosso vendemmia tardiva:
colore: rosso rubino, tendente al granato con l'invecchiamento;
odore: caratteristico, delicato, persistente;
sapore: da secco a dolce, tipico, armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 13,00% vol di cui almeno il 10,00% vol svolto;
acidità totale minima: 3,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 24,0 g/l.
"Terre Siciliane" rosato:
colore: rosa più o meno intenso;
odore: fine, elegante;
sapore: da secco a dolce, armonico, equilibrato;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,50% vol;
acidità totale minima: 3,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 14,0 g/l.
"Terre Siciliane" Spumante bianco:
spuma: fine, persistente;
colore: giallo paglierino più o meno intenso;
odore: caratteristico, fine;
sapore: da extrabrut a dolce, fresco, armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,50% vol;
acidità totale minima: 3,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 12,0 g/l.
"Terre Siciliane" Spumante Rosato:
spuma: fine, persistente;
colore: rosato più o meno intenso;
odore: caratteristico, delicato;
sapore: da extrabrut a dolce, fresco, armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,50% vol;
acidità totale minima: 3,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 12,0 g/l.
"Terre Siciliane" bianco passito:
colore: giallo tendente all'ambra a seconda dell'invecchiamento;
odore: intenso, fruttato;
sapore: da secco a dolce, caratteristico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 16,00% vol con residuo zuccherino minimo di 50,0
grammi;
acidità totale minima: 3,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 24,0 g/l.
"Terre Siciliane" rosso passito:
colore: rosso più o meno carico tendente al granato con l'invecchiamento;
odore: caratteristico ed intenso;
sapore: da secco a dolce, armonico e vellutato;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 16,00% vol con residuo zuccherino minimo di 50,0
grammi;
acidità totale minima: 3,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 24,0 g/l.
2. I vini a indicazione geografica tipica "Terre Siciliane" con la specificazione del nome del
vitigno, all'atto dell'immissione al consumo, oltre alle caratteristiche sopra specificate per i vini del
corrispondente colore, devono presentare le caratteristiche organolettiche proprie del vitigno.
3. I vini a indicazione geografica tipica "Terre Siciliane", anche con la specificazione del nome del
vitigno, prodotti nelle tipologie "frizzante", "novello" e "liquoroso", all'atto dell'immissione al
consumo, possono avere un titolo alcolometrico volumico totale minimo:
"Terre Siciliane" frizzante: 9,00%;
"Terre Siciliane" novello: 11,0%;
"Terre Siciliane" liquoroso: 15%.


Articolo 7
Etichettatura e presentazione
1. All'indicazione geografica tipica "Terre Siciliane" è vietata l'aggiunta di qualsiasi qualificazione
diversa da quelle previste nel presente disciplinare di produzione, ivi compresi gli aggettivi "extra",
"fine", "scelto", "selezionato", "superiore" e similari.
2. È tuttavia consentito l'uso di indicazioni che facciano riferimento a nomi, ragioni sociali e
marchi privati purché non abbiano significato laudativo e non siano tali da trarre in inganno il
consumatore.


Articolo 8
Legame con l'ambiente geografico
A) Informazioni sulla zona geografica
1) Fattori naturali rilevanti per il legame
La zona geografica delimitata comprende l'intero territorio amministrativo della Regione Sicilia.
L'orografia mostra dei contrasti netti tra la porzione settentrionale, prevalentemente montuosa,
quella centro-meridionale e sud-occidentale, essenzialmente collinare; quella tipica di altopiano,
presente nella zona sud-orientale e quella vulcanica nella Sicilia orientale. Le zone pianeggianti si
concentrano maggiormente nelle aree costiere.
La rete idrografica è molto complessa; numerosi sono i corsi d'acqua a regime torrentizio e molti a
corso breve e rapido; le valli fluviali sono per lo più strette ed approfondite nella zona montuosa,
sensibilmente più aperte nella zona collinare.
Le formazioni litologiche siciliane possono essere assemblate nei seguenti complessi:
- Complesso clastico di deposizione continentale;
- Complesso vulcanico (Etna e vulcaniti antiche degli Iblei);
- Complesso sabbioso-calcarenitico plio-pleistocenico;
- Complesso argilloso-marnoso comprendente tutte le formazioni prevalentemente argillose presenti
nel territorio siciliano;
- Complesso evaporitico comprendente i tipi litologici della Formazione Gessoso-Solfifera del
Miocene Superiore;
- Complesso conglomeratico-arenaceo;
- Complesso arenaceo-argilloso-calcareo comprendente tutte le varie formazioni a prevalente
componenete arenacea, diffuse nella Sicilia settentrionale;
- Complesso carbonatico comprendente parte dei Peloritani e la serie calcarea degli Iblei;
- Complesso filladico e scistoso cristallino (nella catena peloritana).
Per quanto riguarda il clima, si possono distinguere quattro ambienti climatici primari:
- Ambiente costiero: clima mite con temperatura media annua intorno a 18° C, piovosità media annua
di 400-500 mm (province di Trapani, Palermo e Agrigento); ridotta o quasi assenza di pioggia
durante la stagione calda. Nel litorale compreso tra Cefalù e Messina la piovosità media annua è di
800 mm, mentre in quello dell'alto Ionio arriva anche a 900 mm.
- Ambiente area Etna: il clima è umido, specie sul versante settentrionale dove le piogge raggiungono
i 600-800 mm, nella fascia bassa, fino a superare i 1200 mm alle maggiori altitudini. Il versante
orientale è più piovoso di quello occidentale. La temperatura media annua risente dell'esposizione
dei versanti e dell'altimetria, infatti il versante orientale è più caldo mentre quello settentrionale
rimane il più freddo e danno origine ad ambienti rispettivamente più precoci o più tardivi. Il
versante sud-occidentale è quello più asciutto.
- Ambiente delle catene montuose (Peloritani, Nebrodi, Madonie e Sicani): la piovosità media annua
può arrivare a 1000 mm ed oltre. La temperatura media minima si approssima a 0° C e la media
massima intorno a 25° C.
- Ambiente della Sicilia interna e dell'Altopiano Ibleo: la temperatura media annua è superiore a 15°
C e quella media delle massime in estate arriva a 29° C; la piovosità annua è limitata anche a 400
mm, pertanto, nella Sicilia interna bassa collina (province di Trapani, Palermo, Agrigento e
Caltanissetta) il clima è caldo e arido, nella media collina del palermitano si hanno valori di pioggia
pari a 600-700 mm e nell'Altopiano Ibleo anche 800 mm.
2) Fattori umani rilevanti per il legame
La Sicilia è una delle regioni di più antica tradizione viticola come dimostrano i numerosi reperti
archeologici (ampeloliti fossili, anfore ad uso vinario, monete con figurazioni dionisiache e uvicole)
e le molteplici fonti letterarie greche e latine che fanno riferimento ai rinomati vini siciliani.
Sin dall'epoca dei Fenici (IX-IV secolo a.C.) il commercio di olio e vino è testimoniato dalla
presenza di anfore utilizzate per il trasporto e da altre tipologie di ceramiche, quali le brocche
bilobate e le coppe carenate, che costituivano i "servizi" normalmente impiegati per il consumo di
vino. Le recenti ricerche archeologiche dimostrano, inoltre, che i Fenici si occuparono anche di
attività agro-pastorali, oltre che di commercializzazione (M. Botto 2001).
Grande splendore i vigneti ebbero durante la colonizzazione dei Greci (VIII-III secolo a.C.), che
introdussero alcuni vitigni come il Grecanico, giunto sino ai nostri giorni. Si ritrovano
raffigurazioni di scene viticole sulle monete a testimonianza della sviluppata attività economica
della regione legata alla produzione vinaria.
Durante il dominio dei Romani (III secolo a.C.-V secolo d.C.), in particolare in età cesarea nella
Gallia è attestata la presenza di vino siciliano. Plinio citava il Mamertino del messinese, quando
Cesare brindò alla festa per il suo trionfo al terzo consolato.
Durante il declinio dei Romani, in Sicilia si afferma la classe dei grandi proprietari terrieri, come è
attestato dalla presenza di grandi ville rustiche come quella del Casale di Piazza Armerina, nei cui
mosaici sono rappresentate scene di vendemmia, a testimonianza della coltivazione dei vigneti nel
territorio.
Successivamente, le continue invasioni dei barbari nelle campagne portarono all'abbandono delle
stesse, per cui la coltivazione della vite cadde in declino.
Nonostante il Corano facesse divieto di assumere alcolici, durante il dominio dei Musulmani (827-
1061) venivano coltivate le uve da mensa e fu introdotto a Pantelleria il vitigno "Zebib" (oggi
Zibibbo o Moscato di Alessandria), tratto dal Capo Zebib in Africa di fronte l'isola di Pantelleria (B.
Pastena 1970).
La vite e l'ulivo ripresero la loro espansione durante il periodo della dominazione dei Normanni; in
seguito, durante il periodo della dominazione degli Aragonesi, il vino siciliano raggiunse grande
rinomanza, attestata dalla costituzione di numerose società di vendita di vino, come riferisce il
Cougnet nella sua "Historiae de la table".
Durante la dominazione degli Spagnoli (1512-1713), nei territori interni aumentarono i vigneti, gli
oliveti e i mandorleti e, dove abbondava l'acqua anche i giardini e le coltivazioni di ortaggi. Nel
cinquecento, Tommaso Fazello, nel suo "De rebus Siculis", cita come zone assai vitate il territorio
di Aci, il contado di Messina, la pianura ai piedi dell'Etna, la Val di Mazara e la piana di Palermo.
Bacci, nel suo celebre "Naturali vinorum historia", cita i vigneti alle falde del Monte Erice, quelli
del territorio di Palermo e dell'isola di Lipari, sparsa di fecondi colli. L'importanza della produzione
vitivinicola in questo periodo viene attestata dalla costituzione delle maestranze dei bottai a Salemi
nel 1683 e di quella di Palermo.
Durante il successivo dominio dei Piemontesi e degli Austriaci la viticolture visse un periodo di
crisi dalla quale si risollevò in epoca Borbonica, come attesta il viaggiatore lucchese G.A. Arnolfini,
nel suo "Giornale di viaggio" del 1776, dove parla del vino siciliano che si produce in abbondanza
in tutte le parti dell'isola. Il commerciante inglese John Woodhouse apre uno stabilimento vinicolo a
Marsala, sviluppando il commercio dei vini Marsala con l'Inghilterra; Anche Benjamin Ingham apre
diversi stabilimenti a Marsala e Mazara; ma ad esaltare lo sviluppo del commercio del Marsala
contribuì in maniera preponderante la fondazione di uno stabilimento da parte dell'imprenditore
Vincenzo Florio.
Nel 1862, Garibaldi tornò in Sicilia e visitò lo stabilimento Florio, bevve e lodò il Marsala dolce
che da allora in poi fu denominato "Garibaldi dolce".
Nella seconda metà dell'ottocento, l'invasione della fillossera distrugge gran parte dei vigneti
dell'isola e la vite viene soppiantata da altre colture.
Agli inizi del XX secolo si diffuse la tecnica dell'innesto su vite americana resistente alla fillossera
e la vite cominciò nuovamente a verdeggiare.
La crisi economica conseguente alla fillossera e la guerra commerciale con la Francia segnarono la
fine della produzione dei vini ad alta gradazione ed ad intenso colore, che venivano esportati in
Francia come vini da taglio, ed aumentò la produzione dei vini da pasto a più moderato tenore
alcolico, profumati e freschi.
E' verso la fine degli anni '80 ed i primi anni '90 che si può indicare l'inizio della moderna storia del
vino siciliano. Si assoda la capacità della Sicilia a produrre vini bianchi di qualità sia con vitigni
autoctoni come Inzolia, Catarratto, Grillo, sia con vitigni alloctoni, come lo Chardonnay, Muller
Turgau e Sauvignon. Negli anni novanta inizia la sperimentazione e la produzione di vini rossi di
alta qualità con il vitigno autoctono Nero d'Avola e gli alloctoni Cabernet, Merlot, Syrah, Petit
Verdot e Pinot nero.
Il protagonista indiscusso di tale nuovo corso è il Nero d'Avola, che anche in assemblaggio con altri
vitigni internazionali riesce a caratterizzare e a marcare il vino stesso, non solo per l'aspetto
cromatico, ma soprattutto perchè conferisce al vino una tipicità riconducibile ai sapori mediterranei.
L'incidenza dei fattori umani, nel corso della storia, è in particolare riferita alla puntuale definizione
dei seguenti aspetti tecnico produttivi, che costituiscono parte integrante del vigente disciplinare di
produzione:
- base ampelografica dei vigneti: i vitigni idonei alla produzione dei vini in questione, sono quelli
tradizionalmente coltivati nell'area geografica considerata;
- le forme di allevamento, i sesti d'impianto e i sistemi di potatura che, anche per i nuovi impianti,
sono quelli tradizionali e tali da perseguire la migliore e razionale disposizione sulla superficie delle
viti, sia per agevolare l'esecuzione delle operazioni colturali, sia per consentire la razionale gestione
della chioma, permettendo di ottenere una adeguata superficie fogliare ben esposta e di contenere le
rese di produzione di vino entro i limiti fissati dal disciplinare;
- le pratiche relative all'elaborazione dei vini, sono quelle tradizionalmente consolidate nella zona.
B) informazioni sulla qualità o sulle caratteristiche del prodotto essenzialmente o esclusivamente
attribuibili all'ambiente geografico.
I vini di cui al presente disciplinare presentano, dal punto di vista analitico ed organolettico,
caratteristiche molto evidenti e peculiari, descritte all'articolo 6, che ne permettono una chiara
individuazione e tipicizzazione legata all'ambiente geografico.
In particolare tutti i vini presentano caratteristiche chimico-fisiche equilibrate che contribuiscono al
loro equilibrio gustativo; in tutte le tipologie si riscontrano aromi gradevoli, armonici, caratteristici
ed eleganti, con eventuali note fruttate, floreali e vegetali tipici dei vitigni di partenza.
C) descrizione dell'interazione causale fra gli elementi di cui alla lettera A) e quelli di cui alla
lettera B).
L'orografia prevalentemente collinare del territorio di produzione, l'esposizione dei vigneti e
l'ubicazione degli stessi in zone particolarmente vocate alla coltivazione della vite, concorrono a
determinare un ambiente adeguatamente ventilato e luminoso, favorevole ad una ottimale
svolgimento delle funzioni vegeto-produttive della pianta.
Nella scelta delle aree di produzione vengono privilegiati i terreni con buona esposizione adatti ad
una viticoltura di qualità.
Anche il clima dell'area di produzione concorre alla produzione di vini di qualità.
La millenaria storia vitivinicola di questo territorio, dalla preistoria fino ai giorni nostri, attestata da
numerosi documenti, è la generale e fondamentale prova della stretta connessione ed interazione
esistente tra i fattori umani e la qualità e le peculiari caratteristiche dei vini della IGT "Terre
Siciliane".Ovvero è la testimonianza di come l'intervento dell'uomo nel particolare territorio abbia,
nel corso dei secoli, tramandato le tradizionali tecniche di coltivazione della vite ed enologiche, le
quali nell'epoca moderna e contemporanea sono state migliorate ed affinate, grazie all'indiscusso
progresso scientifico e tecnologico, fino ad ottenere i rinomati vini "Terre Siciliane", le cui peculiari
caratteristiche sono descritte all'articolo 6 del disciplinare.


Articolo 10
Riferimenti alla struttura di controllo
Istituto Regionale Vini e Oli
Viale della Libertà n° 66
90143 - Palermo
Telefono 091 6278111
Fax 091 347870;
e-mail irvv@vitevino.it
L'Istituto Regionale della Vite e del Vino è l'Autorità pubblica designata dal Ministero delle
politiche agricole alimentari e forestali, ai sensi dell'articolo 13 del decreto legislativo n. 61/2010
(Allegato 2) che effettua la verifica annuale del rispetto delle disposizioni del presente disciplinare,
conformemente all'articolo 25, par. 1, 1° capoverso, lettera b) e c), ed all'articolo 26, par. 1, del
Reg. CE n. 607/2009, per i prodotti beneficianti della IGP, mediante una metodologia dei controlli
combinata (sistematica ed a campione) nell'arco dell'intera filiera produttiva (viticoltura,
elaborazione, confezionamento), conformemente al citato articolo 25, par. 1, 2° capoverso.
In particolare, tale verifica è espletata nel rispetto di un predeterminato piano dei controlli,
approvato dal Ministero, conforme al modello approvato con il DM 14 giugno 2012, pubblicato in
G.U. n. 150 del 29.06.201 2 (Allegato 3).

 


PROPONI LA NOTIZIA

OkNotizie     

 

Immagini e/o testi possono essere tratti dal web. In nessun caso i testi riportati sostituiscono i documenti ufficiali


 

 


NOVITA

NOVITA

NOVITA

Inizio pagina |Tv15 è un sito amatoriale creato da appassionati dei vini italiani. Pertanto i riferimenti riguardanti le informazioni riportatesono tratte principalmente dal web. Per errori o informazioni incomplete Vi preghiamo di darcene comunicazione per modificarle non appena possibile | Note legali | Powered by CMSimple_XH |